Archivi categoria: Obbiettivi

10 Obiettivi Sony FE (Full Frame) Da Avere

Un’occhiata da vicino ai migliori obiettivi Sony FE per le fotocamere mirrorless Sony Full Frame, dai tele ai grandangoli

Sony 16-35mm f4 rocky beach photo

Le fotocamere mirrorless full frame Sony hanno creato molto chiacchiericcio nel mondo della fotografia, e continuano a migliorare ad ogni uscita. E’ vero che le opzioni per gli obiettivi Sony FE sono ancora limitate rispetto a quanto offrono Canon e Nikon, ma la collezione sta crescendo ed è ancora più impressionante nel 2019 di quanto fosse un anno fa. Di seguito analizziamo i migliori obiettivi Sony FE (full frame), inclusi zoom e obiettivi Prime, dai grandangoli ai teleobiettivi. Vista la forte relazione tra Sony e Zeiss, ci sono svariate opzioni di alto livello che dovrebbero far felice anche il più esigente dei fotografi.

1. Sony 24-70mm f/2.8 GM

Sony 24-70mm f2.8G lens

Categoria: Viaggio/ritratto
Peso: 31.3 oz.
Cosa ci piace: Qualità ottica eccellente.
Cosa non ci piace: Pesante e costoso.

Il 24-70mm f/2.8 GM è l’obiettivo che ha fatto diventare le mirrorless full frame Sony davvero competitive rispetto alle Reflex Canon e Nikon. Per Sony FE, il primo ad arrivare è stato il mediocre Sony 28-70mm f/3.5-5.6, poi il decente Sony 24-70mm f/4, ma nessuno era all’altezza degli standard professionali dei concorrenti a questo range di zoom. Ecco invece il 24-70mm f/2.8 GM, che è super nitido, crea un bokeh superbo, ed è estremamente ben fatto. Tutto considerato, potrebbe essere il miglior 24-70mm f/2.8 sul mercato in assoluto.

Se state cercando il miglior zoom FE in termini di qualità ottica, il 24-70mm f/2.8 GM è quello che fa per voi. Ma anche questo obiettivo ha i suoi difetti. Il primo è il prezzo, sopra i 2000€ il che lo rende considerevolmente più caro del Canon 24-70mm f/2.8 o del Nikon 24-70mm f/2.8. E’ anche più pesante di entrambi i concorrenti. Su una fotocamera compatta come la Sony a7R III, risulta sicuramente ingombrante e pesante. Ma il 24-70mm f/2.8 GM si riscatta con la qualità delle immagini che produce, che è ciò che lo rende il miglior obiettivo Sony FE.

Vedi il Sony 24-70mm f/2.8 GM

2. Sony 16-35mm f/2.8 GM

Sony 16-35mm f2.8 GM lens

Categoria: Grandangolo
Peso: 24 oz.
Cosa ci piace: Performance ottiche ottime.
Cosa non ci piace: Più costoso e pesante rispetto alla versione f/4.

Quando esisteva solo il 16-35mm f/4, eravamo tutti piuttosto felici con la qualità delle immagini prodotte. Ma l’anno scorso, Sony ha ggiunto la versione G Master, pensata per i fotografi di paesaggi e altri professionisti del grandangolo. Per farla breve, questo obiettivo è semplicemente fantastico. E’ estremamente nitido in tutte le regolazioni, si comporta benissimo in condizioni di scarsa luminosità per uno zoom grandangolo, e crea immagini vive e vibranti che difficilmente si potranno riprodurre fuori dalla famiglia GM.

La vera domanda è se dobbiate spendere o meno i soldi per il 16-35mm f/2.8. La versione f/4 descritta sotto è un’ottima lente, e vi farà risparmiare circa 800€ e qualche grammo di peso. Inoltre, molta gente non usa il 16-35mm in condizioni di scarsa luminosità molto spesso, come può essere per uno zoom 24-70mm f/2.8, e le fotocamere Sony hanno una sensibilità ISO ottima. La risposta è che sono entrambe ottime scelte, ma quando è disponibile un modello GM, in generale consigliamo di optare per quello.

Vedi il Sony 16-35mm f/2.8 GM

3. Sigma 85mm f/1.4 Art

Sigma 85mm f1.4 for Sony

Categoria: Ritratto
Peso: 39.9 oz.
Cosa ci piace: Più nitido del Sony’s 85mm f/1.4 ad un prezzo minore.
Cosa non ci piace: Incredibilmente pesante.

La lunga attesa per un obiettivo Sigma Art con attacco Sony FE è finalmente finita. In cima alla lista c’è l’85mm f/1.4, che è straordinariamente nitido, crea ottimi bokeh, e compete molto da vicino con la versione Sony GM in termini di qualità delle immagini, ad un prezzo decisamente inferiore. Basandoci su quanto abbiamo già visto con il Sigma 85mm f1/.4 per Canon e Nikon, questo dovrebbe essere un obiettivo superbo in grado di accontentare anche i fotografi più esigenti.

Il peso del Sigma 85mm f/1.4 è sicuramente il suo difetto più grande. E’ più pesante del Sony 85mm f/1.4 GM, che potrebbe essere un grosso problema per quelli che cercano di ridurre il peso totale della loro borsa fotografica. Inoltre, il Sigma non è completamente resistente alle intemperie, anche se ha un qualche tipo di guarnizione sull’attacco. Per un altro obiettivo Sigma Art molto interessante, date un’occhiata al nuovo Sigma 35mm f/1.4 di seguito.

Vedi il Sigma 85mm f/1.4 Art

4. Sony 55mm f/1.8

Sony 55mm f1.8 FE lens

Categoria: Viaggio/ritratto
Peso: 9.9 oz.
Cosa ci piace: Nitido e più leggero del 50mm f/1.4.
Cosa non ci piace: Se siete fanatici del bokeh, questo obiettivo potrebbe lasciarvi leggermente delusi.

Per la nostra top lente “normale” per mirrorless Sony full frame, è stata una battaglia tra il 55mm f/1.8 e il 50mm f/1.4 qui sotto. I professionisti e gli appassionati amano il più luminoso f/1.4, ma il 55mm f/1.8 offre ottima nitidezza ed è più economico. Entrambi gli obiettivi sono di gran lunga superiori al deludente 50mm f/1.8, con un prezzo sicuramente attraente ma non all’altezza degli standad delle mirrorless full frame Sony.

Dal punto di vista della qualità ottica, il 55mm f/1.8 è sorprendentemente impressionante. Avrete parecchia nitidezza e bokeh per un f/1.8, e l’autofocus è eccellente. Inoltre, il 55mm f/1.8 è considerevolmente più leggero del 50mm f/1.4. E con le capacità ISO elevate delle fotocamere Sony, non c’è poi tutto questo gran bisogno di spendere 500€ in più per guadagnare meno di uno stop di diaframma. La verità è che non potete sbagliare in qualsiasi caso, personalmente abbiamo preferito il peso minore ed il prezzo più contenuto del f/1.8.

Vedi il Sony 55mm f/1.8

5. Sony 70-200mm f/2.8 GM

Sony 70-200mm f2.8 GM lens

Categoria: Teleobiettivo
Peso: 52.2 oz.
Cosa ci piace: Qualità ottica e costruttiva professionale.
Cosa non ci piace: Estremamente pesante e costoso.

Potrebbe esserci dell’affaticamento da G Master prima della fine di questo articolo, ma la serie di lenti premium di Sony è realmente così valida. L’anno scorso abbiamo avuto il 70-200mm f/4 classificato piuttosto in alto vista la difficoltà nel reperire la versione f/2.8 GM, ma apparentemente il problema è stato risolto ed è ora disponibile nella maggior parte degli store online e non. Nonostante il peso notevole ed il prezzo, il 70-200mm f/2.8 non delude. L’obiettivo è super nitido, mette a fuoco in modo estremamente veloce e preciso, e produce bokeh cremosi. Se la qualità dell’immagine è la vostra maggior priorità in un teleobiettivo, la scelta è chiara, prendete la versione GM.

La buona notizia è che il Sony 70-200mm f/4 non è poi tanto peggio. Questo obiettivo è ragionevolmente nitido, molto più leggero della versione f/2.8, e più di 1000€ più economico. Inoltre, entrambi questi obiettivi offrono lo stabilizzatore ottico, estremamente utile a questo tipo di lunghezze focali. Ma personalmente facciamo davvero fatica a passare oltre la versione G Master quando disponibile, senza menzionare che l’f/4 è buono ma non strabiliante da un punto di vista ottico. Per ulteriore zoom, date un’occhiata al 100-400mm di seguito (e si, è una lente GM).

Vedi il Sony 70-200mm f/2.8 GM

6. Zeiss Batis 18mm f/2.8

Zeiss Batis 18mm f2.8 for Sony

Categoria: Grandangolo
Peso: 11.6 oz.
Cosa ci piace: Incredibilmente nitido e ottima resa cromatica.
Cosa non ci piace: Non pesante ma leggermente ingombrante.

Una fotocamera come la Sony A7R III è un’opzione molto attraente per tutti i paesaggisti seri, con un peso contenuto ed un sensore ad altissima risoluzione. E anche se il 16-35mm f/2.8 menzionato sopra può rivelarsi l’obiettivo grandangolare FE più versatile, il Zeiss Batis 18mm f/2.8 è la lente Prime per eccellenza. A questa lunghezza focale, accoppiato alla a7R III, è un sogno che diventa realtà.

Ma quanto è veramente buono il Batis 18mm f/2.8? E’ estremamente nitido su tutta l’area dell’immagine (gli obiettivi Zeiss sono famosi per la loro nitidezza), ha molta poca distorsione, quasi assente, una resa cromatica incredibile, ed un autofocus piuttosto veloce. Inoltre, l’obiettivo ha un peso ragionevole ed è costruito per durare una vita. Le altre opzioni Zeiss per i grandangoli includono il 21mm Loxia, ma con la sola messa a fuoco manuale e una lunghezza focale leggermente più lunga di quanto ci piace per la paesaggistica.

Vedi lo Zeiss Batis 18mm f/2.8

7. Sony 16-35mm f/4

Sony 16-35mm f4 lens

Categoria: Grandangolo
Peso: 18.3 oz.
Cosa ci piace: Ottma qualità ottica.
Cosa non ci piace: Meno performante della versione GM in condizioni di scarsa luminosità.

Cominceremo col dire che siamo stati early adopter del Sony 16-35mm f/4. Basandoci sulle ricerche condotte, ci è sembrato il miglior 16-35mm sul mercato inclusi i modelli più conosciuti di Canon e Nikon. E visto che questo è stato il primo zoom grandangolo per Sony FE, un gran numero di professionisti hanno fatto l’acquisto in attesa dell’inevitabile versione GM. Le performance ottiche sono nel complesso molto buone: l’obiettivo è nitido, ha una distorsione ragionevole, ed è resistente alle intemperie.

Non è una scelta facile tra il 16-35mm f/4 e la versione f/2.8 GM di cui sopra. Per certi versi, speravamo che la versione GM fosse deludente rispetto alle aspettative (illusi) e per cui sarebbe stato facile tenersi la versione f/4. Una cosa importante da tenere a mente è che molti fotografi di paesaggistica generalmente scattano con condizioni di luce naturale buona, e spesso non necessitano dello stop extra di diaframma. Inoltre, risparmierete circa 800€ e qualche grammo di peso nel processo, che non è da poco.

Vedi il Sony 16-35mm f/4

8. Sony 24-105mm f/4

Sony 24-105mm f4 lens

Categoria: Tutto in uno
Peso: 23.4 oz.
Cosa ci piace: L’obiettivo che fa tutto.
Cosa non ci piace: Sacrificherete qualche stop di diaframma in favore di uno zoom maggiore.

