Tutti gli articoli di Tracollareflex.info

Le migliori fotocamere istantanee analogiche (2017)

Le migliori fotocamere istantanee analogiche (2017)

Anche se le fotocamere analogiche sono ancora in giro, la maggior parte della gente usa il proprio smartphone per fotografare. I fans dell’analogico bruciano d’amore per le loro reflex e rangefinders. Non vogliamo dire che le fotocamere analogiche hanno perso d’appeal per la massa. Infatti, le fotocamere istantanee sono diventate estremamente popolari negli ultimi anni. Dopo qualche test di laboratorio delle più vendute, la nostra preferita è stata la Fujifilm Instax Mini 90 Neo Classic.

Che vogliate usare una vecchia Polaroid Land Camera, o una fotocamera più moderna per iniziare, la fotografia istantanea continua ad avere il suo fascino, specialmente nell’era digitale. Dopotutto, cosa c’è di più magico dell’abilità di tenere le proprie fotografie tra le mani un minuto dopo averle scattate?

Se c’è una cosa da tenere a mente, è che la fotografia istantanea non è un hobby esattamente economico. Preferiamo utilizzare il fattore costo come una “scusa” per rallentare e goderci il processo fotografico. E’ un ottimo modo per immortalare il momento ancora di più, aggiungendo valore sentimentale ad ogni scatto.

Fujifilm Instax Mini 90 Neo Classic

Fujifilm offre molte diverse versioni di Instax Mini, ma non c’è dubbio che la migliore di tutte sia la Mini 90. Questa è la fotocamera di cui avete bisogno se volete tutte le funzionalità, e odiate perdere tempo con batterie non ricaricabili. A differenza delle sue sorelle maggiori della famiglia Instax Mini, la 90 è la più completa attualmente sul mercato.

L’unica pecca di questo modello è il costo decisamente superiore a quello che la maggior parte della gente potrebbe aspettarsi.

Vedi la Fujifilm Instax Mini 90 Neo Classic

Fujifilm Instax Mini 8

Questa è una delle più vecchie Fujifilm Instax che potete ancora acquistare, ed è perfetta se volete una fotocamera economica per un bambino o un ragazzo giovane. Anche se non sappiamo per quanto ancora saranno in vendita, potrete trovarle ad un prezzo decisamente inferiore rispetto alla Mini 90.

Con un investimento minimo, scegliere la Mini 8 è un ottimo modo di iniziare perchè potrete spendere i soldi risparmiati dall’acquisto della fotocamera per acquistare pellicole Instax Mini. L’unico neo di questa Instax più basilare è che non ci sono molti controlli extra, ed è sprovvista dello specchietto per i selfie.

Vedi la Fujifilm Instax Mini 8

Fujifilm Instax Wide 300

Anche se amiamo il formato Instax Mini, c’è ancora di più da amare con il formato Instax Wide, di cui si alimenta la Instax Wide 300. Questa fotocamera non entrerà facilmente nella vostra borsetta, ma scatterà foto più grandi, più simili nelle dimensioni alla classica Polaroid.

Forse l’unica pecca della Wide 300 è che il mirino è molto spostato rispetto all’obiettivo, quindi inquadrare correttamente richiederà un po’ di pratica. E’ possibile scattare selfie, ma avrete bisogno dell’apposito componente per la messa a fuoco ravvicinata.

Dal punto di vista delle features creative non è impressionante come la Mini 90, ma essendo questa l’unica opzione che avete per scattare il formato wide, è un compromesso che dovrete accettare.

Vedi la Fujifilm Instax Wide 300

Fujifilm Instax Mini 70

L’ultima arrivata tra le Instax Mini ha tutte le caratteristiche delle fotocamere più avanzate come la Mini 90, ma in un pacchetto più compatto che la mette tra le più piccole fotocamere istantanee.

Dotata di una lente da 60mm, questa fotocamera può entrare facilmente ovunque per venire con voi ovunque andiate. Non è economica come alcuni dei modelli più datati, ma la Mini 70 giustifica la differenza di prezzo includendo tutte le funzionalità come lo specchietto per i selfie.

A differenza della più economica Instax Mini 8, la super portatile Mini 7 è dotata di self-timer, una modalità macro, e perfino una modalità paesaggio.

Gli unici difetti di questa fotocamera sono la mancanza della doppia esposizione, ed il fatto che funziona con batterie CR-2 che a volte sono un po’ difficili da trovare.

Vedi la Fujifilm Instax Mini 70

Impossible Project I-1

Impossible è l’unica casa produttrice attualmente dell’originale stile di pellicola Polaroid compatibile con le vecchie Polaroid. La sua fotocamera I-1 è il primo esperimento della casa nella produzione di una fotocamera nuova, e sfortunatamente ha tutte le caratteristiche di un prodotto di prima generazione. Nonostante sia un bel pezzo di design moderno, la fotocamera è essenzialmente una fotocamera Polaroid in una scatola nuova con delle funzionalità “smart”. Un originale ring-flash a LED vi permetterà di scattare ritratti da vicino, e funge anche da indicatore di carica della batteria. La fotocamera è dotata anche di un rudimentale sistema di autofocus che seleziona automaticamente la lente adatta allo scatto che si sta tentando di eseguire.

Per il suo prezzo, ci saremmo aspettati un prodotto con una migliore esperienza fotografica, ma purtroppo attualmente la fotocamera non vale a nostro avviso il suo prezzo, specialmente se la compariamo ad una normale polaroid usata che si può trovare a qualche decina di euro. Tra la bizzarra tracolla da polso, le funzionalità estremamente limitate, la mancanza di un tappo protettivo per la lente, ed un’app disponibile solo su iOS, è un prodotto che ci sentiamo di consigliare a poche persone.

Vedi la Impossible Project I-1

Fotocamere vintage compatibili con Impossible Film

Polaroid SX-70 Land Camera

Questa fotocamera storica è indubbiamente un’icona di stile e tecnologia che è solo cresciuta in popolarità da quando ne è cessata la produzione alla fine del ventesimo secolo. Dotata di un design pieghevole, la SX-70 era un gioiello tecnologico quando è stata introdotta sul mercato. Se riuscite ad accaparrarvi una di queste fotocamere in buone condizioni, è ancora oggi una delle migliori fotocamere istantanee in circolazione.

L’unico neo è rappresentato dal costo delle pellicole. Impossible Project è una delle poche aziende che mantengono la produzione di pellicole compatibili con la SX-70, e la qualità rispetto al prezzo è tutt’altro che stellare. Detto questo, se una fotocamera lo-fi stile Instagram è lo stile che state cercando, questo è quello che avrete con queste pellicole.

La possibilità di messa a fuoco manuale della SX-70 è una gioia, e non scatterete mai più una foto con l’inquadratura sbagliata dal momento che state mirando direttamente attraverso l’obiettivo esattamente come su una reflex.

Vedi la Polaroid SX-70 Land Camera

Polaroid Spectra AF

Introdotta a metà degli anni 80, la Spectra ha rappresentato uno dei punti chiave della storia delle fotocamere istantanee. Il maggior miglioramento rispetto ad una normale Polaroid è nel fatto che il formato della Spectra è più grande, il che signigica che le foto saranno ancora più impressionanti da tenere una volta sviluppate.

Dal momento che le fotocamere Spectra sono state pubblicizzate ad appassionati ed utenti business, sono dotate generalmente di obiettivi di qualità maggiore e features più avanzate come l’autofocus Sonar. Il maggiore svantaggio di una Spectra sta nel fatto che, a differenza della SX-70, ha un mirino separato dall’obiettivo, il che potrebbe rendere l’inquadratura meno precisa. Impossible Project continua a produrre pellicole compatibili Spectra, ma come tutte le pellicole Impossible i risultati sono spesso “casuali”, e non avrete scatti consistenti come la più economica pellicola Instax Wide.

Vedi la Polaroid Spectra AF

Polaroid One-Step 600

Queste sono il fondo del barile tra le opzioni per chi cerca il classico look quadrato Polaroid, ma chi non vuole spendere una gamba e un braccio. La maggior parte di queste fotocamere hanno un flash integrato ed un mirino ottico che è spostato a sinistra rispetto all’obiettivo. Molte di queste fotocamere hanno nuove features, ma le potrete trovare spesso in ottime condizioni per pochi soldi.

Come per la Spectra, la SX-70, e le fotocamere Impossible I-type, anche le 600 sono limitate all’uso delle pellicole Impossible Project. A differenza della SX-70 questa fotocamera utilizza pellicole con un valore ISO più elevato, che ci permetterà di scattare in una maggiore varietà di situazioni. La qualità delle immagini non è la migliore, specialmente se comparata alla Instax Wide, ma se volete scatti più artistici con un budget limitato, prendete una Polaroid 600 usata e resterete più che soddisfatti.

Vedi la Polaroid One-Step 600

Le 15 migliori videocamere per Youtube del 2017

Le 15 migliori videocamere per Youtube del 2017

 

La gente fa video su Youtube da un po’ di tempo ormai, ma è solo negli ultimi annni che il medium è diventata una vera e propria carriera sottoforma di vlogger full-time. Abbreviazione di “video blogs”, i vlogs sono diventati estremamente popolari negli ultimi anni. Gli Youtubers più popolari stanno facendo milioni di dollari e perfino persone comuni che vedono il vlogging solo come un hobby si stanno divertendo parecchio facendo anche qualche soldo.

Esistono innumerevoli tipi di vlog diversi, ma hanno tutti una cosa in comune: è richiesta una buona fotocamera. Quando acquistate una camera per il vlogging è importante considerare cose come il budget, la portabilità, qualità audio e video, tempo di registrazione e vita della batteria.

