Non ci sono regole infrangibili quando si tratta di tecniche di composizione. Dopotutto, a chi piacciono le regole ad eccezione del preside della vecchia scuola o dei capi dei dipartimenti di H.R.? Esistono tuttavia diverse linee guida che puoi utilizzare per migliorare le tecniche di composizione delle tue foto.

In questo tutorial, ho elencato 20 di queste linee guida insieme ad esempi di ciascuna. Ho iniziato con quelli più elementari e ho finito con alcune delle tecniche di composizione più avanzate.

Prima di tutto dobbiamo definire cosa si intende per “tecniche di composizione”. La composizione si riferisce al modo in cui i vari elementi di una scena sono disposti all’interno della cornice. Come ho già detto, queste non sono regole rigide e veloci ma linee guida. Detto questo, molti di loro sono stati utilizzati nell’arte per migliaia di anni e aiutano davvero a realizzare composizioni più attraenti. Trovo che di solito ho una o più di queste linee guida nella parte posteriore della mia mente mentre sto impostando uno scatto.

Inizieremo probabilmente con una delle tecniche di composizione più note: la Regola dei terzi.

#1. Regola dei Terzi

Quindi ti ho appena detto che non ci sono regole rigide e veloci quando si tratta di composizione e quindi la prima cosa di cui scrivo è la “regola” dei terzi. A mia difesa, non ho trovato il nome. La regola dei terzi è molto semplice. Dividi la cornice in 9 rettangoli uguali, 3 trasversali e 3 verso il basso, come illustrato di seguito. Molti produttori di fotocamere hanno effettivamente incluso la possibilità di visualizzare questa griglia in modalità live view. Controlla il manuale della fotocamera per vedere come attivare questa funzione.

L’idea è di posizionare gli elementi importanti della scena lungo una o più linee o dove le linee si intersecano. Abbiamo una tendenza naturale a voler posizionare il soggetto principale nel mezzo. Posizionandolo fuori centro usando la regola dei terzi, il più delle volte porterà a una composizione più attraente.

rule-of-thirds-composition

#2. Centratura e Simmetria

Ora che ti ho detto di non posizionare il soggetto principale al centro dell’inquadratura, ti dirò di fare esattamente il contrario! Ci sono momenti in cui posizionare un soggetto al centro dell’inquadratura funziona davvero bene. Le scene simmetriche sono perfette per una composizione centrata. Hanno un bell’aspetto anche in cornici quadrate.

symmetry-composition

Le scene che contengono riflessi sono anche una grande opportunità per usare la simmetria nella tua composizione. In questa foto, ho effettivamente utilizzato un mix di regola dei terzi e simmetria per comporre la scena. L’albero è posizionato fuori centro a destra dell’inquadratura ma l’acqua perfettamente immobile del lago fornisce la simmetria. Spesso puoi combinare diverse linee guida sulle tecniche di composizione in una singola fotografia.

#3. Interesse in primo piano e profondità

Includere un certo interesse in primo piano in una scena è un ottimo modo per aggiungere un senso di profondità alla scena. Le fotografie sono 2D per natura. Includere l’interesse di primo piano nella cornice è una delle numerose tecniche di composizione per dare alla scena un aspetto più 3D.

example1

In questa fotografia di una cascata nei Paesi Bassi, le rocce nel fiume hanno fornito una fonte perfetta di interesse in primo piano. L’aggiunta dell’interesse di primo piano funziona particolarmente bene con gli obiettivi grandangolari.

example2

Ho scattato questa fotografia nei Docklands di Dublino. Le bitte del molo lungo la banchina hanno fornito l’interesse di primo piano per questo scatto. Penso che aggiunga un vero senso di profondità alla composizione. La bitta del pontile in questa scena era solo pochi metri davanti a me quando ho scattato questa foto. Includerlo nella cornice ritrae un senso di profondità nella scena includendo un elemento a cui ero abbastanza vicino, nonché il ponte e gli edifici in lontananza e tutto ciò che li separa.

Un amico che era con me quella sera inciampò in una delle bitte e finì per vedere da vicino il fiume Liffey. Questo è un modo per aggiungere profondità alla scena, immagino.