Prima del 24-105mm f/4, la lineup di Sony appariva incompleta di un obiettivo da un prezzo ragionevole, adatto a tutte le situazioni. Il vecchio 24-70mm f/4 era un buon inizio, ma ha deluso leggermente le aspettative, soprattutto vista l’elevata risoluzione degli ultimi modelli di mirrorless Sony. Mentre il 24-240mm è un’opzione versatile ma l’elevato range di zoom significa che manca di perfomance “pro” a livello ottico. Con il nuovo 24-105mm f/4, Sony ha un vincitore. A poco meno di 1400€, questo obiettivo offre una nitidezza impressionante su tutta l’area dell’immagine ed un’ottima versatilità per tutto quello che va dal grandangolo ai ritratti.

Molti considerando l’acquisto di questo obiettivo spesso sono indecisi tra questo ed il 24-70mm GM sopra. Quali sono le maggiori differenze, prezzo escluso? Noterete più distorsione e vignetting sul 24-105mm, che può essere facilmente corretta in post produzione. E sacrificherete un po’ di performance in condizioni di luce non ottimale con un’apertura diaframma massima a f/4. Ma con le capacità ISO elevate delle ultime fotocamere mirrorless Sony, potrebbe essere un compromesso accettabile considerando il risparmio economico ed il range aumentato. Se siete alla ricerca di un obiettivo tutto fare per un uso in viaggio o da tutti i giorni, il 24-105mm è un’ottima scelta.

Vedi il Sony 24-105mm f/4

9. Sigma 35mm f/1.4 Art

Sigma 35mm f1.4 for Sony

Categoria: Viaggio/ritratto
Peso: 23.4 oz.
Cosa ci piace: Super nitido e decisamente più economico della versione Sony
Cosa non ci piace: Autofocus leggermente più lento del Sony 35mm f/1.4

Se siete amanti della street photography e della fotografia da viaggio e state cercando un obiettivo semplice e di alta qualità in grado di soddisfare tutti i vostri bisogni, vi raccomandiamo caldamente di optare per una lente Prime 35mm. Sfortunatamente, le due opzioni disponibili per Sony sono o leggermente deludenti (35mm f/1.8) o estremamente costose (35mm f/1.4). Ed è qui che entra in gioco la serie Art di Sigma, che di recente ha lanciato i suoi modelli con attacco Sony, con il suo nuovo 35mm f/1.4. Questo obiettivo è estremamente nitido e vi farà risparmiare parecchio se comparato all’equivalente di Sony.

A parte le solite lamentele sugli obiettivi Sigma ed il loro eccessivo peso e ingombro, la preoccupazione maggiore con il 35mm f/1.4 Art è la velocità dell’autofocus. Avrete più “hunting” con questo obiettivo rispetto all’obiettivo nativo Sony e spesso il Sigma farà fatica a bloccare la messa a fuoco, il che si può rivelare frustrante quando si cerca di scattare soggetti in movimento. Le opinioni a riguardo sono miste, ed il prezzo è significativamente minore tanto da farci quasi dimenticare questo “piccolo” difetto.

Vedi il Sigma 35mm f/1.4 Art

10. Sony 50mm f/1.4

Sony 50mm f1.4 FE lens

Categoria: Travel/portrait
Peso: 27.4 oz.
Cosa ci piace: Performance in condizioni di scarsa luminosità migliori del 55mm f/1.8.
Cosa non ci piace: Peso piuttosto elevato per una lente prime.

Come menzionato sopra, apprezziamo il prezzo più basso e l’ingombro minore del 55mm f/1.8, ma per coloro che vogliono qualcosa di più luminoso e con più bokeh, il Sony 50mm f/1.4 è quello che fa al caso loro. Questo obiettivo è super nitido anche alla massima apertura di diaframma, produce un bokeh cremoso che semplicemente non potrete replicare con un obiettivo più “lento”, ed è costruito in maniera ineccepibile. E’ il meglio che si possa chiedere a un 50mm.

I problemi con il Sony 50mm f/1.4 sono il peso elevato così come il prezzo. E’ facile passarci sopra se il 50mm è la lunghezza focale principale per voi, ma il 55mm f/1.8 svolge un ottimo lavoro senza questi due difetti. E se avete una vera affinità per il 50mm e soldi da spendere, c’è sempre il Meyer-Optik Nocturnus 50mm f/0.95 II, disponibile per mirrorless Sony a circa 3000€ di prezzo.

Vedi il Sony 50mm f/1.4

7 Obiettivi Sony FE che non ce l’hanno fatta

11. Sony 24-240mm f/3.5-6.3

Sony 24-240mm FE lens

Categoria: Tuttofare
Peso 27.5 oz.
Cosa ci piace: Il massimo in termini di comodità.
Cosa non ci piace: Una fotocamera Sony a7R probabilmente merita di meglio.

I fotografi amatoriali spesso sono attratti dalla convenienza di un obiettivo tuttofare, giustamente a nostro parere. Elimina buona parte del processo decisionale e del cambio di obiettivo sulla scena. In altri articoli abbiamo raccomandato obiettivi tuttofare, sopratutto per fotocamere APS-C, ma è tutto più complicato quando si parla di un sistema di qualità stellare come Sony FE.

Il Sony 24-240mm f/3.5-6.3 copre un buon range di zoom dal grandangolo a tele, è l’unico obiettivo presente in questa lista con questa caratteristica. E’ anche venduto ad un prezzo ragionevole, per circa 1000€, potrete sostituire per intero la vostra borsa fotografica. Ad ogni modo, dal punto di vista ottico, questo obiettivo semplicemente non è all’altezza. Non è particolarmente nitido, ha livelli abbastanza alti di distorsione e l’autofocus è mediocre. In generale, capiamo la convenienza e pensiamo che sia un obiettivo adatto per chi ha problemi di budget, ma alla fine non arriva al livello delle opzioni menzionate in questo articolo.

Vedi il Sony 24-240mm f/3.5-6.3

12. Sony 28mm f/2

Sony 28mm f2 FE lens

Categoria: Grandangolo/viaggi
Peso: 7.1 oz.
Cosa ci piace: Ottimo prezzo (per un obiettivo FE).
Cosa non ci piace: Lunghezza focale non standard.

C’è parecchio da dire sul 28mm f/2 di Sony, soprattutto riguardo al prezzo. A circa 450 € di prezzo, questo è l’obiettivo FE più economico presente in questa lista, e di gran lunga. Sony non si è alleata con Zeiss per questo particolare modello, ma il resto rimane praticamente uguale: l’obiettivo è nitido, ottimo in condizioni di scarsa luminosità, e robusto. Il 28mm f/2 sicuramente non è pensato per i professionisti, ma è ottimo per coloro che si avvicinano al mondo FE e non hanno budget elevati.

Un problema piuttosto grosso che abbiamo con il Sony 28mm f/2 è la lunghezza focale. 28mm è più lungo di quanto vorremmo per scatti panoramici, ma troppo corto per la fotografia di viaggio e la ritrattistica. Potete sempre avvicinarvi al soggetto per mimare un 35mm o un 50mm, ma 28mm certamente non sarebbe la nostra prima scelta. 42mm su sensore Sony APS-C è più appetibile, che è il motivo per cui molti finiscono con l’usare questo obiettivo.

Vedi il Sony 28mm f/2

13. Sony 100-400mm f/4.5-5.6 GM

Sony 100-400mm f4.5-5.6 GM lens

Categoria: Teleobiettivo
Peso: 49 oz.
Cosa ci piace: Un super-teleobiettivo all’altezza della Sony a9 (e della a7R III).
Cosa non ci piace: C’è chi potrebbe dover ricorrere ad un teleconverter per aumentarne ulteriormente la portata.

Sony ha centrato l’obiettivo nel 2017 con l’uscita della velocissima Sony a9, ma era necessario un teleobiettivo all’altezza. A colmare il vuoto ci pensa il Sony 100-400mm f/4.5-5.6, un altro obiettivo premium nella lineup G Master. Per i fotografi sportivi e d’azione professionisti, rappresenta un’opzione ideale per mirrorless Sony, e ne vedremo parecchi al prossimo Super Bowl, o ai prossimi Giochi Olimpici.

Incredibilmente, il 100-400mm f/4.5-5.6 è circa delle stesse dimensioni del 70-200mm f/2.8 menzionato sopra, ed è ragionevolmente leggero per un obiettivo di questo tipo. Per coloro che necessitano di ulteriore portata, Sony offre due teleconverters rispettivamente a 1.4x e 2.0x, entrambi compatibili con questo obiettivo sulla a9 e la a7R III. E tenete d’occhio il nuovo Sony 400mm f/2.8, altra opzione estremamente interessante per Sony full frame.

Vedi il Sony 100-400mm f/4.5-5.6 GM

14. Zeiss Loxia 21mm f/2.8

Zeiss Loxia 21mm f2.8 lens

Categoria: Wide angle
Peso: 13.9 oz.
Cosa ci piace: Estremamente nitido.
Cosa non ci piace: La messa a fuoco manuale non è per tutti.

Se state pensando di acquistare un obiettivo prime grandangolare per mirrorless Sony, Zeiss è la marca da scegliere. Per quando riguarda le opzioni, il punto di differenza maggiore tra le serie Loxia e Batis è che la prima ha la messa a fuoco manuale. Questo potrebbe essere un grosso problema per qualcuno, ma coloro che desiderano cimentarsi con la messa a fuoco manuale spesso scoprono che è relativamente facile, precisa e divertente.

Per quanto riguarda la qualità delle immagini, lo Zeiss Loxia 21mm non vi deluderà sicuramente. E’ ridicolmente nitido su tutta l’inquadratura angoli compresi, ragionevolmente luminoso a f/2.8, e costruito come un qualsiasi obiettivo professionale. E’ dura la scelta tra questo e il Batis 18mm sopra, che ha l’autofocus ed è più wide, ma offre una qualità ottica simile. Di sicuro non potete sbagliare con entrambi, e per coloro che si specializzano in fotografia grandangolare, le Prime di Zeiss sono una vera manna dal cielo.

Vedi lo Zeiss Loxia 21mm f/2.8

15. Sony 70-300mm f/4.5-5.6

Sony 70-300mm FE lens

Categoria: Teleobiettivo
Peso: 30.1 oz.
Cosa ci piace: Uno degli obiettivi con maggiore portata tra gli obiettivi Sony FE.
Cosa non ci piace: Non ottimale in condizioni di scarsa luminosità.

Fino a prima del 100-400mm G Master, il 70-300mm f/4.5-5.6 era l’unica alternativa disponibile per scattare oltre i 200mm. Era in effetti l’obiettivo Sony FE con la portata maggiore. Sfortunatamente, la qualità ottica di questo obiettivo lascia un po’ a desiderare. In particolare, tende ad essere nitido al centro ma piuttosto soft sui bordi, e può trovarsi in difficoltà in condizioni di luce non ottimale con un’apertura diaframma massima di f/4.5-5.6. Su fotocamere Sony full frame come la a7R III, probabilmente farà fatica a stare al passo con il sensore. Tutto considerato, vi piace il Sony 70-300mm f/4.5-5.6 anche se il suo posto secondo noi è una fotocamera APS-C piuttosto che una full frame.

Vedi il Sony 70-300mm f/4.5-5.6

16. Sony 12-24mm f/4

Sony 12-24mm f4 lens

Categoria: Grandangolo
Peso: 19.9 oz.
Cosa ci piace: Un vero grandangolo ultra-wide per Sony full frame.
Cosa non ci piace: Non è possibile utilizzarlo con filtri.

La grossa notizia del 2017 è stata l’uscita del 16-35mm f/2.8 GM, ma Sony l’ha accoppiato col nuovo 12-24mm f/4. Primo, abbiamo apprezzato lo sforzo. Personalmente crediamo che un obiettivo di qualità 16-35mm sia abbastanza wide per la maggior parte degli utilizzi, ma c’è sicuramente una domanda di veri ultra-wide e Sony ha risposto alla chiamata. Anche se non è una lente GM, il 12-24mm se la cava comunque molto bene: è nitido, ha un falloff minimo sugli angoli ed è relativamente leggero. Per gli specialisti del grandangolo che amano spingersi oltre i limiti, questo è il vostro obiettivo.