La miglior camera per Youtube dipenderà molto da ciò che state tentando di girare. I vlog di viaggi vorranno una camera leggera con un’ottima qualità video. I vlog di bellezza avranno bisogno di una camera con ottica nitida, buon autofocus ed alta qualità audio. I vlog di famiglia vorranno una camera altamente portatile che resista agli urti ed alle mani dei bambini e tutto il caos che comportano.

Abbiamo selezionato alcune delle camere più popolari per i vloggers e le abbiamo divise per far fronte ai bisogni di diversi tipi di budget.

Tipi di videocamere per vloggers

Le http://zya.global/tag/speaking-with-angels/ Reflex Digitali sono state per lungo tempo lo standard quando si tratta di fotografia, e sono indubbiamente ottime videocamere da vlogging. Con la possibilità di cambiare obiettivi, l’abilità di regolare cose come l’ISO, i punti di messa  a fuoco, e la profondità di campo, le eccellenti performance in condizioni di scarsa luminosità, e la qualità dell’immagine ottima, queste camere vi danno una quantità infinita di opzioni. Ma hanno i loro difetti, tra cui il prezzo, il peso, ed una curva di apprendimento piuttosto ripida per essere utilizzate davvero a pieno.

Le camere http://alternativespacetime.com/?attachment_id=1153 mirrorless sono le nuove arrivate e stanno diventando estremamente popolari tra i fotografi ed i videomakers grazie alle dimensioni e peso relativamente contenuti, gli obiettivi intercambiabili, versatilità ed immagini perfette. Se volete una videocamera con tutte le caratteristiche di una reflex in un pacchetto più piccolo e leggero, una mirrorless è probabilmente quello che fa al caso vostro.

Le go to link compatte sono le più piccole, ed in genere sono sprovviste di molte delle funzionalità offerte da una reflex. Ma hanno anche molti punti a favore, specialmente quando si parla di vlog, e di portare la propria videocamera sempre con se. Una buona videocamera compatta può comunque offrire un’ottima qualità video, e spesso può essere dotata di controlli manuali esattamente come una reflex.

Le action cams sono progettate e pubblicizzate come videocamere che si possono attaccare al petto mentre vi paracadutate, immergete, o venite sbalzati via dalla vostra tavola da surf. Ma non è solo questo che fanno. Le Action cameras sono piccole ma sono dotate di molte funzionalità, alta qualità video e durata. Se siete il tipo di vlogger che vuole fare video di se stesso mentre nuota in una cascata, un’action camera potrebbe essere esattamente quello che cercate.

I camcorders sono progettati per darvi tutto ciò di cui avete bisogno per girare ottimi video. Sono leggeri, estremamente portatili e perfetti per chi si vuole concentrare esclusivamente sui video e non sulla fotografia.

Smartphones. Ci sono ottime possibilità che possediate un potente strumento di vlogging addosso in questo preciso istante. Mentre gli smartphones non possono competere con la qualità e la versatilità di una vera videocamera, sono comunque in grado di svolgere egregiamente il lavoro, e dando per scontato che ne possediate già uno, non vi costerà nulla.

Videocamere economiche per Youtubers (sotto i 500€)

Se il vlogging per voi è una cosa nuova o non siete sicuri di voler investire soldi in attrezzatura costosa, ci sono numerose alternative valide per iniziare. Queste videocamere entry-level vi faranno guadagnare tempo mentre cercate di capire esattamente cosa volete fare.

Nel frattempo, ecco alcune piccole bellezze per iniziare a tastare il terreno. Mentre queste videocamere sono sprovviste di alcune funzionalità che troviamo nelle videocamere più avanzate, queste sono di facile utilizzo e costano decisamente poco, il che le rende ottime per iniziare.

1. Smartphone

C’è un detto nella fotografia: “la miglior camera è quella che hai con te”, e per molti di noi, questa è rappresentata dal nostro smartphone. L’iPhone 6s ed il Samsung S5 sono entrambi in grado di girare video 4K. Quello che questi strumenti non raggiungono in termini di risoluzione e performance in bassa luminosità viene compensato dal peso e le dimensioni contenute, ed essere sempre con noi.

Vedi Iphone 6s

2. GoPro Hero 4

Questa piccola e potente videocamera è fatta per più della sola avventura. E’ piccola, resistente abbastanza da andare ovunque, ed offre la possibilità di girare video 4K. Le GoPro sono dotate anche di funzionalità come la scelta dei frame per secondo, lo slow-motion e l’abilità di cambiare le dimensioni del fotogramma. Queste camere sono eccellenti per quei vloggers che sono sempre in giro. Se sei un vlogger d’avventura e viaggi che vuole girare video senza preoccuparsi di rovinare l’attrezzatura, la GoPro Hero 4 è la scelta che fa al caso vostro.

Vedi GoPro Hero 4

3. Canon Vixia HF R72

Essere genitori e lifestyle vloggers che vogliono una videocamera potente ed allo stesso tempo portatile, c’è la Canon Vixia HF R72. Questa piccola ma potente videocamera si libera di tutto ciò di cui i vloggers non hanno bisogno, ma mantiene tutte le cose indispensabili. Dotata di uno zoom 57x, stabilizzatore di immagine, wifi integrato, porta per microfono esterno e schermo girevole, questa videocamera rende le riprese un vero piacere.

Vedi Canon Vixia HF R72

4. Logitech C930e

Questa webcam si attacca direttamente al vostro computer e vi permette di catturare video in 1080p con facilità. Mentre le webcams hanno chiaramente i loro limiti (ad esempio la non portatilità), possono rappresentare un ottimo modo per iniziare. Se siete il tipo di vlogger che svolgerà la maggior parte dei video davanti al computer (gaming vlogger e simili) questa è la camera per voi.

Vedi Logitech C930e

5. Panasonic HC-V10 Digital

Questo piccolo camcorder, che registra video a 720p e 25 fps, è dotato di schermo girevole. Può non eccellere in termini di scarsa luminosità ma in condizioni ottimali produce ottimi video ad un prezzo eccellente. E’ perfetto per iniziare per i lifestyle vloggers e simili.

Vedi Panasonic HC-V10 Digital

Videocamere intermedie per Youtubers (tra i 500 e i 1000€)

I vloggers che cercano performance più elevate hanno a disposizione un bel po’ di opzioni tra cui scegliere. Molte delle videocamere di questa lista offrono settings manuali per un controllo maggiore, schermo orientabile in modo da vedervi mentre registrate, fantastica qualità video, porte per microfoni esterni e girano video dai 1080p in su. Queste videocamere rappresentano la perfetta via di mezzo tra qualità e prezzo.

1. Canon EOS 750D

Questa videocamera formato DX è dotata di schermo girevole, autofocus evoluto, abilità di girare fino a 1080p e per questo la raccomandiamo come punto di partenza per chi si vuole dedicare seriamente al vlogging. C’è un motivo se quasi tutti i vloggers dal lifestyle alla bellezza adorano questa camera.

Vedi Canon EOS 750D

2. Canon PowerShot G7 X Mark II

Molte persone considerano la Canon Powershot G7X la miglior camera per il vlogging grazie alle sue innumerevoli funzioni, le dimensioni ridotte ed un’incredibile qualità video. Anche se non ha le capacità in condizioni di scarsa luminosità di una reflex, il suo sensore da 1’’, che è più grande della maggior parte delle camere dello stesso prezzo, cattura una grande quantità di luce e produce immagini nitide e ricche. La G7X è una scelta perfetta praticamente per chiunque.

Vedi Canon PowerShot G7 X Mark II

3. DJI Osmo

Il DJI Osmo può considerarsi la migliore action camera sul mercato per i vlog. Questa camera è piccola, resistente e gira video 4K. Per i vloggers, la caratteristica più impressionante del DJI Osmo è indubbiamente il suo sistema di stabilizzazione, che permette di girare video stabili anche mentre camminate e vi muovete, ottima cosa per i vlogger che amano girare mentre corrono attraverso la città o percorrono sentieri impervi.

Vedi DJI Osmo

4. Sony Cyber-shot DSC-RX100 IV

La Sony Cyber-shot DSC-RX100 è una piccola fabbrica di vlog. Dal peso estremamente contenuto, questa camera è in grado di girare video 4K a 30,25, e 24 fps e fino a 1000. Ed è piccola abbastanza da essere trasportata in una tasca. Questa camera rappresenta un’ottima opzione per vloggers che girano gran parte dei loro video lontani dal comfort della loro casa e vogliono una camera che sia facile da portare con se’.

Vedi Sony Cyber-shot DSC-RX100 IV

5. Canon 70D

Molti considerano la Canon 70D la migliore reflex per vloggers grazie alla lunga durata della batteria, sistema autofocus ottimo, e touchscreen user-friendly. Questa camera supporta il full HD 1080p ed è un classico tra i vloggers di lifestyle, bellezza e viaggi alla ricerca di una qualità di immagine perfetta.

Vedi la Canon 70D

Le migliori videocamere per Youtubers (sopra i 1000€)

1. Sony Alpha a7RII

I sistemi mirrorless di Sony stanno conquistando il mondo della fotografia e la a7RII potrebbe essere la migliore di tutte per fotografi e vloggers. Questa camera sfoggia un sensore full frame da 42.2MP in un corpo macchina decisamente piccolo. La a7R II ha lo stabilizzatore di immagine integrato, sale di ISO fino a 25600 in modalità video, ed è compatibile con obiettivi fatti da altre case produttrici grazie all’uso di un adattatore. Questa fotocamera è la scelta perfetta per i vloggers che chiedono alta qualità in un pacchetto più piccolo rispetto ad una reflex.