#4. Cornice all’interno della cornice

Scena di inquadratura con arco – Tecniche di composizione fotografica

Includere un “fotogramma all’interno del fotogramma” è un altro modo efficace per rappresentare la profondità in una scena. Cerca elementi come finestre, archi o rami sporgenti con cui inquadrare la scena. Il “frame” non deve necessariamente circondare l’intera scena per essere efficace.

framing-photography-composition

Nella foto sopra scattata in Piazza San Marco a Venezia, ho usato l’arco per incorniciare la Basilica di San Marco e il Campanile all’estremità della piazza. L’uso del paesaggio visto attraverso gli archi era una caratteristica comune della pittura rinascimentale come modo di rappresentare la profondità. Come puoi vedere, la piazza era completamente vuota quando ho scattato la foto. Questo è uno dei vantaggi di alzarsi alle 5 del mattino. La mattina presto è uno dei miei momenti preferiti per uscire con la macchina fotografica.

Le cornici non devono essere oggetti artificiali come archi o finestre. La foto sotto è stata scattata nella contea di Kildare in Irlanda. Questa volta, ho usato il tronco d’albero a destra e il ramo sporgente per creare una cornice attorno alla scena contenente il ponte e la casa della barca. Si noti che anche se il “frame” non circonda effettivamente l’intera scena in questo caso, aggiunge comunque un senso di profondità.

L’uso di una “cornice all’interno di una cornice” rappresenta una grande opportunità per usare l’ambiente circostante per essere creativi nelle tue composizioni.

#5. Linee guida

Le linee guida aiutano a guidare lo spettatore attraverso l’immagine e focalizzano l’attenzione su elementi importanti. Qualsiasi cosa proveniente da percorsi, pareti o motivi può essere utilizzata come linea guida. Dai un’occhiata agli esempi seguenti.

leading-lines-composition-1

In questa foto della Torre Eiffel, ho usato i motivi sulle pietre per lastricati come linee guida. Le linee sul terreno conducono tutti lo spettatore alla Torre Eiffel in lontananza. Noterai anche che ho usato una composizione centrata per questa scena. La simmetria dei miei dintorni ha fatto funzionare bene questo tipo di tecniche di composizione.

leading-lines-composition-2

Le linee guida non devono necessariamente essere dritte, come illustrato nella figura sopra. In effetti le linee curve possono essere caratteristiche compositive molto interessanti. In questo caso, il percorso conduce lo spettatore a destra del fotogramma prima di oscillare a sinistra verso l’albero. Ho anche usato la regola dei terzi durante la composizione dello scatto.

#6. Diagonali e triangoli

Si dice spesso che triangoli e diagonali aggiungano “tensione dinamica” a una foto. Anche mia suocera fa un ottimo lavoro aggiungendo tensione a qualsiasi scena. Cosa intendiamo per “tensione dinamica”? Questo può essere difficile da spiegare e può sembrare un po ‘pretenzioso. Guardalo in questo modo, le linee orizzontali e le linee verticali suggeriscono stabilità. Se vedi una persona in piedi su una superficie orizzontale piana, sembrerà abbastanza stabile a meno che non inciampi in un pub alle 2 del mattino. Metti quest’uomo su una superficie inclinata e sembrerà meno stabile. Questo crea visivamente un certo livello di tensione. Non siamo così abituati alle diagonali nella nostra vita di tutti i giorni. Inconsciamente suggeriscono instabilità. Incorporare triangoli e diagonali nelle nostre foto può aiutare a creare questo senso di “tensione dinamica”.

Incorporare triangoli in una scena è un modo particolarmente efficace per introdurre la tensione dinamica. I triangoli possono essere veri e propri oggetti a forma di triangolo o triangoli impliciti. Lo spiegherò più dettagliatamente in un momento.

diagonals-photography-composition

Questa immagine del Samuel Beckett Bridge a Dublino incorpora molti triangoli e diagonali nella scena. Il ponte stesso è un vero triangolo (in realtà dovrebbe rappresentare un’arpa celtica sul suo lato). Ci sono anche diversi triangoli “impliciti” nella scena. Notare come le linee iniziali a destra della cornice siano tutte diagonali e formino triangoli che si incontrano tutti nello stesso punto. Questi sono “triangoli impliciti”. Avere diagonali che si spostano in direzioni diverse aggiunge molta “tensione dinamica” alla scena. Ancora una volta puoi vedere come ho combinato due tecniche di composizione: linee guida e diagonali.

composition-implied-driangles-dynamic-tension

In questa foto dell’Hotel de Ville di Parigi, i triangoli e le diagonali impliciti creano un senso di tensione dinamica. Non siamo abituati a vedere edifici inclinati ad angoli simili nella nostra vita quotidiana. È leggermente sconcertante per il nostro senso di equilibrio. Questo è ciò che crea la tensione visiva. Puoi anche parlare di tensione dinamica per sembrare intelligente (o fastidiosamente pretenzioso) di fronte ai tuoi amici.