Quali sono i difetti del Sony 12-24mm f/4? Il primo è la versatilità: vale la pena spendere i soldi se avete in programma di utilizzarlo spesso (e soprattutto siete in grado di utilizzarlo). Secondo, la performance con poca luce ed il bokeh non sono assolutamente entusiasmanti come il 16-35mm GM. Infine, l’obiettivo non accetta filtri che si avvitano a causa della sua forma a bulbo. Problemi a parte, è un obiettivo molto divertente che va a complementare il 24-70mm f/2.8 in termini di lunghezza focale.

Vedi il Sony 12-24mm f/4

17. Sony 24-70mm f/4

Sony 24-70mm f4 FE lens

Categoria: Viaggio/ritratto
Peso: 15.2 oz.
Cosa ci piace: Decisamente versatile.
Cosa non ci piace: Soffre di distorsione e poca nitidezza.

Prima dell’uscita del 24-70mm f/2.8 GM, la nostra scelta top su questa lista, il 24-70mm f/4 era l’unico obiettivo Sony FE a questa popolare lunghezza focale. Vogliamo farci piacere questo obiettivo, ma la versione f/4 semplicemente non è all’altezza dal punto di vista ottico. La distorsione è notevole, e non è esattamente nitido soprattutto agli angoli, e lo stabilizzatore ottico è del tutto superfluo dal momento che è offerto sul corpo macchina Sony. Non è un brutto obiettivo, soprattutto quando accoppiato con una delle Alpha più vecchie. Vi risparmierà anche parecchio peso per i trasporti più lunghi e impegnativi. Ma per una fotocamera moderna ad alta risoluzione come la Sony a7R III, preferiamo spendere qualcosa in più per la versione f/2.8 od optare per il tuttofare 24-105mm f/4 menzionato sopra.

Vedi il Sony 24-70mm f/4

Obiettivo più luminoso esistente: quale?

obiettivo più luminoso

In linguaggio “obiettivi”, il termine obiettivo più luminoso si riferisce a obiettivi con la maggiore apertura di diaframma. Il diaframma è il “buco” dell’obiettivo. La sua grandezza è espressa in numeri che mostrano il rapporto di apertura/dimensioni dell’obiettivo. Questo numero è espresso solitamente in f/ stops.

Quanto luminoso è “luminoso”? O, che tipo di diaframma troverò in un obiettivo realmente luminoso?

Negli zoom cosiddetti “professionali”, un diaframma di f/2.8 è generalmente considerato luminoso. Quando parliamo invece di obiettivi “fissi” o Prime, dipende dal livello di snobbismo dell’obiettivo, si può definire luminoso tutto ciò che è compreso tra f/2.0 e f/1.4 con molti obiettivi “professionali” dotati di diaframma a f/1.4. Aumentando la luminosità abbiamo i cosiddetti obiettivi esotici.

obiettivo più luminoso

Chiamiamo questi obiettivi con diaframmi molto ampi “luminosi” perchè permettono alla luce di passare in quantità maggiore, permettendo così di utilizzare velocità di scatto maggiori a parità di luce ambientale. Un obiettivo luminoso può rendere possibili scatti in condizioni di scarsa luce senza dover ricorrere ad un treppiede. Velocità di scatto maggiori offrono anche più opzioni per congelare l’azione e minimizzare il tremolio della fotocamera, entrambi potenziali problemi che possono rendere la vostra immagine mossa, a prescindere di quanto illuminata sia la scena. Un diaframma maggiore significa anche poter scattare immagini con un “depth of field” molto ridotto (Bokeh).

Perchè dunque acquistare un obiettivo luminoso? Se siete soliti scattare in scarsa luminosità senza treppiede, magari ad un concerto o night club, probabilmente potreste preferire una lente con un’apertura di diaframma maggiore per massimizzare la poca luce a disposizione. I fotografi di matrimoni spesso si trovano in situazioni non proprio ideali in chiesa o al ricevimento, e possono trarre giovamento da un obiettivo luminoso. Infine, i fotografi sportivi che lavorano sul congelare l’azione ed isolare i soggetti dallo sfondo faranno ottimo uso dell’ampio diaframma.

Il vetro pesa, il che comporta un aumento di peso quando un obiettivo è composto da più elementi di vetro. Più importante, gli elementi ottici sono le parti più costose dell’obiettivo, quindi un obiettivo “luminoso” spesso è accompagnato da un prezzo non proprio basso. Per il momento, mettiamo il budget da parte ed analizziamo alcune dei migliori, più luminosi obiettivi con diaframma maggiore di f/1.4.

Canon f/1.2L USM

Nel mondo delle Reflex Digitali moderne, il leader del branco dei 50mm luminosi è il Canon EF 50mm f/1.2L USM. Suo cugino, il Canon EF 85mm f/1.2L II USM, offre ai fotografi uno dei migliori bokeh al mondo in una lunghezza focale classica da ritratto. Come risultato dell’essere prodotti originali Canon (OEM), questi obiettivi combinano un perfetto funzionamento del sistema elettronico EOS, coperture e tecnologia di autofocus, con diaframmi davvero luminosi.

obiettivo più luminoso
Canon EF 50mm f/1.2L USM

Nikon NIKKOR 50mm f/1.2

Se volete tanta luminosità su Nikon, dovrete tornare indietro ai tempi della messa a fuoco manuale degli obiettivi NIKKOR. Gli obiettivi con autofocus di Nikon si fermano ad un rispettabile f/1.4, ma il NIKKOR 50mm f/1.2 (ancora in produzione) continua ad avere i suoi fans devoti, fin dalla sua introduzione nel 1978, e rimane l’obiettivo più luminoso Nikon disponibile sul mercato.

obiettivo più luminoso
Nikon NIKKOR 50mm f/1.2

Fujifilm XF 56mm f/1.2 R

A portare luminosità alla linea di fotocamere con Fujifilm X-Mount ci pensa il Fujifilm XF 56mm f/1.2 R ed il suo compagno, il Fujifilm XF 56mm f/1.2 R APD, dotato di un filtro anti polarizzatore per manipolare il bokeh. Per utilizzo sul sistema Fujifilm X, quando aperte a f/1.2 alla distanza di messa a fuoco minimo queste due lenti producono un bokeh davvero impressionante.

Per coloro alla ricerca di obiettivi Fujifilm ancora più luminosi, l’azienda ha annunciato che il Fujifilm XF33mm f/1.0 R WR arriverà nell’anno 2020.

obiettivo più luminoso
Fujifilm XF 56mm f/1.2 R APD

Obiettivi Micro Quattro Terzi f/1.2 di Olympus e Panasonic

Gli utenti di questo formato dovrebbero conoscere il Panasonic LUMIX G Leica DG Nocticron 42.5mm f/1.2 ASPH Power OIS, che si sta guadagnando lo status di leggendario tra gli utilizzatori di Micro 4/3 ed è l’equivalente dell’85mm, perfetto per i ritratti. Il 42.5mm è stato l’obiettivo più luminoso OEM disponibile fino all’arrivo del  Olympus M.ZUIKO Digital ED 25mm f/1.2 PRO, dotato di una lunghezza focale equivalente a 50mm e, quello che si può considerare da record, 19 elementi di vetro in una lente Prime. Questo 25mm è stato reggiunto poi da altri due obiettivi f/1.2 PRO, il  M.Zuiko Digital ED 17mm f/1.2 PRO ed il M.Zuiko Digital ED 45mm f/1.2 PRO, obiettivi con una lunghezza focale equivalente a 34mm e 90mm, rispettivamente.

obiettivo più luminoso
Panasonic Leica DG Nocticron 42.5mm f/1.2 ASPH. POWER O.I.S.

Obiettivi luminosi “Aftermarket”

Sembra esserci una grossa domanda di obiettivi luminosi, e non tutti vogliono pagare prezzi esorbitanti per questo tipo di lente. Per incontrare le necessità e le tasche di questi fotografi, c’è ampia scelta di obiettivi di terze parti ad oggi sul mercato.

Se volete obiettivi super luminosi per sistemi Micro 4/3, il produttore di obiettivi tedesco Voigtländer ha creato un quartetto di obiettivi Nokton che arrivano a f/0.95. Il Nokton 10.5mm f/0.95 (equivalente 21mm), il  Nokton 17.5mm f/0.95 (equivalente 35mm), il Nokton 25mm f/0.95 Type II (equivalente 50mm) ed il Nokton 42.5mm f/0.95 (equivalente 85mm) daranno agli utenti Micro 4/3 una gamma di Obiettivi Prime luminosi con un diaframma che può rientrare tranquillamente nella categoria “esotici”. Altri obiettivi Voigtländer hanno il marchio “Nokton”, ma nessuno ha il diaframma a f/0.95 come quelli sopra elencati.

obiettivo più luminoso
Voigtländer Nokton 10.5mm f/0.95

I possessori di sistemi Sony E-mount potranno provare il bellissimo Voigtländer Nokton 40mm f/1.2 Aspherical dotato di corona per la regolazione del diaframma “de-cliccabile” per un uso video. La versione per Leica M-Mount invece non è dotata di questa feature. Sempre per gli utenti Leica M-Mount abbiamo il nuovo Nokton 50mm f/1.2 Aspherical per fotocamere Voigtländer VM o M-mount.

obiettivo più luminoso
Voigtländer Nokton 50mm f/1.1

I nuovi arrivati sono il Rokinon SP 85mm f/1.2 e l’identico Samyang XP 85mm f/1.2 per Canon EF Mount. Il versatile Rokinon 50mm f/1.2 può essere acquistato in versione Sony-E (APS-C), Canon EF-M, Fujifilm X e Micro 4/3. Tutte le versioni sono disponibili in nero e argento. Rokinon produce inoltre il Rokinon 35mm f/1.2 ED AS UMC CS Per Canon EF-M, Fujifilm X e Sony E.

obiettivo più luminoso
Rokinon SP 85mm f/1.2

SLR Magic produce il Cine 50mm f/1.1 per fotocamere con Sony E-mount.

obiettivo più luminoso
SLR Magic Cine 50mm f/1.1

L’obiettivo Mitakon Zhongyi 50mm f/0.95 è un obiettivo con messa a fuoco manuale progettato per fotocamere con Sony E-Mount full frame. La stessa compagnia produce il Mitakon Zhongyi FreeWalker 42.5mm f/1.2 per le fotocamere Micro 4/3. Il classico obiettivo da ritratti, il Mitakon Zhongyi Speedmaster 85mm f/1.2 è disponibile in versione Canon EF e Nikon F. Ulteriori opzioni includono il Mitakon Zhongyi Speedster 35mm f/0.95 Mark II per Canon EF-M, Fujifilm X e Sony E, e , per il Micro 4/3, il  Mitakon Zhongyi Speedster 25mm f/0.95 offre un equivalente di 50mm.

obiettivo più luminoso
Mitakon Zhongyi Speedmaster 50mm f/0.95 

Fa capolino con un’apertura di diaframma enorme a f/0.85 l’Handevision IBELUX 40mm f/0.85, progettato in Germania e made in China da Shanghai Transvision. E’ disponibile per Fujifilm X e Micro 4/3.

obiettivo più luminoso
Handevision IBELUX 40mm f/0.85

Per coloro che vogliono acquistare un obiettivo ma tenendo a mente il budget, il produttore di obiettivi 7artisans ha rilasciato alcuni obiettivi luminosi economici. Il 7artisans Photoelectric 35mm f/1.2 disponibile per Canon EF-M, Fujifilm X, Micro 4/3 e Sony E. Per gli utilizzatori di rangefinder, il 7artisans Photoelectric 50mm f/1.1 sarà in grado di funzionare con la vostra Leica M-mount.

obiettivo più luminoso
7artisans Photoelectric 35mm f/1.2

Obiettivo luminoso non significa sempre diventare poveri…

Per essere chiari, questo articolo tratta solo obiettivi con diaframmi uguali o superiori a f/1.2. In ogni caso, se avete cliccato su qualcuno degli obiettivi trattati sopra, probabilmente vi è preso un colpo dopo aver visto i prezzi, anche di obiettivi non esattamente conosciuti. Obiettivo buono di solito è sinonimo di prezzo elevato. Ma non tutte le speranze sono perdute, per un obiettivo luminoso economico, il diaframma che dovrete cercare è f/1.8.

