Tamron 18-200 mm f/3.5-6.3 Di II VC Recensione

Tamron 18-200mm f/3.5-6.3 Di II VC Maneggevolezza e Caratteristiche

Con questa lente, Tamron ha colto l’opportuintà di aggiungere il proprio sistema VC (Vibration Compensation) per gli utenti Canon e Nikon, in un pacchetto che ha un prezzo incredibilmente basso. Scopriamo questo nuovo obiettivo e vediamo se regge il passo con la concorrenza.

Tamron 18 200mm VC On Canon 600D

L’utilizzo di plastiche di alta qualità nella costruzione, ci da una lente che pesa solo 400g. Questo obiettivo si bilancia molto bene ad esempio con la Canon EOS 600D che abbiamo utilizzato per questa recensione. I soli controlli che troviamo sull’obiettivo sono l’interruttore AF/MF e quello di accensione del sistema VC. La lente viene descritta come “resistente all’umidità”, che è una frase estremamente vaga che noi interpretiamo come “sopravviverà a una pioggia leggera se fate attenzione”

Il range 18-200mm è equivalente a 28.8-320mm sul corpo Canon che abbiamo usato, 27-300mm su un corpo Nikon. La lente ha la messa a fuoco interna quindi non si allunga, ma l’anello di messa a fuoco gira, quindi deve essere lasciato libero di muoversi. L’elemento frontale non ruota, rendendo l’utilizzo dei filtri polarizzati molto più semplice.

Tamron 18 200mm VC On Canon 600D Full Zoom

Il sistema VC è interessante, utilizzando il movimento di un gruppo di elementi ottici controlla l’effetto del movimento della fotocamera. Logicamente quando si utilizza un treppiede, il VC va SPENTO.

La lente è composta da 16 elementi in 14 gruppi, incluso un elemento LD (Low Dispersion).

Tamron 18 200mm VC Rear Element

Tamron 18-200mm f/3.5-6.3 Di II VC Performance

La nitidezza varia durante il range di zoom dell’obiettivo, ma dall’inizio si capisce che il livello più alto di performance si troverà al centro dell’immagine e a lunghezze focali più corte. A 18mm, la nitidezza centrale è eccellente. Rimane molto buona anche a f/16 ed inizia a calare a f22. I bordi rimangono un po’ indietro, raggiungendo livelli ottimi da f5.6 a f/11. L’aberrazione cromatica è molto ben controllata al centro dell’immagine, ma come potrete immaginare, si fa più notare man mano che ci avviciniamo ai bordi dell’immagine.

A 35mm, la nitidezza centrale ancora una volta è eccellente fino agli f/11, molto buona a f/16, e inizia a calare andando su. L’aberrazione cromatica è addirittura migliore rispetto ai 18mm.

A 70mm, la nitidezza è eccellente da f/5 a f/11, e va via via deteriorandosi rimanendo comunque utilizzabile. Aberrazione cromatica ancora più controllata rispetto a prima.

A 135mm, il top della performance per quanto riguarda la nitidezza si ha tra gli f/8 e f/11. Rimane comunque generalmente accettabile anche alle altre aperture di diaframma.

A 200mm, poche variazioni da segnalare, eccellente tra f/8 e f/11, buona a f/16 e via via calando. A questa lunghezza focale purtroppo la nitidezza ai bordi si deteriora notevolmente.

Valore per il prezzo

Alternative al Tamron 18-200mm f/3.5-6.3 Di II VC, si possono trovare nel Canon EF-S 18-200mm f/3.5-5.6 IS e per i Nikonisti nel Nikon 18-200mm f/3.5-5.6 G AF-S DX ED VR II oppure per entrambi nel  Sigma 18-200mm f/3.5-6.3 DC Macro OS HSM.

Il Tamron costa decisamente meno dei modelli sopra indicati, e da’ molto per il suo prezzo.

Tamron 18-200mm f/3.5-6.3 Di II VC Verdetto

Il Tamron 18-200mm f/3.5-6.3 Di II VC è molto performante per il suo prezzo. Specialmente al centro dell’immagine dove la nitidezza è davvero impressionante anche rispetto a lenti più costose. Naturalmente ci sono dei compromessi nelle performance che abbiamo elencato in questa recensione, ma per chiunque voglia una lente economica, versatile, da viaggio, questo obiettivo ha un valore estremamente alto per quello che costa. Aggiungete il bonus del sistema VC ed è veramente difficile non rimanere impressionati.

Acquistalo subito al minor prezzo su Amazon.it.