Vedi la Sony Alpha a7RII

2. Canon 5D Mark III

La Canon 5D Mark III è il venerabile cavallo di battaglia della fotografia, e nonostante sia sprovvista di cose come lo schermo girevole o il wifi, è presente in questa lista perchè lo merita davvero. Questa camera ha un sensore full frame, un autofocus a 61 punti, ottime performance ad ISO elevati, e range dinamico eccellente. La 5D Mark III è perfetta per vloggers che necessitano di qualità video impeccabile, ma non sono preoccupati per il peso extra.

Vedi la Canon 5D Mark III

3. Sony PXW-X70 4K Ready XDCAM Camcorder

Per i vloggers alla ricerca della miglior qualità video, Sony PXW-70 4K Ready Camcorder può rappresentare la camera ideale. Equipaggiata con capacità 4K, ed una lente Carl Zeiss Vario Sonnar T, questo piccolo camcorder produce video incredibili. Questa è la camera ideale per vloggers che fanno la maggior parte delle riprese fuori casa. Lifestyle e viaggiatori ad esempio adoreranno questa camera.

Vedi Sony PXW-X70 4K Ready XDCAM Camcorder

4. Panasonic Lumix GH4

La piccola ma fantastica Lumix GH4 di Panasonic è una mirrorless progettata per chi vuole scattare ottime foto e girare video di alta qualità 4K. Dotata di schermo girevole, stabilizzatore di immagine e 49 punti di autofocus, questa “cosa” può gestire praticamente tutto ciò in cui possa incappare un vlogger. Questa camera è l’ideale per il lifestyle vlogger che vuole una qualità video superiore in un oggetto portatile.

Vedi la Panasonic Lumix GH4

5. Canon C100 Cinema Camcorder

La C100 Cinema Camcorder è uno dei camcorders più potenti sul mercato. Con schermo girevole, ISO fino a 80,000 e autofocus fulmineo, questa è una camera per videomakers e vloggers seri. La C100 è un’ottima scelta per i vloggers che stanno flirtando con l’idea di diventare filmmakers.

Vedi Canon C100 Cinema Camcorder

Conclusioni

Il vlogging può essere un modo divertente per raccontare la vostra storia, far correre la vostra vena creativa e perfino guadagnarsi da vivere. Sia che siate alla ricerca di una carriera, o semplicemente un modo per divertire voi e i vostri amici, c’è una videocamera adatta a voi! E ricordate che se proprio non riuscite a decidere, il noleggio può rappresentare una valida alternativa per testare le acque.

Le migliori fotocamere da viaggio del 2017

La fotocamera da viaggio ideale è leggera, versatile e scatta ottime foto. Le compatte sono le più piccole ed economiche, ma hanno alcune limitazioni in termini di qualità di immagine. Le mirrorless hanno sensori più grandi e lenti intercambiabili ed ogni viaggiatore dovrebbe seriamente considerare questa opzione. Infine le reflex sono le più ingombranti e pesanti, ma catturano immagini di qualità professionale ed offrono la maggiore selezione di obiettivi. Di seguito le nostre scelte per le migliori fotocamere da viaggio del 2017.

Fotocamere compatte da viaggio

L’unica fotocamera da viaggio realmente tascabile è una fotocamera compatta. Le fotocamere compatte si sono evolute parecchio negli ultimi anni, ed offriono sensori più grandi e features popolari come il wifi e l’HDR. Sono inoltre la scelta più economica e con il minor danno nel caso qualcosa dovesse andare storto durante il viaggio.

1. Sony RX100

Sony RX100 camera

Peso: 10.5 oz.
Zoom: 28-100mm
Sensore: 116 sq. mm
Megapixels: 20.1
Cosa ci piace:  Un gran valore per una compatta avanzata.
Cosa non ci piace: Sprovvista di viewfinder elettronico.

Sony ha rilasciato cinque versioni della sua serie di compatte avanzate RX100, ma quella originale rimane ad oggi la nostra fotocamera compatta da viaggio preferita. Per 350€ circa vi porterete a casa una fotocamera compatta di alto livello che fa praticamente tutto e lo fa bene. Tra le sue caratteristiche un sensore 20.1 Megapixel, una lente zoom veloce Carl Zeiss, possibilità di scattare in RAW, il tutto racchiuso in un corpo macchina leggero e durevole. Le maggiori differenze tra la RX100 e la RX100V sono la presenza del viewfinder elettronico, video 4K, ed autofocus inferiore, ma il modello vecchio ha uno zoom maggiore di 28-100mm e costa meno della metà. Se state cercando una compatta discreta e portatile per viaggiare, che offre anche una qualità eccellente, la Sony RX100 rimane la nostra scelta preferita.

Vedi la Sony RX100

 

2. Canon PowerShot G9 X

pastedGraphic.png

Peso: 7.4 oz.
Zoom: 28-80mm
Sensore: 116 sq. mm
Megapixels: 20.2
Cosa ci piace: Super leggera e dotata dello stesso sensore della più costosa G5X.
Cosa non ci piace: Avremmo preferito un po’ di zoom in più.

Sony un tempo dominava il mercato delle fotocamere compatte avanzate, ma Canon è uscita con la sua serie PowerShot G. La G9 non è la più sofisticata se paragonata alla G5 X o la G7 X Mark II, ma è compatta e leggera e perciò perfetta come fotocamera da viaggio. Purtroppo è sprovvista del viewfinder ottico o di LCD orientabile, ma la G9 X è dotata dello stesso semsore CMOS delle altre due opzioni più costose della linea. Se siete indecisi tra la G9 X e la Sony RX100 sopra, le due fotocamere hanno le stesse dimensioni di sensore e numero di Megapixel, ma Sony ha 20mm di zoom in più. D’altra parte però la G9 X è dotata di wifi integrato.

Vedi la Canon PowerShot G9 X

3. Panasonic Lumix FZ1000

pastedGraphic.png

Peso: 29.3 oz.
Zoom: 25-400mm
Sensore: 116 sq. mm
Megapixels: 20.1
Cosa ci piace: Zoom incredibile.
Cosa non ci piace: Pesante e non eccelle in situazioni poco luminose.

Per la versatilità di una reflex o una mirrorless senza lo sbattimento di trasportare e cambiare obiettivo più volte, molti viaggiatori scelgono la via del superzoom. In questa categoria ci piace la Panasonic Lumix FZ1000, che ha lo stesso grosso sensore della Sony RX100 ma uno zoom di 25-400mm. Inoltre gira video in 4K. Unico neo purtroppo è il peso di questa fotocamera, ma in termini di convenienza e versatilità è semplicemente imbattibile.

Vedi la Panasonic Lumix FZ1000

 

 

4. Ricoh GR II 

 

pastedGraphic.png

Peso: 7.8 oz.
Zoom: 28mm prime lens (no zoom)
Sensore: 328 sq. mm
Megapixels: 16.2
Cosa ci piace: Un sensore APS-C di grandi dimensioni.
Cosa non ci piace: La mancanza di uno zoom non è adatta a tutti

La Ricoh GR II è la miglior fotocamera compatta sul mercato per la street photography, e dal momento che street e viaggii sono strettamente correlate, abbiamo dovuto assolutamente includere questa fotocamera in questa lista. In termini di features, la GR II sfoggia un bel sensore APS-C, delle stesse dimensioni della maggior parte delle reflex digitali o mirrorless e più grande di qualsiasi compatta di Sony o Canon. Avrete inoltre un’apertura del diaframma massima di f/2.8, la lente è fissa a 28mm, che è un’ottima distanza focale per passeggiare nelle migliori città del mondo. La GR II è relativamente nuova e comprende il wifi integrato, a parte questo è molto simile alla vecchia Ricoh GR, che ha riscosso un notevole successo in passato creando un vero e proprio culto.

Vedi la Ricoh GR II

5. Sony RX100 V 

Sony RX100 V point-and-shoot camera

Peso: 10.6 oz.
Zoom: 24-70mm
Sensore:116 sq. mm
Megapixels: 20.1
Cosa ci piace: La migliore fotocamera compatta sul mercato.
Cosa non ci piace: Per questo prezzo potete acquistare una mirrorless.

Visto il successo nel tempo, Sony continua a rilasciare nuove versioni della sua RX100. La quinta è la migliore e la più costosa, dotata di video 4K, raffica estremamente veloce di 24 fps, ed un impressionante autofocus 315-point phase detection. Combinato con una lente veloce Carl Zeiss ed un viewfinder elettronico a scomparsa, la RX100 V è probabilmente la miglior fotocamera compatta da viaggio.

Il nostro problema più grosso con la Sony RX100 V è il suo prezzo. Per gli stessi soldi potrete prendere una mirrorless come la Sony Alpha a6000 ed un paio di obiettivi e risparmiare probabilmente qualcosa. Non ci dispiace questa fotocamera, ma non siamo sicuri che valga il suo prezzo attuale. In questa serie preferiamo il valore della Sony RX100 originale, nonostante le meno features.

Vedi la Sony RX100 V

Fotocamere mirrorless da viaggio

Le fotocamere mirrorless con lente intercambiabile sono state pensate per portare la qualità della reflex in un corpo macchina compatto. Questa classe di fotocamere digitali è probabilmente la migliore per il viaggio, offrendo una qualità di immagine notevole con un setup decisamente leggero. Di seguito abbiamo scelto tre delle migliori opzioni per i viaggi dalla compatta Fujifim X-T20 alla nuova full-frame Sony a7R II.

1. Fujifilm X-T20

Fujifilm X-T20 mirrorless camera.

Megapixels: 24.3
Sensore: 368 sq. mm
Peso: 13.5¯oz.
Cosa ci piace: Leggera e più piccola rispetto alla X-T2 ma con una qualità di immagine simile.
Cosa non ci piace: Non resistente alle intemperie.