#7. Modelli e trame

Gli esseri umani sono naturalmente attratti dagli schemi. Sono visivamente attraenti e suggeriscono armonia. I motivi possono essere fatti dall’uomo come una serie di archi o naturali come i petali di un fiore. Incorporare i motivi nelle tue fotografie è sempre un buon modo per creare una composizione piacevole. Le trame meno regolari possono anche essere molto piacevoli alla vista.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La foto sopra è stata scattata in Tunisia. Ho usato lo schema delle pietre per lastricati per guidare l’occhio verso l’edificio a cupola. L’edificio stesso incorpora un modello sotto forma di una serie di archi. Il tetto a cupola completa anche gli archi arrotondati sottostanti.

patterns-in-composition

In questa seconda foto, anch’essa scattata in Tunisia, mi è piaciuta molto la trama delle pietre sul terreno. Questo è meno regolare dello schema nella prima foto ma il gioco di luci e ombre sulla superficie è molto piacevole. Ci sono anche trame interessanti per essere sulle pareti e sul tetto del passaggio. Potresti anche aver notato che l’arco crea una “cornice all’interno di una cornice” attorno all’uomo e al caffè dall’altra parte dell’arco.

#8. Regola dei Dispari

Nel mondo della fotografia, ci sono certamente molte “probabilità”, ma la “regola delle probabilità” è qualcosa di completamente diverso. La regola suggerisce che un’immagine sia visivamente più attraente se c’è un numero dispari di soggetti. La teoria propone che un numero pari di elementi in una scena sia fonte di distrazione poiché lo spettatore non è sicuro su quale focalizzare la propria attenzione. Un numero dispari di elementi è visto come più naturale e più facile alla vista. Ad essere sincero, penso che ci siano molti casi in cui questo non è il caso, ma è certamente applicabile in determinate situazioni. E se avessi quattro figli? Come decidi quale lasciare fuori dallo scatto? Personalmente, andrei dal futuro potenziale di guadagno.

rule-of-odds

La foto sopra è un esempio della regola delle probabilità. Ho deliberatamente inquadrato la scena in modo da includere tre archi. Penso che due archi non avrebbero funzionato altrettanto bene e che avrebbero potuto dividere l’attenzione dello spettatore. È anche successo che c’erano tre persone nella scena. Questa tra le tecniche di composizione fa anche uso di motivi e “cornici all’interno di una cornice”.

gondoliers-relaxing-venice-version-2

Nella foto di due gondolieri a Venezia sopra, vedrai che ho completamente ignorato la regola delle probabilità. È vero che la tua attenzione può spostarsi avanti e indietro tra i gondolieri. Comunque è esattamente come è una conversazione tra due persone, avanti e indietro. Per questo motivo, penso che il numero pari di soggetti funzioni in questo caso.

#9. Riempi l’Inquadratura

Riempire la cornice con il soggetto, lasciare poco o niente spazio attorno può essere molto efficace in determinate situazioni. Aiuta a focalizzare completamente lo spettatore sul soggetto principale senza distrazioni. Inoltre, consente allo spettatore di esplorare i dettagli del soggetto che non sarebbero possibili se fotografati da più lontano. Riempire la cornice spesso implica avvicinarsi così da poter effettivamente ritagliare elementi del soggetto. In molti casi, ciò può portare a una composizione molto originale e interessante.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Nella foto del mio gatto domestico sulla sinistra, noterai che ho riempito completamente la cornice con la sua faccia, anche ritagliando i bordi della testa e della criniera. Ciò consente allo spettatore di concentrarsi davvero su dettagli come gli occhi o le trame nella sua pelliccia. Potresti anche notare che ho usato la regola dei terzi in questa composizione. È un adorabile animale domestico ma dovresti vedere lo stato dei nostri mobili. Ama anche i bambini ma non ne può mangiare uno intero.

Nel secondo scatto della Cattedrale di Notre Dame a Parigi, ho lasciato pochissimo spazio attorno ai bordi dell’edificio. lo scopo di questa fotografia è mostrare i dettagli architettonici della facciata anteriore dell’edificio.