Anche se non esoticamente luminoso, la differenza tra f/1.8 e f1.4 è meno di uno stop. Se comparate i prezzi tra, ad esempio, il Nikon AF-S 50mm f/1.8G ed il Nikon AF-S 50mm f/1.4, vedrete la differenza di valore che comporta quella piccola quantità di luminosità extra, con pochissimo guadagno sul lato cromatico o della nitidezza o la distorsione dell’immagine. In effetti, ci sono anche alcuni obiettivi f/1.8 che superano le performance ottiche delle loro controparti f/1.4 in aree specifiche.

obiettivo più luminoso
Nikon AF-S NIKKOR 50mm f/1.8G

Inoltre, se siete abituati al tipico diaframma variabile f/3.5-f/5.6 degli obiettivi kit, i quasi due stop guadagnati su un f/1.8 possono espandere drasticamente le vostre possibilità permettendovi di scattare in luoghi molto meno illuminati o utilizzando il bokeh per i vostri ritratti o foto still-life.

Leggi anche: I 10 obiettivi DX (APS-C) Nikon da avere

Leica Noctilux-M 50mm f/0.95 ASPH

Pensavate che avrei parlato degli obiettivi più luminosi senza menzionare il Noctilux? Quando si parla di “obiettivi luminosi”, l’obiettivo a cui la maggior parte dei fotografi pensano è il leggendario  Leica Noctilux-M 50mm f/0.95 ASPH; stando a quanto dichiarato da Leica, è “l’obiettivo più luminoso al mondo”. Molti lo considerano il miglior 50mm al mondo e nessuna conversazione sugli obiettivi luminosi può definirsi tale senza nominare il Noctilux.

obiettivo più luminoso
Leica Noctilux-M 50mm f/0.95 ASPH

Il Noctilux f/0.95 è il terzo 50mm della famiglia Noctilux, insieme all’originale Noctilux 50mm f/1.2 ed il Noctilux-M 50mm f/1.0, entrambi obiettivi eccezionali. E, dobbiamo menzionare anche il nuovo Noctilux, il Noctilux-M 75mm f/1.25 ASPH, anche se non ha superato il cutoff di f/1.2.

Obiettivi luminosi Leggendari (e Mitologici)

Nel mondo degli obiettivi luminosi, ci sono stati alcuni obiettivi leggendari che sono usciti di produzione da molto tempo. Se avete tempo da perdere potete divertirvi a ricercare i seguenti obiettivi:

Carl Zeiss Planar 50mm f/0.7 è stato progettato per catturare immagini sul lato buio della luna durante le missioni Apollo. Il regista Stanley Kubrick ne ha acquistati due.

Canon made the Canon 65mm f/0.75 per il suo attacco con messa a fuoco manuale FD mount; la linea EOS ha visto per breve tempo comparire il Canon 50mm f/1.0; ed il Canon 50mm f/0.95 progettato per fotocamere rangefinder.

The Nikon 58mm Noct-NIKKOR f/1.2 si può trovare a prezzi esorbitanti sul mercato dell’usato. Il suo elemento asferico è stato progettato specificatamente per ridurre il sagittal coma flare quando utilizzato col diaframma aperto al massimo, e per riprodurre i punti di luce come punti di luce invece che masse informi.

Gli utilizzatori Minolta hanno potuto apprezzare il Minolta 58mm f/1.2 MC Rokkor e il Minolta 50mm f/1.2 MD Rokkor-X.

E, non dimentichiamo il leggendario Carl Zeiss Super-Q-Gigantar 40mm f/0.33!

Tenete d’occhio le ultime offerte per trovare obiettivi luminosi ai prezzi migliori.

Prodotti menzionati in questo articolo:

Canon 50 1.4 USM – Recensione

CANON 50 1.4 Provato e Recensito

Chiedete ad un gruppo di fotografi di quale sia il loro obiettivo preferito e probabilmente sentirete in risposta il Canon 50 1.4 USM. E’ nitido, piccolo, leggero, poco costoso e con un’apertura F1.4.

Il 50mm f/1.4 trova una casa con molti fotografi – da pro a casual – per diverse ragioni.

La prima ragione per la popolarità di questo obiettivo Canon è la qualità delle immagini.

Anche se è morbido ad apertura spalancata, il Canon 50 1.4 USM  è tagliente a f/2 e molto tagliente quando viene stoppato in giù fino a f/2.8 o più. Gli angoli sono morbidi fino a f/2 per i corpi macchina non full frame,  e f/2.8 su corpi full frame.  Colori e contrasto  sono molto belli. Il diaframma a 8 lamelle 50 f 1.4 un bokeh estremamente gradevole. Il fall-off è evidente a f/2 su un corpo full frame, quando montato su un corpo crop, la luce fall-off è evidente solo averso f/1,6 o giù di lì.

Canon EF 50mm f/1.4 USM Lens Mounted on a Canon EOD 5D Mark II DSLR

Le piccole dimensioni (AxL: 2.9 “x 2” /73.8mm x 50,5 millimetri) e peso contenuto (10,2 oz / 290g) sono in parte responsabili per la popolarità di cui gode il Canon 50 1.4 USM. Questo obiettivo non è un fastidio da trasportare montato – o in una tasca della giacca per l’uso, se necessario. La qualità generale costruttiva è discreta ma non eccellente. Mentre l’ innesto in metallo dell’ obiettivo è buono, la misura dell’anello di messa a fuoco e la funzione è solo appena sufficiente a nostro avviso. Il Canon 50 1.4 dispone di un motore silenzioso, ma non così ben insonorizzato come il Micro USM (Ultrasonic Motor) – questo è buono, ma non buono come i motori USM ad anello in molte delle lenti Canon di qualità superiore. è supportato FTM (Manuale tempo pieno) di messa a fuoco. Il Canon 50 1.4 si estende fino a 5/16 “durante la messa – il filtro non ruota.

Canon 50mm Lens Size Comparison

Più e più volte, il Canon 50 1.4 USM (sopra al centro) viene confrontato con una delle altre lenti 50mm Canon – Canon EF 50mm f/1.8 II (sopra a sinistra) e il più recente Canon EF 50mm f / 1.2L USM (in alto a destra). Le stesse lenti sono riportati di seguito con i loro paraluce a posto (opzionale con le due lenti da 50 mm non-L).

Canon 50mm Lens Size Comparison - With Hoods

Spostare la selezione lente dalla lente più a sinistra a destra più lenti fa una grande differenza nel vostro portafoglio. Ecco alcune delle differenze tra questi tre modelli …

Il Canon EF 50mm f / 1.8 II è la fascia bassa dei 50mm. Esso offre una buona nitidezza delle immagini – soprattutto per il prezzo estremamente basso. E ‘anche un po’ più tagliente di f / 1.2 da f / 2,8 a F / 8 o giù di lì. E ‘molto leggero (4,6 oz / 130g) e molto piccolo (2,7 “x 1,6” x 41,0 millimetri /68.2mm – AxL). L’aberrazione cromatica è minima.

 Gli aspetti negativi … In primo luogo, il 50mm f / 1.8  si sente come un giocattolo (per il prezzo relativo, è praticamente usa e getta). Ha la costruzione interamente in plastica tra cui l’innesto dell’obiettivo (le ottiche sono di vetro, ovviamente). Un’apertura 5-lamelle offre una qualità molto dura della sfocatura dello sfondo e il lens flare è un problema per questo obiettivo. Offre solo il colore adeguato rispetto agli altri due. AF  rumoroso e l’anello MF è a malapena utilizzabile – non c’è FTM e nessuna finestra distanza o marcature. Ma, è un obiettivo molto forte per un prezzo che è una piccola frazione del costo del 50 f / 1.4.

Il Canon 50 1.4 USM cade nel mezzo dei tre 50. Prezzo medio, la qualità costruttiva di mezzo, il peso medio, la dimensione di mezzo … Offre la metà qualità sfocatura dello sfondo – molto meglio che il f / 1.8, ma non è buono come il f / 1.2. Essa mostra la quantità di mezzo per quanto riguarda l’Aberrazione cromatica.

Il Canon EF 50mm f / 1.2L USM è di gran lunga la più costosa delle tre lenti. La mia più grande delusione in questo obiettivo è la mancanza di nitidezza. Per il prezzo, mi sarei aspettato di vedere facilmente battere gli altri due 50 millimetri in questo senso. Sotto f / 2 o, è la lente più nitida alle stesse impostazioni di apertura. Oltre a questo, non lo è. la velocità di messa a fuoco non è più veloce rispetto alla f / 1.4 ma non utilizza anello USM e l’anello di messa a fuoco manuale è molto liscia e ben smorzata. Essa non si estende durante la messa a fuoco. Il 50 f / 1.2 ha un migliore controllo svasatura con molto meno aloni a larghe aperture, ma mostra la più CA spalancata. Il 50 f / 1.2 è un obiettivo meglio costruito rispetto sia degli altri 50 – come ci si aspetterebbe per un obiettivo Canon L Series. E ‘anche più grande (3.4 x 2.6 “/ 85,4 millimetri x 65,5 millimetri) e pesa di più (19,2 oz / 545g). Il 50 f / 1.2 è weather-sealed (se dotato di un filtro). A differenza degli altri due 50 millimetri, non considero questo obiettivo come un grande valore – ma vale la pena il prezzo a chi ne ha bisogno / voglia i suoi vantaggi.

Canon 50mm Lens Bokeh Comparison

Anche se la differenza a massima apertura diaframma tra queste lenti è evidente, l’effetto del disegno lente e lamelle di apertura sullo sfondo sfocatura non lo è. Nell’immagine confronto di cui sopra, la sfocatura dello sfondo della EF 50 mm f / 1,2L USM Canon (a sinistra), Canon 50 1.4 USM (al centro) e Canon EF 50mm f / 1.8 II (a destra). Queste immagini sono state scattate con impostazioni identiche  (che includono un f / 2.8 di apertura). Un treppiede è stato utilizzato – la fotocamera è stata focalizzata su un target di prova stazionaria. Nella riga superiore delle immagini, la differenza di sfocatura dello sfondo è facilmente visibile. Nella fila inferiore di immagini, l’effetto della forma e quantità delle lamelle del diaframma può essere facilmente visibile anche ad apertura relativamente ampia f / 2.8. Come ho sottolineato in precedenza, il f / 1.2 performa di più nella categoria bokeh – seguito dal f / 1.4.

Canon EF 50mm f/1.4 USM Lens Comparison

Posizionate sopra da sinistra a destra nelle loro posizioni completamente retratte ci sono i seguenti obiettivi:
Canon EF 50mm f / 1.4 USM 
Canon EF 85mm f / 1.8 USM 
Canon EF 100mm f / 2.0 USM 
Canon EF 135mm f / 2.0L USM
Canon EF 24-70mm f / 2.8L USM

Le stesse lenti sono riportate nei loro stati completamente estesi con i loro paraluce montati.

Canon EF 50mm f/1.4 USM Lens Comparison with Hoods

Con una distanza di messa a fuoco minima di 45m, il 50 f/1.4 ha un rateo di ingrandimento relativamente basso di .15x.

Il 50 f/1.4 utilizza il paraluce opzionale ES-71 II ed è spedito senza custodia.

Canon EF 50mm f/1.4 USM Lens mounted on a 1Ds Mark III - Top View

Il Canon EF 50mm f/1.4 USM è estremamente utile per situazioni di scarsa luce al chiuso, soprattutto quando non è permesso l’utilizzo del flash. Ad esempio in chiesa, o in palestra.

Il Canon 50 1.4 è un ottimo obiettivo ed utilizza la lunghezza focale perfetta per i ritratti a figura intera. Tenete a mente che quando viene utilizzato su un corpo macchina non full-frame, avrete bisogno di un po’ di spazio extra. Su questo tipo di corpi la lente si presta meglio per primi piani del viso.

Il Canon 50 1.4 si presta bene anche come lente da viaggio – specialmente per situazioni di scarsa luminosità non gestite al meglio dalla lente kit. Quando lo spazio è limitato e il peso è importante, questa lente potrebbe essere quella giusta da mettere in valigia.