Fareste decisamente fatica a trovare una mirrorless da viaggio migliore della X-T20. La resa cromatica di Fujifilm è semplicemente il top, e questa fotocamera ha lo stesso sensore da 24.3 megapixel e processore della più costosa X-T2. E’ estremamente leggera e compatta per essere trasportata facilmente, e la collezione di obiettivi X-mount è fantastica, compreso il rispettabilissimo 18-55mm f/2.8-4 offerto come lente kit sulla X-T20 (Questo obiettivo da solo costa circa 700€).

Cosa sacrificate scegliendo la X-T20? Non è sigillata contro le intemperie e questo è da considerare per una fotocamera da viaggio. E Fujifilm in generale è rimasta un po’ indietro rispetto ad altre case che producono mirrorless come Sony e Panasonic in termini di qualità video. Ma per quelli che si limitano esclusivamente alla fotografia Fujifilm è semplicemente imbattibile.

Vedi la Fujifilm X-T20

 

2. Sony Alpha a6500 

Sony a6500 mirrorless camera

Megapixels: 24.2
Sensore: 366 sq. mm
Peso: 16 oz.
Cosa ci piace: La stabilizzazione dell’immagine integrata è fantastica.
Cosa non ci piace: Il prezzo.

La Sony Alpha a6500 fa praticamente tutto. Tra le features troviamo un sistema di autofocus avanzato, video 4K, ed un corpo macchina resistente alle intemperie in grado di sopportare un’ampia varietà di situazioni. Comparata alla precedente a6300, la a6500 aggiunge stabilizzatore di immagine integrato e touchscreen, entrambe funzioni molto utili che migliorano la qualità delle immagini e l’esperienza d’uso. La nuova versione costa circa 300€ in più ma crediamo ne valga tutto sommato la pena.

Vedi la Sony Alpha a6500

 

3. Olympus OM-D E-M10 Mark II

Olympus OM-D E-M10 Mark II camera

Peso: 13.8 oz.
Sensore: 221 sq. mm
Megapixels: 16.1
Cosa ci piace: La nostra micro 4/3 da viaggio preferita.
Cosa non ci piace: Più costosa della Sony a6000.

I consumatori hanno davvero molte opzioni quando si tratta di acquistare una fotocamera mirrorless Olympus, includendo le popolari OM-D E-M1 e la nuova OM-D E-M5 Mark II. Queste fotocamere però sono troppo costose per i fotografi occasionali che vogliono stare sotto la soglia dei 1000€. Ecco che arriva la Olympus OM-D E-M10 Mark II, che offre qualità fotografica al top in un pacchetto compatto ed economico. La fotocamera è decisamente leggera e ideale per viaggiare, ed è dotata di viewfinder elettronico, LCD orientabile e stabilizzatore di immagini integrato.

Vedi la OM-D E-M10 Mark II

 

4. Fujifilm X-T2

Fujifilm X-T2 camera

Megapixels: 24.3
Sensore: 368 sq. mm
Peso: 17.9 oz.
Cosa ci piace: Resistente alle intemperie
Cosa non ci piace: Stesso sensore e processore della X-T20 ma ad un prezzo leggermente superiore.

La Fujifilm X-T2 è la sorella più avanzata e pesante della X-T20. Se non è un problema per voi il costo ed il peso extra, questa mirrorless è assolutamente stellare. La X-T2 è dotata di un LCD ad alta risoluzione, la possibilità di aggiungere un battery grip, ed uno slot extra.

Indipendentemente da quale modello Fujifilm sceglierete, il sistema X-Mount offre una vasta gamma di opzioni soprattutto di lenti primes. Questo equivale ad un setup relativamente piccolo ma estremamente potente e versatile. Come nella X-T20 la qualità video è stata migliorata, anche se non è ancora al livello di Sony e Panasonic.

Vedi la Fujifilm X-T2

5. Sony Alpha a7R II

Sony a7R II camera

Peso: 22.1 oz.
Sensore: 864 sq. mm
Megapixels: 42.4
Cosa ci piace:  La migliore fotocamera mirrorless sul mercato.
Cosa non ci piace:  I videomaker dovrebbero guardare altrove.

Se i soldi non sono un vostro problema, e volete letteralmente la migliore fotocamera da viaggio sul mercato, la nostra scelta è la nuova Sony a7R II. Le sue due precedenti a7 e a7R erano già impressionanti, ma Sony ha deciso di esagerare con la a7R II. La fotocamera è dotata di un sensore da 42.4 megapixel retroilluminato, video 4K, performance in scarsa luminosità migliorate e stabilizzatore di immagine integrato. In aggiunta, la Sony a7R II pesa decisamente meno di una fotocamera reflex full frame come la Canon 5D Mark III o la Nikon D810. Un pacchetto leggero che produce immagini di qualità professionale: la nostra fotocamera da viaggio dei sogni.

In termini di obiettivi da viaggio per la a7R II, Sony ha recentemente rilasciato un impressionante 24-70 f/2.8. Non abbiamo avuto la possibilità di provarlo a fondo, ma le caratteristiche sembrano fantastiche ed il range di zoom è ideale per il viaggio.

 

Vedi la Sony Alpha a7R II

Reflex Digitali da Viaggio

Le reflex digitali hanno i sensori più grandi, gli obiettivi più precisi, e catturano in generale immagini di qualità migliore rispetto alle altre fotocamere. Sono anche più grosse delle mirrorless e le compatte, e costano in genere di più. Per viaggiare, molte delle reflex entry level sono piuttosto leggere, offrono un’ottima qualità di immagine e features come il wifi integrato ed il GPS. Quasi tutti i professionisti utilizzano reflex full frame, pesanti e costose ma con la miglior qualità fotografica possibile.

1. Nikon D3300

Nikon D3300 DSLR camera

Peso: 15.2 oz.
Sensore: 357 sq. mm
Megapixels: 24.2
Cosa ci piace: Leggera ed ottimo rapporto qualità prezzo.
Cosa non ci piace: LCD non orientabile.

Le reflex digitali sono più ingombranti delle loro controparti mirrrorless, ma è difficile criticarne il prezzo o la qualità delle immagini. Per meno di 500€ potete acquistare la miglior entry-level di Nikon con la relativa lente 18-55mm. Questa fotocamera è ottima per la fotografia e i video, ed avrete a disposizione una vasta gamma di obiettivi formato DX tra cui poter scegliere.

Rispetto alla più vecchia Nikon D3200, i miglioramenti sono sufficienti a farci dare un’occhiata più da vicino. Primo, Nikon ha rimosso il filtro low pass per migliorare la nitidezza. Secondo, hanno aggiunto un processore EXPEED 4, per velocizzare il tutto e migliorare le performance in scarsa luminosità. Infine, Nikon ha alleggerito il corpo macchina e la lente kit del 20% circa. Tutto questo significa che la Nikon D3300 offre delle ottime immagini in un corpo decisamente leggero.

 

Vedi la Nikon D3300

 

 

Nikon D5500 Camera

Peso: 14.2 oz.
Sensore: 366 sq. mm
Megapixels: 24.2
Cosa ci piace: Molto leggera per una reflex di fascia intermedia. 
Cosa non ci piace: Mancanza del GPS integrato. 

L’annuncio più interessante di Nikon dello scorso anno è stato sicuramente l’uscita della D5500. Questa è un’eccellente reflex di fascia intermedia, con più funzionalità della D3300. E’ dotata di schermo LCD touch girevole, autofocus superiore, e performance in scarsa luminosità migliori. Per viaggiare, è molto gradita l’ergonomicità migliorata che rende la D5500 più leggera della sua precedente e più facile da tenere in mano. Nonostante le features, il corpo pesa decisamente poco, addirittura meno della D3300 e solo di poco superiore ad alcune delle mirrorless sopra menzionate.

Vedi la Nikon D5500

 

3. Canon EOS 6D 

Canon EOS 6D camera

Peso: 26.8 oz.
Sensore: 856 sq. mm
Megapixels: 20.2
Cosa ci piace: Ottimo prezzo per una reflex full frame.
Cosa non ci piace: Autofocus con soli 11 cross type points.

Per quelli di voi che necessitano di immagini di qualità professionale ad un prezzo ragionevole, sarebbe meglio considerare seriamente la Canon EOS 6D. Quest fotocamera è stata rilasciata nel 2013, e perciò leggermente datata, ma al suo prezzo attuale è una delle migliori opzioni nella lista dal punto di vista qualità/prezzo. Non abbiamo ancora sentito nulla di ufficiale per un rimpiazzo di questa reflex.

Cosa sacrificate con la Canon 6D rispetto ad una full frame più costosa come la Nikon D810? Avrete meno megapixels, a 20.2, ed un autofocus meno avanzato rispetto alle fotocamere più recenti. Questo potrebbe rappresentare un problema per i fotografi d’azione, ma per la fotografia da viaggio la 6D offre tutta la qualità e le funzionalità di cui si possa aver bisogno.

Vedi la Canon EOS 6D

 

5. Nikon D810

Nikon D810 Camera

Peso: 31.1 oz.
Sensore: 861 sq. mm
Megapixels: 36.3
Cosa ci piace: La migliore reflex Nikon sul mercato.
Cosa non ci piace: Comincia ad invecchiare.

Se volete gettare al vento ogni tipo di considerazione sul peso e le dimensioni e guardare esclusivamente alla qualità delle immagini e dei video, la Nikon D810 è una delle migliori reflex full frame presenti sul mercato. L’anno scorso Canon ha rilasciato la 5D Mark IV con una risoluzione di 30.4 megapixels, ma le immagini non sono all’altezza della Nikon D810 nonostante costi 1000€ di più.

Se siete indecisi tra la Nikon D810 e la Sony a7R II per i viaggi, tenete a mente che la D810 pesa decisamente di più ed occupa molto più spazio, ma anche una maggiore scelta di obiettivi tra cui scegliere. Alla fine a questi livelli è difficile scegliere tra mirrorless e reflex, ma sicuramente non rimarrete delusi dalla D810.