#10. Lascia spazio negativo

Ancora una volta, mi contraddirò completamente! Nell’ultima linea guida, ti ho detto che riempire la cornice funziona bene come strumento compositivo. Ora ti dirò che anche fare esattamente l’opposto funziona bene. Lasciare molto spazio vuoto o “negativo” intorno al soggetto può essere molto interessante. Crea un senso di semplicità e minimalismo. Come riempire la cornice, aiuta lo spettatore a concentrarsi sul soggetto principale senza distrazioni.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Questa foto di una gigantesca statua del dio indù Shiva a Mauritius è un buon esempio di utilizzo dello spazio negativo. La statua è ovviamente il soggetto principale, ma ho lasciato un sacco di spazio riempito solo dal cielo attorno ad esso. Questo focalizza la nostra attenzione sulla statua stessa dando al soggetto principale “spazio per respirare” per così dire. La composizione crea anche un senso di semplicità. Non c’è nulla di complicato nella scena. È la statua circondata dal cielo, tutto qui. Ho anche usato la regola dei terzi per posizionare la statua a destra della cornice.

#11. Semplicità e Minimalismo

Nell’ultima linea guida, abbiamo visto come lasciare uno spazio negativo attorno al soggetto principale può creare un senso di semplicità e minimalismo. La semplicità stessa può essere un potente strumento compositivo. Si dice spesso che “less is more”. Semplicità spesso significa scattare foto con sfondi semplici che non distraggono dal soggetto principale. Puoi anche creare una composizione semplice ingrandendo una parte del soggetto e concentrandoti su un dettaglio particolare.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

In questa prima foto, ho ingrandito alcune gocce d’acqua su una foglia in un giardino. È un argomento così semplice ma è anche molto bello per la sua semplicità. Un buon obiettivo macro può essere uno strumento molto utile per creare questi tipi di foto.

simplicity-in-composition-2

In questa seconda fotografia di un albero all’alba, ho fatto uso di uno sfondo molto semplice e ordinato per focalizzare l’attenzione sull’albero. Questa foto fa uso di “spazio negativo” per creare un senso di semplicità e minimalismo. Ho anche usato la regola dei terzi e le linee guida nelle tecniche di composizione.

#12. Isolare il soggetto

L’uso di una profondità di campo ridotta per isolare il soggetto è un modo molto efficace di semplificare la composizione. Utilizzando un’ampia apertura, è possibile sfocare lo sfondo che potrebbe altrimenti distrarre dal soggetto principale.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

In questa foto di un gatto nascosto in una scatola, ho impostato un’apertura di f3.5 che è molto ampia e risulta in uno sfondo molto sfocato. Ciò focalizza l’attenzione sul gatto poiché lo sfondo sfocato ora è meno distratto. Questa tecnica è un modo eccellente per semplificare una composizione. Avrai notato che ho usato anche questa tecnica per focalizzare l’attenzione sulle gocce d’acqua sulla foglia nell’ultima guida.

#13. Cambia il tuo punto di vista

La maggior parte delle foto sono prese dal livello degli occhi. Nel mio caso, sono appena 5 piedi! Alzarsi o abbassarsi può essere un modo per creare una composizione più interessante e originale di un soggetto familiare. Ho visto spesso fotografi naturalisti in particolare sdraiati nel fango sulle loro pance per ottenere lo scatto perfetto.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Questa foto di Parigi di notte è stata scattata dal tetto della Torre Montparnasse nel 15 ° arrondissement. Ogni volta che visito una città, cerco sempre di vedere se ci sono edifici con piattaforme di osservazione per consentire di fotografare la città dall’alto. Alzarsi ti dà la possibilità di catturare viste spettacolari di una città, soprattutto di notte.

forest-stream-ballyhoura-limerick-ireland

A volte trovare quel punto di vista perfetto significa bagnare i piedi. Sopra c’è uno scatto che ho scattato mentre ero in piedi in un ruscello a Ballyhoura, nella contea di Limerick, in Irlanda. In realtà ho dovuto aspettare un bel po ‘per far passare una doccia a pioggia e far uscire il sole. Ne è valsa la pena però scendere in basso e catturare il movimento dell’acqua come se scorresse sulle rocce. Avevo bisogno di diversi whisky caldi dopo avermi scaldato.