Canon EF 50mm f/1.4 USM Lens on Canon EOS-1D X DSLR

Se utilizzate solo o prevalentemente 50mm, questa lente è sicuramente un’ottima scelta. In generale il Canon 50 1.4 è un ottimo obiettivo ad un ottimo valore per il suo prezzo.

Scopri subito quanto costa su Amazon.it!

Samyang 14mm f/2.8 ED AS IF UMC Recensione

 Samyang 14mm f/2.8 ED AS IF UMC

Questo obiettivo è pensato per adattarsi diversi tipi di macchine fotografiche, tra cui Canon, Nikon, Pentax, Sony e Quattro Terzi reflex così come Samsung NX mirrorless. Gli utenti Nikon possono scegliere tra il modello base, che non ha accoppiamento elettronico e il modello AE, che stiamo testando qui, che ha contatti elettronici per il trasferimento delle informazioni di esposizione alla telecamera.

Samyang Ae 14mm

 

Samyang 14mm f/2.8 ED AS IF UMC Maneggevolezza e features

Nonostante il prezzo budget, Samyang non ha risparmiato per quanto riguarda la costruzione. Materiali plastici di alta qualità, con un rivestimento strutturato sono stati utilizzati per la maggior parte del barilotto dell’obiettivo e il cofano. La montatura lente è in metallo e si adatta perfettamente sulla Nikon D700 utilizzata per il test. L’obiettivo non è eccessivamente pesante, e si equilibra bene sulla fotocamera.

La messa a fuoco manuale è un piacere, grazie all’azione liscia e uniforme dell’anello di messa a fuoco. Utilizzando la focalizzazione assistita nel mirino è relativamente facile, anche se il sistema di focalizzazione sulla Nikon D700 conferma la messa a fuoco un po’ troppo facilmente. La distanza minima di messa a fuoco è 28 centimetri, che dovrebbe essere l’ideale per le riprese in ambienti angusti.

La versione testata qui include un chip di metering con contatti elettronici in modo che la modalità Matrix sia supportata su tutte le fotocamere Nikon. Questo significa che l’obiettivo deve essere lasciato a f/22 per funzionare normalmente sulle moderne fotocamere Nikon, ma nessun blocco è previsto per tenere l’apertura in questa posizione. Nessuno di questi problemi si riscontrano invece con la versione base, in quanto nessuna informazione di misurazione è trasferita alla fotocamera.

Insolitamente per una lente a messa a fuoco manuale, la scala focale di  distanza non è disponibile e non c’è il blocco sulla posizione infinito, probabilmente a causa dell’uso di vetro a bassa dispersione nella progettazione ottica.

Un enorme copriobiettivo  di plastica rigida è previsto che si incastri con le clip nelle scanalature sul cofano. Nessuna predisposizione per i filtri invece è stata fatta, neanche un supporto per i gel sul retro.

Samyang Ae 14mm

 

Samyang 14mm f/2.8 ED AS IF UMC Performance

Si può essere perdonati per aspettarsi scarso rendimento ottico per un obiettivo così poco costoso, ma certamente non è il caso con il 14 millimetri Samyang. La nitidezza al centro dell’area immagine è già eccellente a f/2.8, anche se la qualità verso i bordi cala leggermente.

Stoppare verso il basso l’obiettivo va a  migliorare la qualità in tutta l’inquadratura, raggiungendo ottimi livelli tra f/5.6 e f/11. Questo sarebbe molto buono in termini di prestazioni per qualsiasi obiettivo, ma  è abbastanza incredibile per un’ottica di questo livello di prezzo.

Le aberrazioni cromatiche a malapena si notano in tutta l’inquadratura a qualsiasi apertura, che è eccellente per un obiettivo grandangolare. Nessun problema dovrebbe essere visibile, anche in grandi stampe.

Il falloff di illuminazione verso gli angoli è abbastanza visibile. A f/2.8 gli angoli sono 3-4 stop più scuri rispetto al centro dell’immagine e un’illuminazione uniforme non è raggiunta fino a quando l’obiettivo viene chiuso fino a circa f/11. Un così elevato livello di vignettatura può portare a errori di esposizione, come le foto scattate alla massima apertura richiedono un po’ più esposizione per apparire brillanti come le foto scattate stoppate più verso il basso. Questo può portare a sovraesposizione quando si utilizzano piccole aperture.

 

Valore per il costo

Dato che questo 14 millimetri da Samyang è disponibile ad un prezzo estremamente contenuto, questo rende questo obiettivo incredibile rapporto qualità prezzo, se si può vivere con la messa a fuoco manuale.

Un esempio estremo di quanto poco questa lente è può essere visto rispetto alla Carl Zeiss ZF Distagon T * 15mm f / 2.8, che è anche un obiettivo a fuoco manuale, con un chip per trasferire informazioni di esposizione alla telecamera. Il 15mm Zeiss può eseguire meglio nel complesso che l’obiettivo Samyang, ma la lente costa circa 2000€ in più rispto al Samyang!

A 14mm f/2.8 anche le lenti Canon e Nikon costanon sostanzialmente più. I produttori di terze parti, come ad esempio Sigma e Tamron, offrono anche loro 14 mm f/2,8, ma anch’esse in un range di prezzo decisamente più elevato.

 

Samyang 14mm f/2.8 ED AS IF UMC Verdetto

Anche se questo obiettivo di base non è sicuramente per tutti, coloro che cercano un obiettivo ultra-wide, che è in grado di fornire eccellente qualità quando viene utilizzato entro i suoi limiti non rimarrà deluso da questo 14 millimetri da Samyang.

La nitidezza al centro è eccellente dalla massima apertura, e la qualità verso i bordi del telaio migliora verso ottimi livelli con l’obiettivo bloccato a f/5.6 o oltre. Molti fotografi potranno trovare la distorsione ondulata e ildecadimento pronunciato di illuminazione verso gli angoli scoraggiante, ma chi ha un budget limitato dovrebbe essere molto soddisfatto della qualità delle immagini che questo obiettivo può fornire, soprattutto a questo prezzo.

Scopri subito quanto costa su Amazon.it!

Samyang 14mm f/2.8 ED AS IF UMC Pro

Estremamente economico

Nitidezza eccellente al centro a f/2.8 e su tutto il frame
Buona qualità costruttiva
Relativamente leggero
Livelli estremamente bassi di CA

Samyang 14mm f/2.8 ED AS IF UMC Contro

Distorsione ondulata
Falloff dell’illuminazione verso gli angoli
Niente scala iperfocale e blocco sulla posizione infinito

Nikkor AF-S 55-200mm f/4-5.6 VR Recensione

Introduzione

 

I nomi degli obiettivi Nikon non si stanno accorciando di recente quindi trattenete il respiro e provare a dire Nikkor AF-S 55-200mm f/4-5.6G IF-ED DX VR senza boccheggiare. La sua più evidente di differenza per l’AF-S 55-200mm f /4-5.6G ED DX è il meccanismo di 2 ° generazione VR (Riduzione Vibrazioni). . Come ogni obbiettivo DX proietta un cerchio di copertura ridotta (APS-C)  e quindi non è compatibile con le reflex pieno formato. Il campo di visione è equivalente a circa 82.5-300mm.

La qualità costruttiva è in realtà abbastanza buona e un chiaro passo avanti rispetto al vecchio AF-S 55-200mm non-VR. Detto questo è ancora un obiettivo di grado consumer con un corpo in plastica (fino alla montatura dell’obiettivo). L’ anello di zoom molto ampio  in gomma scorre estremamente bene. Lo stesso vale per l’anello di messa a fuoco molto piccolo anche se non è esattamente divertente mettere a fuoco manualmente a causa del percorso di messa a fuoco estremamente breve. Come si può vedere nell’immagine sotto, la lente si non estende verso l’estremità lunga della gamma di zoom. A differenza del suo cugino non-VR utilizza solo un singolo tubo lente interna per farlo, che è sicuramente un approccio migliore per quanto riguarda l’affidabilità a lungo termine. Come specificato nel nome, l’obiettivo utilizza un design focalizzazione interna per cui la dimensione della lente rimane costante durante focalizzazione e l’elemento frontale non ruota. Tipico per tutte le lenti G-type Nikkor non forniscono più un anello di apertura dedicato.

Secondo Nikon la “Riduzione Vibrazioni (VR) offre l’equivalente di tempi di posa 3 stop più veloce per le riprese più flessibili a mano”. Forse è più legato al mio consumo di caffè, ma non sono mai stato in grado di ottenere risultati attendibili vicine alla massima efficienza specificata. Nel campo della VR in questo obiettivo mi ha dato circa 2 stop, forse anche meno.

 

Proprio come tutti i più recenti obiettivi Nikkor è dotato di un motore AF-S  quindi le operazioni di AF sono pressoché silenziose anche se la velocità è un po’ tendente verso il lento. La precisione AF del campione testato era molto alta.

 

SpecificHE
Equiv. focal length 82.5-300 mm (full format equivalent)
Equiv. aperture f/6-f/8.4 (full format equivalent, in terms of depth-of-field)
Optical construction 15 elements in 11 groups inc. 1 ED elements
Number of aperture blades 7 (rounded)
min. focus distance 1.1 m (max. magnification ratio 1:4.3)
Dimensions 73 x 100 mm
Weight 335 g
Filter size 52 mm (non-rotating)
Hood Nikon HB-37, petal-shaped
Other features VR (Vibration Reduction)

Distorsione

 

L’ AF-S 55-200mm VR produce un leggero grado di distorsione a barile (~ 0,6%) a 55 millimetri per cambiare da lieve a moderata distorsione a cuscinetto a 135 millimetri (~ 1,3%) e 200 millimetri (~ 1%).

Vignetting

 

Come già detto l’AF-S 55-200mm VR è una lente a cerchio d’immagine ridotta,  che produce un più alto grado di vignettatura rispetto ai classici obiettivi pieno formato. Tuttavia, il Nikkor fa in realtà un lavoro piuttosto buono. A 55 millimetri e 200 millimetri c’è solo un grado relativamente moderato di vignettatura (~ 0.77EV in apertura spalancata) mentre è più pronunciato 135 millimetri (1EV @ f / 4). Se si chiude il diaframma di un f-stop la vignettatura si riduce in misura trascurabile.

 

MTF (risoluzione)

 

Può essere un po’ sorprendente, ma l’AF-S 55-200mm f / 4-5.6G ED DX VR ha mostrato una buona  risoluzione. A 55 millimetri la risoluzione al centro è eccezionalmente elevata direttamente da f / 4. A 135 millimetri la risoluzione è eccellente. Come tipico per la maggior parte dei tele zoom c’è un calo di qualità alla fine del range di lunghezza, ma la risoluzione rimane su ottimi livelli. Per un po ‘di spunto in termini di contrasto si può scegliere di stoppare più in  giù.

Di seguito una sintesi semplificata dei risultati formali. Il grafico mostra la larghezza delle linee per l’altezza dell’immagine (LW / PH) che può essere preso come una misura per la nitidezza.

Aberrazione Cromatica (CAs)

Le aberrazioni cromatiche laterali (ombre di colore a contrasto transizioni difficili) sono relativamente ben controllati.

Verdetto

Il Nikkor AF-S 55-200mm f / 4-5.6G ED DX VR ci ha stupito con una performance molto solida con pochissimi punti deboli. La  risoluzione è generalmente molto buona e né le CA ne le  distorsioni sono qualcosa di cui preoccuparsi. La vignettatura è un po’ più pronunciata a 135 millimetri @ f / 5 ma per il resto non è un problema reale. Il bokeh non è il migliore in commercio ma è il massimo che si si può aspettare da una lente del genere. Fortunatamente ha Nikkor resistito alla tentazione di utilizzare materiali super-economici così, mentre è sicuramente lontano da essere solido come una roccia la qualità costruttiva è in realtà buona per un obiettivo in questa classe di prezzo. Una nuova caratteristica altamente auspicabile è naturalmente il meccanismo VR (Riduzione Vibrazioni). Non aiuta in tutte le situazioni, ma spesso può permetterci di rimanere a ISO bassi senza rischiare più di tanto in pieno giorno di avere foto mosse.  La cosa migliore di tutte è sicuramente il prezzo, per quello che costa difficilmente troverete qualcosa che offra lo stesso valore.