Vedi la Nikon D810

 

Le migliori fotocamere mirrorless del 2017

La rivoluzione delle fotocamere mirrorless è in pieno svolgimento. Queste impressionanti fotocamere digitali racchiudono sensori enormi in corpi macchina compatti, offrendo una qualità di immagine di gran lunga superiore ad una point and shoot, ma senza l’ingombro ed il peso di una reflex digitale. E a differenza della maggior parte delle compatte, potrete acquistare obiettivi intercambiabili per soddisfare le più disparate esigenze. Dal momento che la scelta di lenti continua ad aumentare, acquistare una mirrorless ha senso ora più che mai. Di seguito descriviamo le migliori fotocamere mirrorless del 2017, tra cui le più economiche si attestano sui 500€ di prezzo inclusa la lente kit.

1. Sony Alpha a7R II  

Sony a7R II camera

Megapixels: 42.4
Sensore: 864 sq. mm
Peso: 22.1 oz.
Cosa ci piace: La migliore mirrorless sul mercato.
Cosa non ci piace: Video 4K può causare surriscaldamento se usato per lunghi periodi.

La Sony A7R II è ben oltre il budget della maggior parte dei fotografi, ma è indubbiamente la miglior fotocamera mirrorless con lenti intercambiabili presente ad oggi sul mercato. Questo aggiornamento della A7R originale prende tutti i punti di forza della vecchia versione, ed aggiunge le cose che davvero fanno la differenza. La fotocamera è dotata di un impressionante sensore retro illuminato da 42.4 megapixel, video 4K, e stabilizzatore di immagine integrato. Con questa seconda generazione non c’è molto che questa mirrorless non possa fare. Il più grosso ostacolo qui è il prezzo, che è più alto di reflex digitali full-frame come la Nikon D810 o la Canon 5D Mark III. Per quelli con meno soldi da spendere la Sony A72 (senza “R”) costa circa la metà, ma ha un sensore da 24.3 megapixels e non gira video in 4K.

Vedi la Sony Alpha A7R II

 

2. Panasonic Lumix GH4 

Panasonic GH4 mirrorless camera

Megapixels: 16.05
Sensore: 225 sq. mm
Peso: 19.8 oz.
Cosa ci piace: 4K video and weather sealing at a reasonable price point.
Cosa non ci piace: Not full frame.

La miglior fotocamera Micro 4/3 attualmente sul mercato è la Panasonic GH4. Tra le sue caratteristiche principali troviamo video 4K, autofocus avanzato, e corpo macchina resistente alle intemperie in grado di sopportare lunghe sessioni in condizioni non ottimali. Questa impressionante combinazione ha reso la GH4 una tra le migliori scelte per coloro che fanno uso intensivo di video ma vogliono una camera compatta e leggera. Ci è piaciuta anche l’ampia scelta di obiettivi per l’attacco micro 4/3. Se non avete bisogno di una fotocamera full-frame, la GH4 è una scelta eccellente per appassionati e professionisti.

Vedi la Panasonic Lumix GH4

 

3. Sony Alpha a6500

Sony a6500 mirrorless camera

Megapixels: 24
Sensore: 366 sq. mm
Peso: 16 oz.
Cosa ci piace: Compatta e potente.
Cosa non ci piace: Non andiamo pazzi per le opzioni di obiettivi con attacco E-mount.

Proprio quando pensavate che Sony non riuscisse a continuare con la serie di innovazioni a questo ritmo, ecco che alla fine dello scorso anno ha rilasciato la nuova a6500. Perchè un upgrade così presto? Entrambe sono ottime fotocamere mirrorless che offrono video in 4K, autofocus avanzato e corpi macchina resistenti alle intemperie. Ma la a6500 aggiunge stabilizzatore di immagine integrato ed il touchscreen per l’LCD posteriore, entrambe le quali sono caratteristiche molto utili che migliorano la qualità dell’immagine e l’esperienza di utilizzo. Con un aumento di prezzo di circa 400€ entrambi i modelli sono eccellenti e la scelta alla fine va fatta in base al budget che si ha a disposizione.

Come per le colleghe di Sony full-frame, alcuni utenti hanno lamentato un surriscaldamento girando video in 4K per lunghi periodi di tempo. Questo significa che la Panasonic GH4 manterrà il primo posto in classifica tra i videomaker più accaniti, ma la a6500 è ottima per un utilizzo più vario. Ideale per fotografi d’esterno alla ricerca di un setup compatto.

Vedi la Sony Alpha a6500

 

4. Fujifilm X-T2

Fujifilm X-T2 mirrorless camera

Megapixels: 24.3
Sensore: 368 sq. mm
Peso: 17.9 oz.
Cosa ci piace: Un bel miglioramento rispetto alla X-T1.
Cosa non ci piace: Bella l’aggiunta del 4K, ma coloro più seri riguardo al video, Sony e Panasonic regnano ancora supreme.

Primo, adoriamo a prescindere tutte le mirrorless Fujifilm. Hanno la miglior resa cromatica sul mercato ed una qualità di immagine superba per utenti che amano le foto di viaggi ed i ritratti. Rilasciata lo scorso anno, la seconda generazione X-T2 è un enorme passo avanti dalla X-T1, offrendo più megapixels, video 4K, ed il miglior autofocus di qualsiasi Fujifilm mirrorless ad oggi sul mercato. Unito alla vasta gamma di obiettivi di qualità Fujinion, la X-T2 è una fotocamera seria che dovrebbe far felici i fotografi più esigenti, in particolari quelli che adorano un look ed un feeling classico.

E’ interessante notare che Fujifilm ha evitato di competere con le mirrorless full-frame di Sony ed andare direttamente sul medio formato con la GFX 50S prossimamente in uscita. Questa fotocamera avrà un gigantesco sensore a medio formato con 50.4 megapixels di risoluzione, ma a nostro avviso sarà troppo per la maggior parte dei fotografi, con un prezzo probabilmente assurdo (si parla di 8-10000€). Invece alziamo il pollice per la più pratica e realistica X-T2, che offre comunque una qualità di immagine ottima ed una costruzione robusta. Un’altra fotocamera Fujifilm da considerare in questa fascia di prezzo è la X-Pro2.

Vedi la Fujifilm X-T2

 

5. Sony Alpha a6000

Samsung NX3000 mirrorless camera

Megapixels: 24.3
Sensore: 366 sq. mm
Peso: 12.2 oz.
Cosa ci piace: Eccezionale rapporto qualità prezzo.
Cosa non ci piace: Mancanza del video 4K.

La Sony a6000 era il successore originale della serie NEX ed ormai è “vecchia” di un paio d’anni, ma ha un rapporto qualità prezzo davvero ottimo a circa 500€. Cosa più importante, avrete un sensore da 24.3 megapixel APS-C, raffica di 11fps, video 1080p, e wi-fi e NFC integrati. Con un peso veramente contenuto proprio come il prezzo, ci sono molti punti a favore per acquistare la Sony a6000.

Cosa si sacrifica optando per il modello più vecchio? La a6000 non è in grado di girare video 4K, non ha la stabilizzazione di immagine integrata e non è resistente alle intemperie. C’è anche da dire che la lente kit 16-50mm è appena decente, quindi probabilmente vorrete aggiungere qualche obiettivo alla vostra collezione che magari si adatta meglio al vostro stile di fotografia. Ma non si può certo ignorare il rapporto qualità prezzo, la a6000 costa letteralmente un quarto della Olympus OM-D-E-M1 Mark II ma fa un lavoro maledettamente buono in termini di performance. Se volete una mirrorless di qualità spendendo davvero poco, la Sony a6000 è la nostra prima scelta.

Vedi la Sony a6000

 

6. Olympus OM-D E-M1 Mark II

Olympus OM-D E-M1 Mark II mirrorless camera

Megapixels: 20.3
Sensore: 226 sq. mm
Peso: 20.3 oz.
Cosa ci piace: Piena di caratteristiche e funzionalità interessanti.
Cosa non ci piace: Troppo costosa per i nostri gusti, specie se non siete interessati alla fotografia d’azione.

Per gli amanti del Micro 4/3 e dello spendere soldi, la nuova OM-D-E-M1 Mark II è una mirrorless decisamente impressionante che ci dimostra quanto lontano è arrivata la tecnologia. Questa fotocamera ha praticamente tutto quello che qualsiasi appassionato può desiderare: stabilizzatore integrato, raffiche veloci, video 4K, corpo resistente alle intemperie. Per qualsiasi cosa dalla street ai viaggi ai paesaggi, questa fotocamera fa tutto.

Il nostro problema più grosso con la OM-D-E-M1 Mark II è il prezzo. A circa 2000€ solo per il corpo macchina è più costosa di reflex full frame cone la Nikon D750 o la Canon 6D. Ma se siete in grado di permettervelo, e potete permettervi i relativi obiettivi, la E-M1 Mark II è un’ottima alternativa leggera praticamente a qualsiasi cosa presente sul mercato.

Vedi la Olympus OM-D E-M1 Mark II

 

7. Fujifilm X-Pro2

Fujifilm X-Pro2 mirrorless camera

Megapixels: 24.3
Sensore: 368 sq. mm
Peso: 15.7 oz.
Cosa ci piace: Un mirino ibrido ottico/elettronico è una rarità.
Cosa non ci piace: Non può competere con la X-T2 in quanto a funzionalità.

Primo, la Fujifilm X-Pro2 è un’eccellente fotocamera mirrorless, in particolare per coloro che si specializzano nella fotografia still life. Ad ogni modo, l’uscita della X-T2 l’ha resa meno rilevante e spinta giù nella lista. Entrambe le fotocamere producono immagini simili in termini di qualità generale, con 24.3 megapixel di sensore, ma la X-T2 vince per quanto riguarda le features con video 4K, autofocus superiore, schermo LCD orientabile e raffiche più veloci. La X-Pro2 è dotata di un viewfinder ibrido che offre sia l’ottico che l’elettronico, che è un notevole vantaggio per quelli che usano di frequente la messa a fuoco manuale e lenti a focale fissa. Tuttavia in un testa a testa continuiamo a preferire la X-T2.