#14. Cerca combinazioni di colori particolari

L’uso del colore stesso è una tra le tecniche di composizione spesso trascurate. La teoria del colore è qualcosa con cui i grafici, gli stilisti e gli interior designer conoscono bene. Alcune combinazioni di colori si completano bene a vicenda e possono essere visivamente molto sorprendenti.

colour-wheel-2

Dai un’occhiata alla ruota dei colori qui sopra. Puoi vedere che i colori sono disposti logicamente nei segmenti di un cerchio. I colori che si trovano uno di fronte all’altro sulla ruota dei colori sono detti “colori complementari”. Come fotografi, possiamo cercare scene che incorporano colori complementari come un modo per creare composizioni attraenti e sorprendenti.

Hai mai notato quanti manifesti di film hanno combinazioni di colori blu e giallo / arancione? Questo viene fatto abbastanza deliberatamente per creare pubblicità accattivanti.

blue-yellow-colour-combination

Ho usato personalmente la straordinaria combinazione di colori blu / giallo in questa fotografia della Custom House di Dublino. Le tonalità gialle dell’edificio illuminato contrastano magnificamente con il blu intenso del cielo blu delle ore.

red-yellow-blue-colour-combination

Il rosso e il blu sono anche colori complementari sulla ruota dei colori. Il Green Shopping Centre di Stephen a Dublino è stato illuminato di rosso per Natale l’anno scorso. Questo è stato molto sorprendente contro il blu profondo del cielo notturno. Adoro fotografare le città durante l’ora blu. Il blu profondo del cielo in questo momento fa da sfondo all’architettura e alle luci della città. Il nero puro del cielo notturno non è così sorprendente e contrasta in modo troppo netto con le luci della città.

#15. Regola dello spazio

La regola dello spazio si riferisce alla direzione verso cui i soggetti nella foto sono rivolti o verso cui si stanno muovendo. Se, ad esempio, stai scattando una foto di un’auto in movimento, nel telaio davanti all’auto dovrebbe esserci più spazio che dietro. Ciò implica che c’è spazio nel telaio in cui l’auto può spostarsi. Dai un’occhiata all’esempio della barca qui sotto.

subject-moving-into-scene-composition

In questa foto, la barca è posizionata sul lato sinistro del telaio mentre si sposta da sinistra a destra. Notare come c’è molto più spazio per la barca in cui muoversi di fronte alla sua direzione di movimento (a destra) che dietro di essa. Possiamo immaginare mentalmente che la barca si muova in questo spazio mentre naviga lungo il fiume. Abbiamo anche una locazione subconscia per guardare avanti verso dove si sta dirigendo un oggetto. Se la barca fosse proprio sul lato destro dell’inquadratura, questo ci porterebbe fuori dalla fotografia!

rule-of-space-photography

Questo può essere utilizzato anche per immagini di immagini di persone. La regola dello spazio suggerisce che il soggetto dovrebbe guardare o essere rivolto verso la cornice piuttosto che all’esterno. Dai un’occhiata al musicista nella foto sopra. Ho composto lo scatto con lui seduto sul lato sinistro della cornice. È rivolto a destra (mentre lo guardiamo) nell’area dello spazio tra lui e il bordo destro della cornice. Se fosse stato rivolto dall’altra parte, avrebbe guardato fuori dalla cornice e questo sarebbe strano. Guardando nello spazio nell’inquadratura, ci guida oltre l’uomo appoggiato alla ringhiera e alla coppia che balla sul lato destro.

#16. Regola da sinistra a destra

C’è una teoria che dice che “leggiamo” un’immagine da sinistra a destra nello stesso modo in cui leggeremmo il testo. Per questo motivo, si suggerisce che qualsiasi movimento rappresentato in una fotografia debba fluire da sinistra a destra. Tutto molto bene, ma presuppone che lo spettatore provenga da un Paese in cui il testo viene letto da sinistra a destra. Molte lingue vengono lette da destra a sinistra, come ad esempio l’arabo. Ad essere sincero, ho visto molte fotografie fantastiche che “scorrono” da destra a sinistra.

Una volta sono stato criticato da un giudice per il fatto che una donna in una foto che ho scattato camminava da destra a sinistra. Mi disse che non seguiva la regola “da sinistra a destra”. Ho ricordato al giudice che la foto è stata scattata in Tunisia, dove la gente legge da destra a sinistra. Non ho vinto.

walking-dog-in-tuileries-gardens-paris

La foto sopra segue la regola “da sinistra a destra”. La donna che porta a spasso il suo cane nel giardino delle Tuileries a Parigi cammina da sinistra a destra del telaio. Questa foto aderisce anche alla “regola dello spazio”. Noterai che c’è molto più spazio davanti alla donna che dietro di lei. Ha un sacco di “spazio” in cui entrare nel telaio. Ho anche usato la regola dei terzi e una “cornice all’interno di una cornice” per comporre questa fotografia.