Scopri subito quanto costa su Amazon.it!

Nikon 35mm 1.8 AF-S DX Recensione

Nikon 35mm 1.8 AF-S DX Recensione

Vediamo nel dettaglio il famoso NIKON 35MM 1.8, ci sono due tipi di persone: i fotografi che preferiscono usare obiettivi zoom e fotografi che preferiscono usare obiettivi a focale fissa. Io sono sicuramente un membro del secondo gruppo. Sono obiettivi che utilizzano una lunghezza focale fissa, il che significa che non è possibile zoomare nella composizione dell’immagine, ma offrono una qualità d’immagine superiore e un range di apertura più ampio degli obiettivi zoom. Sono passato da una marca all’altra nel corso degli anni, ma a prescindere da quale marca di macchina fotografica stia usando un obiettivo fisso è stato il primo obiettivo che ho acquistato per ogni fotocamera.

Nikon AF-S DX 35mm f/1.8G

UN’OCCHIATA DA VICINO

Nikon è ampiamente rispettata per fare lenti fantastiche, ma negli ultimi anni ha messo molta più enfasi sullo sviluppo di obiettivi zoom  rispetto a lenti “prime”. Ecco perché la maggior parte delle persone si sono stupite quando Nikon ha recentemente annunciato il Nikon 35 mm 1.8 G  obiettivo fisso Nikkor AF-S DX. Questo obiettivo a basso costo ed alte prestazioni è stato progettato specificamente per i molti possessori di Nikon D3200, D90, D7200 che hanno bisogno di un obiettivo primario veloce ad un prezzo accessibile. Dunque è il nuovo obiettivo Nikon 35mm  buono come sembra? Diamo un’occhiata più da vicino.

 COSTRUZIONE E DESIGN

Il Nikon 35mm 1.8 G AF-S DX ha un design completamente nuovo per reflex digitali con attacco Nikon con sensori di dimensioni APS-C (formato DX).

Nikon AF-S DX 35mm f/1.8G

Ciò che separa la Nikon F-Mount da tutte le altre Nikon è la rimozione del motore  di messa a fuoco dal corpo macchina. Tutte le lenti “AF-S” utilizzano il Nikon Silent Wave Motor (SWM), il che significa che le Nikon Entry Level  possono mettere a fuoco automaticamente solo con gli obiettivi AF-S.

Il Nikon 35mm  è stato progettato per fornire agli utenti del formato DX Nikon il classico angolo di campo “normale” di un obiettivo da 50 mm su un formato Full Frame o una fotocamera a pellicola 35 mm. In altre parole, nei giorni delle camere 35mm la  maggior parte dei produttori incluse un 50mm come “lente kit” , ecco perché 50 millimetri è stata considerata la lunghezza focale “normale” (simile a quello che vede l’occhio umano). Oggi, la maggior parte delle reflex digitali sono dotate di un obiettivo zoom a basso costo come “lente kit”, ma molti fotografi vogliono ancora utilizzare un obiettivo fisso “normale” con una apertura di diaframma veloce. Ecco dove il nuovo Nikon 35mm 1.8 G AF-S  entra in gioco.

SOLIDITA’

Questo obiettivo compatto ha una solida qualità costruttiva complessiva (molto meglio di quanto la maggior parte delle lenti nella fascia di prezzo) e occupa meno spazio nella vostra borsa fotografica che la lente kit 18-55mm standard in dotazione con la vostra reflex. Il paraluce in dotazione aiuta a prevenire il bagliore, ma dato il fattore di crop 1.5x per i corpi DX, la cappa sarebbe dovuta essere due volte più profonda (e due volte più in grado di ridurre la riacutizzazione) senza danneggiare la qualità delle immagini.

Nikon AF-S DX 35mm f/1.8G

Marcature come ad esempio la scala delle distanze in piedi e metri di profondità o di base della scala di campo sono completamente assenti da questo obiettivo. Una caratteristica degna di nota è che il nuovo obiettivo 35 mm utilizza il controllo completamente automatico del diaframma: non è possibile selezionare manualmente l’apertura ruotando il collare del diaframma sull’obiettivo perché non c’è il collare diaframma.

Nikon AF-S DX 35mm f/1.8G

Nikon AF-S DX 35mm f/1.8G

L’ottica è completamente in vetro con otto elementi in sei gruppi, e un elemento asferico. Il diametro del filtro per questo obiettivo è 52 millimetri che è perfetto per i proprietari di DSLR Nikon che utilizzano anche la lente kit 18-55mm.

Maneggevolezza

Come è noto, i sensori APS-C nelle fotocamere Nikon “DX” hanno un fattore crop di 1,5x , quindi questo obiettivo 35 mm funziona come una lente 52,5 millimetri sui corpi DX. La lunghezza focale corta rende questo obiettivo assolutamente perfetto come una lente “normale” per uso generale, e il diaframma a  f / 1.8 significa che è possibile creare sfondi sfocati o catturare una bella foto anche in condizioni di luce non favorevoli.

Nikon AF-S DX 35mm f/1.8G

Il 35 millimetri di lunghezza focale f / 1.8 di apertura è anche diventato molto popolare per i fotografi che stanno cercando di replicare l’aspetto dei 50mm di una volta. La distanza minima di messa a fuoco di soli 12 pollici significa che è possibile avvicinarsi molto al soggetto e ottenere un’immagine fantastica.

Nikon AF-S DX 35mm f/1.8G


PERFORMANCE

Il nuovo obiettivo Nikkor 35 millimetri è guidato dal nuovo AF-S  piuttosto che un sistema di messa a fuoco tradizionale nel corpo macchina azionato a vite. Ciò significa in genere messa a fuoco è più silenziosa e spesso più veloce di lenti che utilizzano motori di messa a fuoco a corpo macchina. Il Nikon 35mm 1.8 è davvero molto silenzioso, ma la velocità di autofocus non sembrava particolarmente più veloce di quello che abbiamo visto con i vecchi obiettivi Nikkor su altri corpi Nikon. Ancora, il 35 millimetri AF-S è abbastanza veloce e fa un ottimo lavoro in ambienti poco illuminati dove un obiettivo kit standard semplicemente non riesce a mettere a fuoco.

Come accennato in precedenza, ero un po ‘deluso dalla mancanza di una scala e / o la profondità di campo scala distanza sul lato della lente. Sarebbe stato bello se Nikon avesse incluso una semplice scala di distanza in modo da consentire ai fotografi  un altro modo per controllare la messa a fuoco, ma per essere onesti la maggior parte delle persone che utilizzano fotocamere entry-level non sanno nemmeno che cosa sia una scala distanza e non l’avrebbe mai usata.

Messa a fuoco manuale

La messa a fuoco manuale con il Nikon 35mm 1.8 su una fotocamera AF-S  è molto più facile che con vecchie lenti e corpi Nikon. Poiché la lente non utilizza un azionamento a vite per l’autofocus non è necessario per disinnestare la frizione autofocus Per utilizzare l’anello di messa a fuoco manuale. Basta ruotare la ghiera di messa a fuoco manuale sulla parte anteriore della lente per regolare messa a fuoco. Detto questo, c’è un interruttore M / A e M  standard sul lato della lente nel caso in cui si desidera disattivare l’autofocus e usare messa a fuoco manuale.

L’anello di messa a fuoco manuale sul Nikon 35mm 1.8 non è liscio come quello che ho visto su molti altri obiettivi, come il Pentax DA 35 mm f / 2.8 Macro Limited. L’anello di messa a fuoco manuale ha un “tiro” di circa 100 gradi, in modo da spostare il anello dalla distanza di messa a fuoco da più vicino a infinito impiega un po ‘più di un quarto di giro.

Qualità dell’immagine

Le immagini di esempio in questa recensione sono state scattate con una Nikon D40x in modalità RAW / NEF e trattati con ACR senza cambiamenti significativi alle impostazioni predefinite. Vale la pena notare che Nikon Capture NX2 generalmente produce file di immagini con più contrasto e nitidezza rispetto alle impostazioni predefinite di Photoshop. In ogni caso, crediamo che queste immagini di esempio siano rappresentative di ciò che un proprietario medio di fotocamera Nikon è in grado di produrre con questo obiettivo.

Nikon AF-S DX 35mm f/1.8G

Nikon AF-S DX 35mm f/1.8G

Nikon AF-S DX 35mm f/1.8G

Nikon AF-S DX 35mm f/1.8G

Nikon AF-S DX 35mm f/1.8G

CONCLUSIONI

Come ho detto all’inizio di questa recensione, io sono probabilmente un po ‘prevenuto a favore di obiettivi a focale fissa quando si tratta di fotografia. Fino a che qualcuno non scoprirà un modo per produrre un obiettivo zoom a prezzi accessibili con un’apertura massima di f / 1.4 ci sarà sempre un posto per lenti prime. La capacità di isolare il soggetto con profondità di campo o di scattare foto in ambienti  con scarsa luminosità rende questo obiettivo un must per i fotografi seri. La lunghezza focale 35 millimetri funziona bene anche come lente di uso generale, anche se la distorsione a barilotto evidente è un po ‘frustrante da vedere in un obiettivo fisso.

In breve, il nuovo AF-S Nikkor 35 mm f / 1.8G è un obiettivo incredibile. Con favolosa nitidezza da bordo a bordo. grande bokeh, e un prezzo scandalosamente basso. In termini di nitidezza complessiva e gamma di apertura questo obiettivo è superiore a diversi obiettivi che costano più di due volte tanto! Nikon infine ci ha consegnato un fantastico obiettivo fisso per il consumatore medio che possiede la D3200, D3300, D7200. Se si possiede una di queste telecamere, questo obiettivo appartiene alla vostra borsa fotografica.

Scopri subito a quanto puoi acquistarlo su Amazon.it!

Tamron 70 300 mm f/4-5.6 Recensione

Tamron 70 300 mm f/4-5.6 – Una breve panoramica

 

Il Tamron 70 300  f / 4-5.6 Di VC USD  dispone di una popolare e utile lunghezza focale, un design piacevole, per un prezzo molto conveniente.

 

Tamron 70-300mm f/4-5.6 Di VC USD Lens on Canon EOS 60D - Top View

Stando al di sopra della gamma di lunghezze focali 18-55mm tipiche che si trovano su lenti kit ed uso generico, il 70-300mm è estremamente popolare tra quelli che necessitano di una seconda lente che vada oltre, personalmente la consiglio dal momento che il divario tra 50mm  e 70mm è estremamente trascurabile.

Ecco un esempio della gamma di lunghezza focale 70-300mm  su un corpo macchina full frame (Canon EOS-1Ds Mark III).

70-300mm Focal Length Range Example

USI PER IL TAMRON 70 300

 
Stilare un elenco degli usi per un obiettivo 70-300mm è un compito arduo (che comprende la vita familiare, le vacanze, i paesaggi, i viaggi, la fauna selvatica), ma l’apertura relativamente stretta tipicamente presente in questa classe di lenti elimina l’utilizzo in scarsa luminosità da questa lista . Inoltre, tipico per un obiettivo di questa classe è che il Tamron 70 300 F / 4-5.6 Di VC USD ha un’apertura massima variabile. A 70mm, f / 4, ma a 300mm f / 5.6 è la massima apertura disponibile – una differenza di 1 stop – permettendo ad 1/2 della quantità di luce di raggiungere il sensore.
 