Chi dovrebbe optare per la X-Pro2? Se non vi interessa girare video e volete una camera mirrorless con un viewfinder ottico, la X-Pro2 è quello che cercate. Le altre simil rangefinder di brand come Leica vi costeranno decisamente di più. Da notare che l’ultimo aggiornamento del firmware ha migliorato l’autofocus sulla X-Pro2 per renderla più competitiva.

Vedi la Fujifilm X-Pro2

 

8. Olympus OM-D E-M5 Mark II

Olympus OM-D E-M5 Mark II camera

Megapixels: 16.1
Sensore: 225 sq. mm
Peso: 14.4 oz.
Cosa ci piace: Una delle migliori mirrorless Olympus per il video.
Cosa non ci piace: Nessun grosso miglioramento rispetto al modello precedente.

Seguendo le orme della popolare OM-D E-M5, la Mark II è un mostro di mirrorless se consideriamo le sue dimensioni contenute. Tra gli upgrades troviamo performance video migliorata, schermo posteriore LED più grande, raffica più veloce e grip ingrossato. E’ anche dotata di resistenza alle intemperie ed una vasta gamma di obiettivi Micro 4/3 tra cui scegliere. Tutto questo però si paga in termini di durata della batteria, che è minore rispetto alla E-M5.

Due competitor per la Olympus OM-D E-M5 Mark II sono la Sony a6300 (ora sostituita dalla a6500) e la Fujifilm X-T10. Entrambe hanno sensori più grandi, ma la E-M5 II le batte in quanto a versatilità per video e foto. Oltre alla maggiore scelta di obiettivi.

Vedi la Olympus E-M5 Mark II

 

9. Fujifilm X-T10

Fujfilm X-T10 camera

Megapixels: 16.3
Sensore:  368 sq. mm
Peso: 13.5 oz.
Cosa ci piace:  Ottima qualità di immagine.
Cosa non ci piace: Video non all’altezza.

Le due Fujifilm di bandiera sono rappresentate qui sopra dalla X-T2 e X-Pro2, ma nonostante ciò ci è piaciuta anche la più economica X-T10. Essenzialmente, la X-t10 è una versione più semplice della X-T1 originale, lasciando andare caratteristiche come la resistenza alle intemperie ed abbassando la risoluzione dell’LCD. La qualità delle immagini è sostanzialmente la stessa, e la X-T10 è anche più leggera e considerevolmente più economica. Amiamo la X-T1, quindi se volete accedere alla qualità leggendaria di Fujifilm e la sua resa cromatica a meno di 1000 €, la X-T10 è la camera per voi.

Come menzionato sopra, la X-T10 non è resistente alle intemperie, a differenza della Sony A6400 e la Olympus OM-D e-M5 Mark II. Inoltre, la qualità video è inferiore alla media delle colleghe. Fujifilm ha dato la priorità per quanto riguarda il video alla X-T2, ma se scattate principalmente fotografie, questa è una mirrorless ottima ad un prezzo altrettanto buono.

Vedi la Fujifilm X-T10

 

10. Panasonic Lumix G7 

Panasonic G7 mirrorless camera

Megapixels: 16
Sensore: 224 sq. mm
Peso: 14.6 oz.
Cosa ci piace: 4K video.
Cosa non ci piace: Risoluzione più bassa rispetto alla maggior parte delle fotocamere in questa lista.

La Panasonic G7 è un po’ una via di mezzo: non è una vera semi-pro, ma sicuramente non è nemmeno una entry level. E se comparata alle point-and-shoot più “premium” come la serie Sony RX100, scegliamo la G7 senza pensarci due volte. Se state cercando foto di qualità e video ma non necessitate di tutte le features delle camere di cui abbiamo parlato qui sopra, date un’occhiata alla Panasonic G7.

Panasonic è conosciuta per il video, e non è una sorpresa che la G7 giri video piuttosto buoni in 4K. E’ dotata inoltre di un sensore micro 4/3 da 16 megapixel, raffica veloce e ottimo autofocus per questo prezzo. Comparata ad una fotocamera più nuova come la Canon M5, non avrete la stessa risoluzione, con un sensore più piccolo e meno megapixels, ma il video 4K, fantastico design ed accesso ad ottimi obiettivi sono tutti ottimi punti a favore della G7. Per coloro che girano video che cercano qualcosa sotto i 1000€, la G7 potrebbe essere il biglietto vincente.
Vedi la Panasonic Lumix G7

 

11. Olympus OM-D E-M10 Mark II

Olympus OM-D E-M10 Mark II camera

Megapixels: 16.1
Sensore: 225 sq. mm
Peso: 13.8 oz.
Cosa ci piace: Ottima qualità d’immagine per il prezzo.
Cosa non ci piace: A causa delle dimensioni potrebbe non essere ottimale per chi ha le mani grandi.

Olympus produce alcune tra le migliori mirrorless ad obiettivo intercambiabile. La OM-D E-M10 Mark II è un’opzione più accessibile che offre la qualità di immagine e semplicità d’uso tipica di Olympus ad un prezzo decisamente abbordabile con una lente kit compresa. Con questa camera avrete lo stesso sensore della più costosa E-M5 Mark II, ed uno stabilizzatore di immagine a 5-assi, oltre ad un viewfinder elettronico migliorato e tante altre features.

Questa piccola mirrorless è a nostro avviso una delle migliori come rapporto qualità prezzo nella linea Olympus OM-D. Da tenere però a mente che questa fotocamera è decisamente più piccola rispetto alle camere elencate sopra. Questo può essere un vantaggio per qualcuno, mentre per altri può essere frustrante, soprattutto per un uso professionale intensivo.

Vedi Olympus OM-D E-M10 Mark II

 

12. Canon EOS M5 

Canon M5 mirrorless camera

Megapixels: 24.2
Sensore: 332 sq. mm
Peso: 15.1 oz.
Cosa ci piace: Grazie all’adattatore è possibile utilizzare gli obiettivi per DSLR Canon.
Cosa non ci piace: Niente ci ha lasciato a bocca aperta.

Per tutti continua l’attesa di un tuffo da parte di Canon e Nikon nel mondo mirrorless, ma sfortunatamente la M5 è stato un timido test delle acque. Non c’è niente di sbagliato in realtà con la M5: sensore da 24 megapixels APS-C, schermo girevole touchscreen, ottimo viewfinder elettronico ed uno scatto continuo piuttosto veloce di circa 9 fps. Ma il campo delle mirrorless di fascia media nel 2017 è troppo competitivo per una fotocamera sprovvista di video 4K come la M5. Comparata alle opzioni di Sony e le altre Micro 4/3, la M5 semplicemente non emerge in nessun modo.

Un punto decisamente a favore della M5 è che le lenti delle Reflex di Canon sono compatibili grazie ad un adattatore (che comprende autofocus e stabilizzatore di immagine). Passare a mirrorless può sembrare spaventoso, quindi se possedete già gli obiettivi potete fare il salto senza cominciare da zero.

Vedi Canon EOS M5

 

13. Nikon 1 J5 

Nikon 1 J5 camera

Megapixels: 20.8
Sensore: 116 sq. mm
Peso: 9.4 oz.
Cosa ci piace: Esteticamente bella e veloce nello scatto.
Cosa non ci piace: Sensore piuttosto piccolo.

Nikon ha avuto un approccio particolare al mirrorless: i modelli hanno sensori più piccoli rispetto alla concorrenza, ma con molte più funzionalità. La nuova Nikon 1 J5 è la migliore fin’ora, con 20.8 megapixel, buona ergonomicità ed un’ottimo grip, è dotata inoltre di processore Nikon EXPEED 5A. In aggiunta, la 1J5 non ha il filtro ottico low pass come molte delle Reflex Nikon più recenti, che si traduce in miglior nitidezza. E’ dotata inoltre d iwi-fi e NFC.

Tutto sommato ci sono piaciute molto le migliorie sulla 1 J5. Il nostro disappunto maggiore è causato dal piccolo sensore CX. Ma se non è un problema per voi sacrificare la grandezza del sensore per la velocità e le funzionalità aggiuntive, la Nikon 1 J5 è un’opzione intrigante.

Vedi la Nikon 1 J5

 

14. Sony Alpha a5000

Sony Alpha a5000 mirrorless camera

Megapixels: 20.1
Sensore: 357 sq. mm
Peso: 9.5 oz.
Cosa ci piace: Piccola ed estremamente economica
Cosa non ci piace: Risoluzione leggermente più bassa rispetto alle altre sony Alpha.

Questa è la quarta fotocamera Sony ad entrare in questa lista e l’azienda chiaramente domina il mercato da cima a fondo. La a5000 è la Mirrorless Sony più economica che troverete, avendo essa sostituito la NEX-3 nel range entry-level della lineup. Nonostante non sia dotata di funzionalità come il touchscreen ed il viewfinder elettronico, ci è piaciuta la qualità delle immagini per il prezzo decisamente contenuto. Se volete features avanzate e qualità migliore dovrete pagare per il privilegio, ma per coloro che si avvicinano per la prima volta al mondo Mirrorless e Sony Alpha, la a5000 è ottima per iniziare.

Vedi la Sony Alpha a5000

 

Le migliori Reflex Entry Level 2017

L’acquisto della prima reflex digitale è sempre entusiasmante per un principiante. La qualità di immagine e video prodotta da una reflex è eccezionale e la curva di apprendimento è molto più veloce di quanto si possa pensare. Di seguito le nostre scelte per le migliori reflex entry level del 2017, sono tutte relativamente facili da usare con un range di modalità manuali ed automatiche. Molti iniziano con l’obiettivo kit – 18-55mm è il più comune – e potete aggiungere lenti a focale fissa o zoom per risultati ancora migliori.