#17. Elementi di equilibrio nella scena

La prima linea guida sulle tecniche di composizione che abbiamo esaminato in questo tutorial è stata la “regola dei terzi”. Questo ovviamente significa che spesso posizioniamo il soggetto principale della foto sul lato della cornice lungo una delle linee della griglia verticale. A volte questo può portare a una mancanza di equilibrio nella scena. Può lasciare una sorta di “vuoto” nel resto del fotogramma.

Per ovviare a questo, puoi comporre il tuo scatto per includere un soggetto secondario di minore importanza o dimensione sull’altro lato dell’inquadratura. Questo bilancia la composizione senza mettere troppo a fuoco il soggetto principale della fotografia.

Dai un’occhiata a questa fotografia dell’ornato lampione sul Pont Alexandre III a Parigi.

balancing-elements-composition-2

Il lampione stesso riempie il lato sinistro del telaio. La Torre Eiffel nel contatore della distanza lo bilancia sull’altro lato della cornice.

Potresti aver notato che questo sembra andare contro l’idea di spazio negativo menzionato nella linea guida numero 10. Contraddice anche la “regola delle probabilità” poiché ora abbiamo un numero pari di elementi nella scena. Come ho detto all’inizio di questo tutorial, non ci sono regole infrangibili nelle tecniche di composizione fotografica. Alcune di queste linee guida si contraddicono a vicenda e va bene. Alcune linee guida funzionano bene per alcuni tipi di fotografie e non per altre. È una questione di giudizio e sperimentazione.

balancing-elements-composition

La foto sopra è stata scattata a Venezia. Ancora una volta, un lampione decorativo domina un lato della cornice. Il campanile della chiesa in lontananza fornisce equilibrio sull’altro lato della cornice.

Ciò ha anche un effetto secondario sulla composizione. Il campanile della chiesa in lontananza è ovviamente molto più grande del lampione nella vita reale. Sembra più piccolo nella fotografia in quanto è lontano. Questo aiuta ad aggiungere un senso di profondità e scala alla scena.

#18. Giustapposizione

La giustapposizione è una tra le tecniche di composizione molto potenti in fotografia. La giustapposizione si riferisce all’inclusione di due o più elementi in una scena che possono o contrastare tra loro o completarsi a vicenda. Entrambi gli approcci possono funzionare molto bene e svolgere un ruolo importante nel consentire alla foto di raccontare una storia.

book-sellers-by-the-seine-paris

Dai un’occhiata a questa foto scattata a Parigi. Nella metà inferiore del telaio, abbiamo i supporti per libri leggermente ruvidi e pronti pieni di disordine e poster appesi alle cime. Ma soprattutto sorge la magnifica cattedrale medievale di Notre Dame. Questo gioiello architettonico è l’epitome di ordine e struttura a differenza delle bancarelle di libri poco sofisticate ma attraenti di seguito. Sembrano essere in diretto contrasto tra loro eppure lavorano bene insieme. Entrambi rappresentano la città di Parigi in diversi modi. Raccontano una storia su due diversi elementi della città.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La foto sopra è stata scattata anche in Francia, ma questa volta nel pittoresco paesino di Meyssac nel sud-ovest. In questo scatto, la vecchia Citroen 2CV sembra perfettamente a suo agio di fronte al tipico caffè francese sullo sfondo. I due elementi si completano perfettamente a vicenda. L’uomo con le spalle al bar è il proprietario della macchina e mi è sembrato sorpreso quando ho chiesto se era giusto fare una foto della sua macchina. Mi ha chiesto perché avrei mai voluto fare una foto di “quella vecchia cosa”. Non sembrava rendersi conto di aver involontariamente allestito una scena tipicamente francese parcheggiando di fronte a quel caffè in particolare.