Model f/4.0 f/4.5 f/5.0 f/5.6
Canon EF-S 55-250mm f/4-5.6 IS II  55-73mm 74-95mm 96-153mm 154-250mm
Canon EF 70-300mm f/4-5.6 IS L USM  70-103mm 104-154mm 155-228mm 229-300mm
Tamron 70 300 mm f/4-5.6 Di VC Lens 70-103mm 104-160mm 161-217mm 218-300mm
Canon EF 70-300mm f/4-5.6 IS USM  70-84mm 85-134mm 135-224mm 225-300mm
Canon EF 70-300mm f/4.5-5.6 DO IS USM    70-94mm 95-184mm 185-300mm
Canon EF 75-300mm f/4-5.6 III USM  75-94mm 95-139mm 140-239mm 240-300mm
Canon EF 100-400mm f/4.5-5.6 L IS USM    100-129mm 130-259mm 260-400mm

 

On Canon EOS 60D - Angle View

 
 

PERFORMANCE

Il Tamron 70 300 f / 4-5.6 Di VC USD  è dotato della tecnologia Vibration Compensation Tamron (il VC nel nome), promettendo 4 stop di assistenza vibrazioni della fotocamera. Il VC su questo obiettivo fa sì che l’immagine nel mirino salti quando si attiva. Uno scatto facilmente udibile (anche se non forte) si sente quando inizia la  stabilizzazione e di nuovo quando termina.

Per il suo prezzo basso, il Tamron 70 300 F / 4-5.6  offre una qualità complessiva dell’immagine piuttosto impressionante . A 70mm con un’apertura spalancata, il 70-300 VC ha una nitidezza decente a destra in pieno angoli della cornice (gli angoli inferiori mostrano leggera morbidezza) e mostra un piccolo miglioramento, quando si chiude il diaframma.

QUALITA’ DELL’IMMAGINE

La qualità delle immagini al centro dell’obiettivo degrada lentamente avvicinandosi ai 200 millimetri – rimanendo comunque utilizzabile. Chiudere il diaframma fornisce solo un lieve miglioramento nel centro dell’obiettivo per quanto riguarda la nitidezza.

L’aberrazione cromatica è molto ben controllata nel Tamron 70 300 VC, con solo una piccola quantità apparente negli angoli della foto. Leggermente più  visibile nella parte sinistra dell’inquadratura rispetto alla destra.

BOKEH

Il bokeh (la qualità della sfocatura dello sfondo) prodotto dal Tamron 70 300 F / 4-5.6 Di VC USD non è il migliore. Anche se questo obiettivo non ha un’ampia apertura, la relativamente lunga lunghezza focale di 300 millimetri è ancora in grado di creare una bella quantità di sfocatura dello sfondo con un soggetto relativamente vicino.

Tamron 70-300mm f/4-5.6 Di VC USD Lens on Canon EOS 60D on Tripod

QUALITA’ COSTRUTTIVA

Il Tamron 70 300 f / 4-5.6 Di VC USD  incorpora la prima implementazione di Tamron del sistema “USD” o Ultrasonic Silent Drive. Il mio primo pensiero è che le parole ad ultrasuoni e Silent sono ridondanti per quanto riguarda le persone a cui interessa, ma … l’obiettivo mette a fuoco silenziosamente (anche se non completamente “in silenzio”). Per quanto riguarda la velocità, sicuramente non tra le migliori, ma comunque accettabile.

 

Tamron 70-300mm f/4-5.6 Di VC USD Lens Product Images

 

Il Tamron 70 300 f / 4-5.6 Di VC USD  ha un profilo liscio, attraente. Buona attenzione per i dettagli, la ghiera dello zoom appare molto ben integrata con il resto dell’obiettivo.

Il Tamron 70 300  f / 4-5.6 Di VC USD  ha solo due interruttori. Uno per accendere e spegnere il sistema VC  e uno per la selezione manuale / messa a fuoco automatica. L’interruttore circonda sono a filo con il corpo lente e gli interruttori stessi sono leggermente sollevati. Molto poco sforzo è richiesto per spostare gli interruttori – forse preferirei che fossero leggermente più resistenti ai cambiamenti accidentali.

On Canon EOS 60D - Side View

Il paraluce incluso nel Tamron 70 300 VC  è relativamente lungo e stretto. Quando invertito, il paraluce si adatta sulla lente molto bene – ma copre l’intero anello dello zoom. Ciò significa che l’utilizzo di questo obiettivo con il paraluce invertito elimina la funzione di zoom. Io in realtà questo lo vedo come un attributo positivo in quanto costringe l’uso corretto del paraluce.

QUALE SCEGLIERE?

Diamo un’occhiata a come se la cava a peso e dimensioni paragonato a obiettivi simili:

 

Model Weight Dimensions w/o Hood Filter Year
Canon EF-S 55-250mm f/4-5.6 IS II 13.8 oz (390g) 2.8 x 4.3″ (70 x 108mm) 58mm 2011
Canon EF 70-200mm f/4.0 L USM  24.9 oz (705g) 3.0 x 6.8″ (76 x 172mm) 67mm 1999
Canon EF 70-200mm f/4.0 L IS USM 26.8 oz (760g) 3.0 x 6.8″ (76 x 172mm) 67mm 2006
Canon EF 70-200mm f/2.8 L USM  46.2 oz (1310g) 3.3 x 7.6″ (85 x 194mm) 77mm 1995
Tamron 70-200mm f/2.8 Di Macro 46.6 oz (1320g) 3.5 x 7.6″ (90 x 194mm) 77mm 2008
Canon EF 70-200mm f/2.8 L IS II USM 52.6 oz (1490g) 3.5 x 7.8″ (89 x 199mm) 77mm 2010
Canon EF 70-300mm f/4-5.6 IS L USM 37.1 oz (1050g) 3.5 x 5.6″ (89 x 143mm) 67mm 2010
Tamron 70 300 mm f/4-5.6 Di VC 27.0 oz (765g) 3.2 x 5.6″ (81.5 x 143mm) 62mm 2010
Canon EF 70-300mm f/4-5.6 IS USM  22.2 oz (630g) 3.0 x 5.6″ (76.5 x 143mm) 58mm 2005
Canon EF 70-300mm f/4.5-5.6 DO IS USM 25.4 oz (720g) 3.2 x 3.9″ (82 x 100mm) 58mm 2004
Canon EF 75-300mm f/4-5.6 III USM 16.9 oz (480g) 2.8 x 4.8″ (71 x 122mm) 58mm 1999
Canon EF 100-400mm f/4.5-5.6 L IS USM  48.7 oz (1380g) 3.6 x 7.4″ (92 x 189mm) 77mm 1998

Ecco un confronto visivo di alcuni degli obiettivi sopra menzionati:

Tamron 70-300mm f/4-5.6 Di VC USD Lens Comparison

Da sinistra a destra:
Canon EF 70-300mm f/4.5-5.6 DO IS USM
Canon EF 75-300mm f/4-5.6 III USM
Canon EF 70-300mm f/4-5.6 IS USM 
Tamron 70 300 mm f/4-5.6 Di VC
Canon EF 70-300mm f/4-5.6 IS L USM

Ed ecco gli stessi obiettivi in estensione completa:

Tamron 70-300mm f/4-5.6 Di VC USD Lens Comparison with Hoods

PRO E CONTRO

I vantaggi del Canon includono peso  più leggero, una migliore accuratezza dell’autofocus, meno vignettatura e meno distorsione.

Tra i vantaggi del Tamron invece troviamo un prezzo molto più basso (con il paraluce in dotazione). Il sistema AF Tamron è esteticamente migliore con la messa a fuoco interna. Inoltre è dotato di FTM e nessuna rotazione del filtro durante la messa a fuoco.

LA QUALITA’ SI PAGA…

Se volete ottima qualità da una lente 70-300mm, il Canon EF 70 300 mm f / 4-5,6 IS USM  L è la risposta.

Come ci si aspetterebbe, questo enorme miglioramento nella qualità delle immagini, insieme a una migliore qualità costruttiva  ha un prezzo. La differenza nella qualità dell’immagine tra 70-300 L e il Tamron 70 300 VC è evidente.

On Canon EOS 60D - Top View with Hood

 

CONCLUSIONI

Ci sono tante opzioni quando si parla di obbiettivi 70-300mm. Quello che distingue il Tamron dagli altri è la combinazione di buona qualità dell’immagine, estetica ben curata e sistema VC. Ed il tutto per un prezzo decisamente basso.

Aquista il tuo su Amazon.it .

Leggi anche: I migliori obiettivi per DX

Tamron 18-200 mm f/3.5-6.3 Di II VC Recensione


Con questa lente, Tamron ha colto l’opportuintà di aggiungere il proprio sistema VC (Vibration Compensation) per gli utenti Canon e Nikon, in un pacchetto che ha un prezzo incredibilmente basso. Scopriamo questo nuovo obiettivo e vediamo se regge il passo con la concorrenza.

Tamron 18-200mm f/3.5-6.3 Di II VC Maneggevolezza e Features

Tamron 18 200mm VC On Canon 600D

L’utilizzo di plastiche di alta qualità nella costruzione, ci da una lente che pesa solo 400g. Questo obiettivo si bilancia molto bene ad esempio con la Canon EOS 600D che abbiamo utilizzato per questa recensione. I soli controlli che troviamo sull’obiettivo sono l’interruttore AF/MF e quello di accensione del sistema VC. La lente viene descritta come “resistente all’umidità”, che è una frase estremamente vaga che noi interpretiamo come “sopravviverà a una pioggia leggera se fate attenzione”

Il range 18-200mm è equivalente a 28.8-320mm sul corpo Canon che abbiamo usato, 27-300mm su un corpo Nikon. La lente ha la messa a fuoco interna quindi non si allunga, ma l’anello di messa a fuoco gira, quindi deve essere lasciato libero di muoversi. L’elemento frontale non ruota, rendendo l’utilizzo dei filtri polarizzati molto più semplice.

Tamron 18 200mm VC On Canon 600D Full Zoom

Il sistema VC è interessante, utilizzando il movimento di un gruppo di elementi ottici controlla l’effetto del movimento della fotocamera. Logicamente quando si utilizza un treppiede, il VC va SPENTO.

La lente è composta da 16 elementi in 14 gruppi, incluso un elemento LD (Low Dispersion).

Tamron 18 200mm VC Rear Element

Tamron 18-200mm f/3.5-6.3 Di II VC Performance

La nitidezza varia durante il range di zoom dell’obiettivo, ma dall’inizio si capisce che il livello più alto di performance si troverà al centro dell’immagine e a lunghezze focali più corte. A 18mm, la nitidezza centrale è eccellente. Rimane molto buona anche a f/16 ed inizia a calare a f22. I bordi rimangono un po’ indietro, raggiungendo livelli ottimi da f5.6 a f/11. L’aberrazione cromatica è molto ben controllata al centro dell’immagine, ma come potrete immaginare, si fa più notare man mano che ci avviciniamo ai bordi dell’immagine.

A 35mm, la nitidezza centrale ancora una volta è eccellente fino agli f/11, molto buona a f/16, e inizia a calare andando su. L’aberrazione cromatica è addirittura migliore rispetto ai 18mm.

A 70mm, la nitidezza è eccellente da f/5 a f/11, e va via via deteriorandosi rimanendo comunque utilizzabile. Aberrazione cromatica ancora più controllata rispetto a prima.

A 135mm, il top della performance per quanto riguarda la nitidezza si ha tra gli f/8 e f/11. Rimane comunque generalmente accettabile anche alle altre aperture di diaframma.

A 200mm, poche variazioni da segnalare, eccellente tra f/8 e f/11, buona a f/16 e via via calando. A questa lunghezza focale purtroppo la nitidezza ai bordi si deteriora notevolmente.

Valore per il prezzo

Alternative al Tamron 18-200mm f/3.5-6.3 Di II VC, si possono trovare nel Canon EF-S 18-200mm f/3.5-5.6 IS e per i Nikonisti nel Nikon 18-200mm f/3.5-5.6 G AF-S DX ED VR II oppure per entrambi nel  Sigma 18-200mm f/3.5-6.3 DC Macro OS HSM.

Il Tamron costa decisamente meno dei modelli sopra indicati, e da’ molto per il suo prezzo.

Tamron 18-200mm f/3.5-6.3 Di II VC Verdetto

Il Tamron 18-200mm f/3.5-6.3 Di II VC è molto performante per il suo prezzo. Specialmente al centro dell’immagine dove la nitidezza è davvero impressionante anche rispetto a lenti più costose. Naturalmente ci sono dei compromessi nelle performance che abbiamo elencato in questa recensione, ma per chiunque voglia una lente economica, versatile, da viaggio, questo obiettivo ha un valore estremamente alto per quello che costa. Aggiungete il bonus del sistema VC ed è veramente difficile non rimanere impressionati.