1. Nikon D3400 

Nikon D3400 DSLR camera

Megapixels: 24.2
Sensore: 366 sq. mm
Peso: 13.9 oz.
Cosa ci piace: Ottimo rapporto qualità-prezzo.
Cosa non ci piace: Solo piccoli upgrade rispetto alla D3300.

Per il 2017, la D3400 è la reflex Nikon di bandiera per quanto riguarda le reflex entry level. Ad un prezzo decisamente basso avrete accesso ad un corpo macchina da 24.2 megapixel in grado di girare video Full HD 1080p e dotata di una serie di modalità di scatto automatiche che rendono questa reflex facilissima da usare senza nemmeno leggere il manuale. In generale un’ottima opzione per chi si avvicina per la prima volta all’acquisto di una reflex.

La D3400 è molto simile alla più vecchia D3300. L’aggiunta più notevole è la tecnologia SnapBridge per il trasferimento delle immagini wireless al vostro smartphone via Bluetooth. La D3400 ha avuto anche un netto miglioramento in termini di durata della batteria ed è leggermente più leggera.

Vedi la Nikon D3400

 

2. Canon EOS 750DCanon EOS Rebel T6i camera

Megapixels: 24.2
Sensore: 332 sq. mm
Peso: 19.6 oz.
Cosa ci piace: La miglior qualità video tra le reflex entry level.
Cosa non ci piace: Piuttosto costosa.

In cima alla line-up delle reflex entry level di Canon troviamo la popolare Canon EOS 750D. Questa reflex rappresenta un notevole salto di prezzo rispetto alla D3400 (in realtà la 750D è più paragonabile alla D5500). Tra le note positive una qualità video migliorata ed un obiettivo STM che mette a fuoco velocemente e silenziosamente. Abbiamo apprezzato anche l’autofocus ed il wi-fi ed NFC integrato, che abbiamo preferito all’app SnapBridge di Nikon.

Finalmente Canon ha alzato il conto dei megapixel a 24.2 sulla 750D, che la rende estremamente competitiva da questo punto di vista. Nel decidere tra Canon e Nikon per una reflex entry level, ci è piaciuta Canon soprattutto per coloro che hanno in programma di girare molti video, mentre preferiamo Nikon per chi intende dedicarsi principalmente alla fotografia.

Vedi la Canon EOS 750D

 

3. Nikon D5500 

Nikon D5500 camera

Megapixels: 24.2
Sensore: 366 sq. mm
Peso: 14.2 oz.
Cosa ci piace: Un bel passo avanti rispetto alla D3300. 
Cosa non ci piace: Ancora indietro nelle performance video rispetto alla concorrenza.

Per chi vuole pià performance e funzionalità rispetto alla nostra scelta N1, la Nikon D3400, abbiamo selezionato la D5500 come una entry level plus. Il sensore ed il numero di megapixels su queste due fotocamere è lo stesso, ma la D5500 è dotata di un autofocus più avanzato, uno schermo LCD girevole touch screen, e wifi ed NFC integrati. Per quanto ci riguarda, l’autofocus migliorato influisce molto – è infatti uno dei punti principali che separa le fotocamere “economiche” da quelle più costose. L’LCD è anch’esso un’ottima aggiunta, soprattutto per chi gira molti video.

Alla fine dello scorso anno Nikon ha rilasciato anche una nuova versione di questa fotocamera, la Nikon D5600. Abbiamo messo la D5500 più in alto in classifica tuttavia, perchè a nostro avviso il nuovo modello non merita i soldi in più. Certo, avrete l’aggiunta del Bluetooth via SnapBridge, e la fotocamera ha una funzionalità time-lapse e un auto ISO migliorato. Ma la D5600 è essenzialmente la stessa fotocamera per un centinaio di euro circa in più.

Vedi la Nikon D5500

 

 

4. Pentax K-S2

Pentax KS-2 camera

Megapixels: 20.1
Sensore:  366 sq. mm
Peso: 21.8 oz.
Cosa ci piace: Resistente alle intemperie ed ottima qualità prezzo.
WCosa non ci piace: Pentax non offre molta scelta di obiettivi.

Quando si sceglie una reflex entry level, molta gente preferisce restare sui brand più conosciuti come Canon e Nikon. Comunque, per quelli che si avvicinano alla fotografia soprattutto all’aperto come la paesaggistica, la Pentax K-S2 offre una caratteristica piuttosto rara per questa fascia di prezzo: la resistenza agli agenti atmosferici. E’ la reflex più economica ad avere questa caratteristica sul mercato. In termini di performance, potete aspettarvi una qualità di immagine ed un autofocus simile a quanto troviamo sulle più popolari Canon e Nikon, e la K-S2 è dotata anche di wi-fi integrato. Quali sono i lati negativi? La K-S2 è relativamente pesante rispetto alle sue colleghe, e di sicuro non avrete la scelta tra centinaia di obiettivi come per Canon e Nikon.

Vedi la Pentax K-S2

 

5. Nikon D3300 

Nikon D3300 DSLR camera

Megapixels: 24.2
Sensore: 357 sq. mm
Peso: 15.1 oz.
Cosa ci piace: Stessa qualità di immagine della D3400 ad un prezzo più basso.
Cosa non ci piace: Meno batteria della D3400 e leggermente più pesante.

Per i veri cacciatori di affari la fuori, non troverete un rapporto qualità prezzo migliore della Nikon D3300. Rilasciata qualche anno fa, la D3300 è terribilmente simile alla nuova D3400. E’ dotata dello stesso sensore, processore, raffica, e video, con la mancanze del Bluetooth ed una batteria leggermente inferiore in termini di durata.

E’ davvero una scelta faticosa tra queste due ottime reflex entry level. Se scattate spesso in interno ed avete bisogno del flash integrato, la D3300 è la scelta migliore.

Vedi la Nikon D3300

 

6. Canon EOS 100D

Canon Rebel SL1 DSLR camera

Megapixels: 18
Sensore: 332 sq. mm
Peso: 14.4 oz.
Cosa ci piace: Davvero piccola.
Cosa non ci piace: Ormai un po’ attempata.

Al tempo ci piacque molto la Canon EOS 100D, era la reflex più leggera sul mercato e rappresentava una seria competizione verso il segmento sempre più in crescita delle mirrorless. Adesso può sembrare leggermente inferiore, con un sensore da 18 megapixel ed un autofocus non proprio avanzatissimo, ma la Canon EOS 100D è ancora oggi un’ottima reflex entry level ad un prezzo che fa l’occhiolino alla Nikon D3400.

Nel panorama odierno, probabilmente la competitor più diretta alla Canon EOS 100D è la EOS 1300D. Comparata alla 1300D, la 100D offre il touchscreen, una raffica più veloce, e performance in scarsa luminosità migliori. Ma la cosa interessante per noi sono le lenti kit: ci piace il 18-55 STM offerto con la 100D, più del 1855 IS II offerto con la 1300D.

Vedi la Canon EOS 100D

 

7. Sony Alpha A58

Sony SLT-A58 camera

Megapixels: 20.1
Sensore: 366 sq. mm
Peso: 20.2 oz.
Cosa ci piace: Qualità di immagine ottima per il prezzo.
Cosa non ci piace: Il corpo macchina è pesante e l’obiettivo kit non è il massimo.

Sony riceve più credito per le sue fotocamere mirrorless più che per le sue reflex digitali, ma queste ultime non sono certo da buttare. Nel reparto entry level ci è piaciuta la Alpha A58, che scatta più veloce delle altre su questa lista a 8fps ed ha uno dei migliori autofocus per le fotografie e per i video. Per il suo prezzo sorprendentemente è dotata persino di schermo LCD orientabile.

Due punti a sfavore della Alpha A58 sono le performance in scarsa luminosità e la lente kit, che non è al passo con gli standard delle lenti offerte da Canon e Nikon. E per chi desidera ampliare la propria collezione di obiettivi, Sony semplicemente non è in grado di offrire la scelta praticamente infinita di Canon e Nikon. Ma se volete fare fotografia d’azione a poco prezzo, questa potrebbe essere la scelta giusta per voi.

Vedi la Sony Alpha A58

 

8. Canon EOS 700D

Canon Rebel T5i DSLR camera

Megapixels: 18
Sensore: 332 sq. mm
Peso: 20.5 oz.
Cosa ci piace: Piuttosto vicina alla perfezione quando si parla di reflex entry-level.
Cosa non ci piace: Meno megapixels dei modelli più recenti.

Prima dell’uscita dell’ultima versione, la EOS 700D sarebbe stata in cima a questa classifica. Ma ora che il gap di prezzo si è ridotto i vantaggi della più nuova hanno portato questa giù nella classifica. La nostra considerazione più importante è la risoluzione del sensore: la Canon EOS 700D è 18 megapixels contro i 24.2 della più nuova. In aggiunta, la 700D ha un autofocus meno avanzato ed è sprovvista di Wi-Fi integrato.

A parte questi nei, la Canon EOS 700D è in vendita ad un prezzo veramente ridicolo per quello che offre. E’ una reflex di qualità che eccelle sia dal punto di vista delle foto che da quello del video, e Canon è conosciuta per le sue interfacce estremamente semplici da usare. A nostro avviso è difficile che vi pentirete di aver scelto questa fotocamera rispetto alla versione più recente. Se valga la pena o meno upgradare spetta a voi deciderlo.