#19. Triangoli d’oro

Sei ancora con me? Ci siamo quasi…. Lo prometto. La composizione dei triangoli dorati funziona in modo molto simile alla regola dei terzi. Invece di una griglia di rettangoli, tuttavia, dividiamo la cornice con una linea diagonale che va da un angolo all’altro. Aggiungiamo quindi altre due linee dagli altri angoli alla linea diagonale. Le due linee più piccole incontrano la linea grande ad angolo retto, come illustrato di seguito. Questo divide la cornice in una serie di triangoli. Come puoi vedere, questa tra le tecniche di composizione ci aiuta a introdurre un elemento della “tensione dinamica” che abbiamo appreso nella linea guida numero 6. Come per la regola dei terzi, usiamo le linee (dei triangoli in questo caso) per aiutarci posizionare i vari elementi nella scena.

golden-triangles-composition-photography

La foto in alto contiene forti diagonali che seguono le linee dei “triangoli d’oro”. Le scie luminose del traffico seguono perfettamente la linea diagonale che va dall’angolo in alto a destra all’angolo in basso a sinistra. Le cime degli edifici a sinistra sono vicine alla diagonale più piccola a sinistra. La piccola linea sulla destra incontra la linea più grande nell’angolo in alto degli edifici.

golden-triangles-composition-photography-2

La foto sopra fa uso della “regola dei triangoli” in un modo più sottile. Le teste delle statue creano un “triangolo implicito”. Questa linea ci conduce alla Torre Eiffel in lontananza. La linea più piccola a sinistra incontra la linea più lunga a destra nel punto a metà della Torre Eiffel. La linea più piccola a destra va a destra tra le due statue. La regola dei triangoli può sembrare un modo complesso di organizzare una foto, ma può risultare in alcune composizioni davvero sorprendenti.

#20. Rapporto aureo

Qual è il rapporto aureo? Bene, in realtà è molto semplice: due quantità sono nel rapporto aureo se il loro rapporto è uguale al rapporto tra la loro somma e la più grande delle due quantità. Aspetta, adesso? Ok, se sembra troppo complicato, forse questa formula matematica aiuterà:

formula

Cosa vuoi dire che sei ancora più confuso adesso?

È vero che all’inizio il metodo del rapporto aureo per comporre una fotografia può sembrare molto complesso. In realtà è abbastanza semplice. È come una versione leggermente più complessa della regola dei terzi. Invece di una griglia normale, la cornice è divisa in una serie di quadrati come negli esempi seguenti. Questo è noto come “Phi Grid”. Puoi quindi usare i quadrati per disegnare una spirale che assomiglia a un guscio di lumaca. Questa è chiamata “spirale di Fibonacci”. I quadrati aiutano a posizionare gli elementi nella scena e la spirale ci dà un’idea di come dovrebbe fluire la scena. È un po ‘come una linea guida invisibile.

Si ritiene che tra le tecniche di composizione la spirale aurea sia in uso da oltre 2.400 anni nell’antica Grecia. È ampiamente usato in molti tipi di arte e architettura come un modo per creare composizioni esteticamente gradevoli. Era particolarmente ben impiegato nell’arte rinascimentale.

Ok, devo ammettere qualcosa qui. In realtà non ho mai intenzionalmente deciso di comporre una fotografia usando il rapporto aureo. Quando ho guardato indietro attraverso le mie fotografie, ho notato che l’avevo usato involontariamente alcune volte.

golden-ratio-composition-1

Ho scattato questa foto a Venezia. Il ponte e i gradini a sinistra occupano la grande piazza a destra. La spirale di Fibonacci ci conduce quindi da qui attraverso la cima del ponte e giù verso le due donne sedute accanto ad esso. Potrebbe essere stato un incidente fortunato ma sembra funzionare!

golden-ratio-composition-2

Il rapporto aureo può essere impostato in diverse direzioni. In questa foto scattata a Praga, la spirale ci conduce attraverso il ponte verso il castello sulla riva opposta. Un altro incidente fortunato!

Ovviamente, sarebbe impossibile avere in mente tutte queste linee guida compositive mentre stai girando. Il tuo cervello si scioglierebbe! Tuttavia, un buon esercizio è fare uno sforzo per usarne uno o due ogni volta che esci. Ad esempio, potresti fare una sessione fotografica in cui cerchi situazioni per utilizzare una “cornice all’interno di una cornice”.

Dopo un po ‘scoprirai che molte di queste linee guida sono radicate. Inizierai a usarli naturalmente senza doverci pensare. Come puoi vedere dal rapporto aureo, ne ho persino usato uno senza nemmeno accorgermene!

Spero che questo tutorial ti sia stato utile e che ti aiuti a portare la tua fotografia al livello successivo.