Acquistalo subito al minor prezzo su Amazon.it.

Canon EF-S 24mm f/2.8 STM Pancake Recensione

Canon EF-S 24mm f/2.8 STM Pancake provato per voi.

Per quelli di noi che seguono da vicino la linea di obbiettivi Canon, il Canon EF-S 24mm f/2.8 STM Pancake somiglia ad un obbiettivo molto di successo che abbiamo visto nel passato. Quell’obbiettivo è il primo Pancake di Canon compatibile con le Reflex EOS, il Canon EF 40mm f/2.8 STM. Quando fu introdotto, rimanemmo tutti stupefatti dalle dimensioni ridottissime ed il peso molto leggero, e ancora più stupefatti quando vedemmo la qualità delle foto e le performance in generale ad un prezzo decisamente basso.

Canon EF-S 24mm STM Lens – Front View on Tripod

Il Canon EF-S 24mm f/2.8 STM Pancake fa la sua apparizione a metà Novembre 2014, e sembra una copia esatta del EF 40 STM in versione APS-C only, con una lunghezza focale che riproduce circa l’equivalente di 40mm su sensore APS-C (38,4mm). Con delle performance molto simili al suo fratello maggiore, il 24 STM offre un incredibile valore per quello che costa, esattamente come il 40 STM.

Canon EF-S 24mm f/2.8 STM Lens

Come avrete probabilmente già capito, questa è una lente Prime con una lunghezza focale fissa di 24mm. Dire che il 24mm è una lunghezza focale popolare sarebbe dire poco, visto che Canon ha ben 4 24mm disponibili nella sua line-up e circa 15 zoom che comprendono il 24mm nel loro range.
Con la qualifica EF-S, sappiamo che questo obbiettivo fornisce una circonferenza grande abbastanza per coprire solo una Reflex con sensore APS-C, come ad esempio la 1200D. Queste fotocamere hanno un fattore equivalente di 1.6x, il che significa che una lente da 24mm avrà un angolo di visione simile a quello di un 40mm su una reflex con sensore full frame. Ecco come appare questo campo visivo:

US Coast Guard Taney docked in Inner Harbor, Baltimore

Un 40mm è leggermente più wide di un 50mm che è la lunghezza focale considerata standard o normale. E’ leggermente più lungo di un altra lunghezza focale molto popolare: il 35mm.

Canon EF-S 24mm STM Lens – Side View on Tripod

Diaframma

Ad aggiungersi alle già numerose capacità del 24 STM c’è l’apertura di diaframma relativamente larga di f/2.8.

Questo è il diaframma minimo che considero per fermare il movimento in uno scatto all’interno, o per la fotografia notturna.

Canon EF-S 24mm STM Lens – Top Angle View

Stabilizzazione dell’immagine

Questo obbiettivo purtroppo ne è sprovvisto. Non è una sorpresa viste le dimensioni estremamente ridotte e il basso prezzo, ma l’apertura 2.8 permette comunque di ovviare a questa mancanza in situazioni di scarsa luce.

Canon EF-S 24mm STM Lens Front

Qualità dell’immagine

Quello che abbiamo visto testando questo obbiettivo è stata una qualità estremamente dettagliata scattando a f/2.8, ed i risultati migliorano a f/4.

Il secondo test effettuato è stato comparare il 24 STM al 40 STM. Il 40 ha settato il banco di prova per gli obbiettivi economici e dai risultati del test, notiamo che il 24mm lo eguaglia facilmente. Forse il 40mm è leggermente più nitido a 2.8, il che non è una sorpresa in quanto il 40mm è full frame. Ad f/4 questa differenza è completamente cancellata ed il 24mm eguaglia perfettamente il 40mm.

Corner Sharpness Comparison

Nota positiva è la quasi assenza di Aberrazione Cromatica che questo obbiettivo mostra. Con soggetti estremamente contrastati potreste vedere qualcosa, tuttavia facilmente correggibile in fase di post produzione.
Il bokeh prodotto da questo obbiettivo è decente. Non eccelso sugli angoli, ma comunque nel complesso molto gradevole. Da un punto di vista qualitativo posso dire che questo obbiettivo rispetta completamente le mie aspettative.

Canon EF-S 24mm STM Lens – Angle View on Tripod

Messa a fuoco

L’implementzione dell’autofocus STM è praticamente identica a quella del 40mm. L’anello non ruota durante l’autofocus. Per la messa a fuoco manuale l’interruttore deve essere posizionato su MF e l’esposimetro dev’essere “sveglio” premendo lo shutter a metà.

L’anello, come tutta la lente, è molto piccolo, ma essendo posizionato sull’estremità esterna della lente risulta comunque facilmente utilizzabile. L’anello ruota in modo gradevole.

Canon EF-S 24mm STM Lens – Top View

Qualità costruttiva e funzionalità

Questa è una lente “pelle e ossa”, ma come il 40 STM, al tatto risulta molto ben fatta. I componenti esterni includono un interruttore, una canna che si estende interna, e l’anello di messa a fuoco manuale.

Canon EF-S 24mm f/2.8 STM Lens Product Images

Ecco una comparazione delle varie prime lenses di Canon:

Canon EF-S 24mm f/2.8 STM Lens Compared to Similar Lenses

Da sinistra a destra rispettivamente:

Canon EF-S 24mm f/2.8 STM Lens
Canon EF 24mm f/2.8 IS USM Lens
Canon EF 28mm f/2.8 IS USM Lens
Canon EF 35mm f/2 IS USM Lens
Canon EF 50mm f/1.4 USM Lens

Ed ecco gli stessi obbiettivi completmente estesi con il paraluce montato:Canon EF-S 24mm f/2.8 STM Lens Compared to Similar Lenses with Hoods

Prezzo

Il prezzo del Canon EF-S 24mm f/2.8 STM Pancake è sicuramente una delle mie caratteristiche preferite di questo obbiettivo. Pochi obbiettivi costano così poco, e potete acquistare un pacco di questi obbiettivi al prezzo di molti altri obbiettivi Canon.

Canon EF-S 24mm STM Lens – Side Angle View

Sommario

Uno dei punti su cui Canon fa molta leva, è l’incredibile numero di obbiettivi disponibili prodotti. Questo numero supera i 100 milioni di unità prodotte mentre scrivo questa recensione.

L’obbiettivo Canon EF-S 24mm f/2.8 STM Pancake è un obbiettivo estremamente compatto e leggero che produce ottime immagini ed ha una messa a fuoco molto accurata. Il prezzo è la ciliegina sulla torta e la rende veramente un must have per tutti i kit APC-S.

C’è veramente poco altro da aggiungere, se non che potete trovare il Canon EF-S 24mm f/2.8 STM Pancake su Amazon QUI ad un prezzo molto interessante.

Canon EF-S 10-18 mm F4.5-5.6 IS STM – RECENSIONE

CANON EF-S 10-18 MM F4.5-5.6 IS STM testato per voi

L’obiettivo Canon EF-S 10-18 mm F4.5-5.6 IS STM è un grandangolo economico che apre questo tipo di fotografia ad un prezzo ragionevole per gli utenti di fotocamere APS-C.

Nonostante io scatti praticamente solo con la mia Canon 5D Mark 3, ho utilizzato la mia Canon 1200D per testare questo obbiettivo studiato per sensori APS-C

Offre una focale “equivalente” di 16-29mm.

16mm è decisamente wide se siete abituati ad un obbiettivo standard come il 18-55 kit zoom, ed è un bel passo avanti in termini di qualità rispetto al EF-S 15-85 che utilizzavo generalmente sulla 1200D.

Un tempo quando utilizzavo fotocamere 35mm analogiche, avrei considerato un 24mm un obbiettivo piuttosto wide. Nel 2004 col 16-35 2.8L di canon mi sono ricreduto.

Questo obbiettivo ha un diaframma più piccolo di quello che utilizzerei normalmente, ma è molto più leggero del mio vecchio 16-35 e perfino del nuovo 16-35 f/4L IS.

L’obbiettivo è dotato del classico Tappo stile “pinza” di canon, ma sprovvisto di bustina e paraluce.

Canon 10-18mm lens and box

Il manuale è principamente composto di tante opzioni di lingue straniere, ma una cosa che ho notato è che essendo un obbiettivo completamente elettronico, può andare in standby. Quindi se per caso l’anello di messa a fuoco sembra non fare niente premete il pulsante di scatto!

Alcune specifiche tecniche:

Principal specifications
Lens type Zoom lens
Max Format size APS-C / DX
Focal length 10–18 mm
Image stabilisation Yes
Lens mount Canon EF/EF-S
Aperture
Maximum aperture F4.5 – F5.6
Number of diaphragm blades 7
Optics
Elements 14
Groups 11
Special elements / coatings UD lens element and enhanced lens coatings
Focus
Minimum focus 0.22 m (8.66″)
Autofocus Yes
Motor type Stepper motor
Full time manual Yes
Physical
Weight 240 g (0.53 lb.)
Diameter 75 mm (2.94″)
Length 72 mm (2.83″)
Sealing No
Filter thread 67 mm
Hood product code EW-73C
MTF charts

ef-s 10-18 MTF charts

internal construction diagram for the ef-s 10-18

L’apertura massima di diaframma varia al variare dello zoom:

  • 10mm: f/4.5
  • 11mm: f/5.0
  • 15mm: f/5.6
  • 18mm: f/5.6

Prime impressioni

L’obbiettivo risulta molto leggero, ma robusto e ben costruito, molto meglio di molti obbiettivi kit del passato.

La messa a fuoco STM è estremamente silenziosa. Nel mio breve test del video, il microfono interno non ha catturato nessun rumore di messa a fuoco.

Lo stabilizzatore ha fatto qualche rumorino, distinguibile solo appoggiando l’orecchio all’obbiettivo, il che conta come silenzioso per me…

Non è una lente piccola, come potete vedere di seguito.

Come dimensioni si avvicina al 15-85, ma è di gran lunga più leggero di quest ultimo.

lens size compared

L’attacco dell’obbiettivo è plastica, compresa la parte sporgente che contraddistingue alcune lenti EF-S.

lens mount details

Le sigillature fanno un ottimo lavoro nel contrastare i riflessi interni, ed essendo l’elemento frontale praticamente piatto, coloro che fanno uso di filtri potranno utilizzarli su questo obbiettivo.

Avrete bisogno di filtri di ottima qualità e se non avete mai utilizzato filtri con un grandangolo aspettatevi dei risultati molto interessanti.

front element of lens

Conclusioni

Se non siete abituati a scattare in grandangolo, questo obbiettivo sarà una bella aggiunta al vostro setup Canon.

Ad un prezzo inferiore al 10-22mm, questo obbiettivo mi ha onestamente sorpreso con la sua solidità e performance ottica.

Lo stabilizzatore fa il suo dovere e diventa estremamente utile andando a mitigare il “problema” del diaframma più piccolo.

Se state cercando profondità di campo “sottili” questo obbiettivo non è certamente l’ideale, ma qualsiasi opzione che offra di più da questo punto di vista andrebbe ben oltre questo prezzo, e anche in termini di peso.

In realtà se è quello che vi interessa probabilmente una reflex full frame come la 5D Mark 3 farebbe più al caso vostro.

Questo obbiettivo è indirizzato ad un altro tipo di mercato e direi che Canon ha fatto un ottimo lavoro, soprattutto se paragonato ad alcuni obbiettivi economici a cui siamo stati abituati in passato.

Qualità di costruzione

Questo obbiettivo pesa solo 240 grammi, ma è estremamente ben bilanciato su una reflex di piccole dimensioni come la 1200D.

Lo zoom risulta solido anche se la resistenza dell’anello di messa a fuoco manuale potrebbe essere migliorata a mio avviso.

Sommario

Il Canon EF-S 10-18 mm F4.5-5.6 IS STM è un’ottima aggiunta al range di obbiettivi Canon per reflex dotate di sensore APS-C.

Potrete acquistare l’obbiettivo QUI.