Vedi la Canon EOS 700D

 

9. Nikon D5600

Nikon D5600 DSLR camera

Megapixels: 24.2
Sensore: 366 sq. mm
Peso: 16.4 oz.
Cosa ci piace: Un set di funzionalità estremamente completo.
Cosa non ci piace: Più costosa della D5500 e con poche novità.

Per coloro che se lo possono permettere, ci è sempre piaciuta la serie Nikon D5500: ha più funzionalità della D3300 ad un prezzo ragionevole. Ma a differenza della nuova D3400, che costa praticamente uguale al modello precedente, per la D5600 l’aumento è più marcato, e le novità sono tutto sommato poche.

Come gia detto, la D5600 aggiunge la connettività SnapBridge, una modalità time-lapse, e controllo auto-ISO migliore. Ma abbiamo l’impressione che tutto questo sarebbe potuto essere implementato con un nuovo firmware piuttosto che un nuovo modello di fotocamera. In molti stanno aspettando che il 4K faccia il suo ingresso nel mondo entry level reflex come ha già fatto in quello mirrorless, ma fino ad allora, preferiamo restare con la D5500.

Vedi la Nikon D5600

 

10. Canon EOS 1300D

Canon Rebel T6 DSLR camera

Megapixels: 18
Sensore: 332 sq. mm
Peso: 17.1 oz.
Cosa ci piace: Considerevolmente più economica della 700D.
Cosa non ci piace: A questo prezzo, preferiamo la Nikon D3300.

La Canon EOS 1300D è una versione semplificata delle reflex Canon analizzate sopra, con meno megapixels ed un autofocus più semplice. Lo schermo LCD non è orientabile, l’ISO non è altrettanto alto, e la lente kit è leggermente inferiore. Ma ad un prezzo davvero basso la 1300D ti permette di avere una reflex entry level attuale prodotta da uno dei migliori brand nel business della fotografia.

Per chi è la Canon EOS 1300D? Per coloro che hanno in mente di scattare principalmente foto e poco o nessun video. Le feature che mancano come l’LCD orientabile e la lente kit STM sono infatti state progettate con il video in mente, e quindi non è un grosso sacrificio farne a meno se si intende usare la fotocamera solo per scattare foto. Comunque, non ci è piaciuto il calo dei megapixels, che rendono la D3300 molto più appetibile allo stesso prezzo.

Vedi la Canon EOS 1300D

 

11. Pentax K-70 

Pentax K-70 DSLR camera

Megapixels: 24.2
Sensore: 366 sq. mm
Peso: 14.3 oz.
Cosa ci piace: Resistenza alle intemperie e piena di funzionalità.
Cosa non ci piace: La più costosa della lista.

Forse abbiamo fatto un passo in più oltre l’entry level con la K-70 di Pentax, ma questa reflex è una competitor piuttosto valida alla Nikon D5500 e la Canon EOS 700D. Infatti, andando a comparare le caratteristiche e dimenticando per un attimo la marca, la K-70 è una delle reflex più impressionanti della lista. E’ dotata di resistenza alle intemperie, performance in scarsa luminosità superiori, stabilizzatore di immagine integrato, e lente kit di 18-135mm. Mettendo tutto insieme, è tanto per una reflex sotto i 1000€.

Come già detto per la Pentax KS-2 e la Sony Alpha a58, Canon e Nikon offrono la miglior scelta di lenti e case produttrici come Pentax sicuramente rappresentano un passo indietro da questo punto di vista. Ma visto l’ampio range di cui è dotata la lente kit 18-135mm, potreste non aver affatto bisogno di altri obiettivi dopo tutto. La K-70 non è la scelta convenzionale per una reflex entry level, ma i fotografi d’esterno che se la possono permettere, dovrebbero seriamente pensarci a nostro parere.

Vedi la Pentax K-70

 

12. Canon Rebel T5 

Canon Rebel T5 DSLR camera

Megapixels: 18
Sensore: 332 sq. mm
Peso: 15.3 oz.
Cosa ci piace: Prezzo molto basso.
Cosa non ci piace: Autofocus e raffica piuttosto lenti.

In fondo alla linea di Canon per le entry level c’è la Canon EOS 1300D. Questa fotocamera non è carica di features di nessun tipo, ma è disponibile ad un prezzo al giorno d’oggi ridicolmente basso. Perchè costa così poco? Primo, lo schermo LCD non è touch e nemmeno orientabile. Secondo, la T5 ha una raffica più lenta della 1300D a 3fps. Infine, l’autofocus non è così avanzato con un solo punto cross-type. Ma ci piace il prezzo, che è comparabile ad alcune point and shoot che non offrono neanche lontanamente la stessa qualità.

Se state comparando la 1200D alla 1300D, la seconda ha in più il Wi-Fi e l’NFC assieme ad un LCD a risoluzione più elevata.

Vedi la Canon EOS 1200D

 

Le migliori Fotocamere Reflex del 2017

Le reflex digitali sono la scelta migliore per chi vuole prendere la fotografia “seriamente”: hanno i sensori più grandi, più megapixel, e la scelta più ampia di obiettivi di alta qualità. Di seguito esaminiamo le migliori reflex digitali presenti sul mercato nel 2017 utilizzando tre categorie: full frame, semi-pro ed entry-level. Le reflex full-frame offrono la miglior qualità di immagine, ma sono anche più ingombranti e costose. Le semi-pro e le entry-level (chiamate DX per Nikon e APS-C per Canon) hanno sensori più piccoli ma possono comunque creare immagini di altissima qualità e ad un prezzo considerevolmente più basso. Non importa il range di prezzo, ci sono ottime opzioni per tutte le fasce di prezzo e la qualità migliora di anno in anno.

1. Canon EOS 5DS R

Canon EOS 5DS R camera

Categoria: Full frame
Megapixels: 50.6
Sensore: 864 sq. mm
Cosa ci piace: La risoluzione più alta disponibile su una reflex digitale nel 2017.
Cosa non ci piace: Meno features video rispetto alla 5D mark IV.

Sulla cima della montagna delle reflex digitali troviamo la Canon 5DS R, una costosa ed estremamente impressionante fotocamera pensata per i fotografi più esigenti (soprattutto per quanto riguarda la paesaggistica). Si notano subito i 50.6 megapixels di risoluzione, che sorpassano la 5D Mark IV di 20.2 megapixels e la Nikon D810 di 14.5 megapixels. Per quelli che danno la priorità assoluta alla qualità dell’immagine, questa è sicuramente la migliore disponibile sul mercato.

Coloro che girano molti video dovrebbero tenere a mente che la 5DS R va contro il trend “ibrido” ed è progettata principalmente per scattare fotografie, è quindi sprovvista di features video-centriche come entrata audio o uscite HDMI. Canon ha rilasciato 2 versioni della fotocamera: la 5DS R e la 5DS. La seconda ha il filtro low-pass ed è leggermente più economica, ma a questi livelli pensiamo valga la pena prendere la versione R.

Vedi la Canon EOS 5DS R 

 

2. Nikon D810

Nikon D810 Camera

Categoria: Full frame
Megapixels: 36.3
Sensore: 861 sq. mm
Cosa ci piace: La miglior reflex professionale di Nikon.
Cosa non ci piace: Risoluzione più bassa rispetto alla Canon 5DS R.

La D810 è la reflex digitale leader di Nikon per quanto riguarda il pacchetto completo, qualità di immagine, video e features. Avete una potente reflex da 36.3 megapixel , un processore velocissimo e delle performance superbe in condizioni di scarsa illuminazione. Per un periodo piuttosto lungo la D810 è stata al top del mercato reflex digitali, ma con l’uscita della 5DS R è scesa al secondo posto. Sarà interessante vedere se Nikon rilascerà una versione aggiornata quest’anno, la D810 ha ormai 2 anni e da allora sono cambiate molte cose. A parte il braccio di ferro dei megapixel comunque, la D810 resta una fotocamera full-frame fantastica che vedrete spesso tra le mani dei migliori professionisti, e per un buon motivo.

Vedi la Nikon D810

 

3. Canon EOS 5D Mark IV

Canon 5D Mark IV DSLR camera

Categoria: Full frame
Megapixels: 30.4
Sensore: 864 sq. mm
Cosa ci piace: 4K video e un bel salto di megapixel dalla 5D Mark III.
Cosa non ci piace: Decisamente più costosa della D810.

La Canon 5DS R è una camera estremamente specialistica per fotografi che hanno bisogno di una risoluzione molto elevata, ma la nuova 5D Mark IV è migliore dal punto di vista della versatilità. Rispetto alla 5D Mark III, il miglioramento che risalta di più è il salto in megapixel che arriva ora a 30.4. E’ dotata inoltre di video 4K, scatto in modalità continua a 7fps, e wi-fi integrato. Per quelli che scattano foto e video questa è la nostra Canon preferita sul mercato.

Ci sono un po’ di motivi per cui la 5D Mark IV è in questa posizione e non in una più alta. La prima è il valore: questa fotocamera costa circa 1000€ in più rispetto alla D810. Per chi vuole il miglior rapporto qualità prezzo l’opzione migliore è probabilmente la Canon EOS 6D, ma la 5D Mark IV ha decisamente il pacchetto completo che si può chiedere ad una reflex digitale full-frame.

Vedi la Canon EOS 5D Mark IV

 

 

4. Canon EOS 6D

Canon EOS 6D DSLR camera

Categoria: Full frame
Megapixels: 20.2
Sensore: 855 sq. mm
Cosa ci piace: Ottimo rapporto qualità prezzo per una fotocamera full frame.
Cosa non ci piace: Autofocus potrebbe essere migliore.

Qualche anno fa è nata una nuova categoria di reflex digitali full-frame “entry-level”, rendendo questa tecnologia più approcciabile per in non professionisti. All’inizio del 2017, i due modelli leader della categoria sono ancora la Canon EOS 6D e la Nikon D750, entrambe le quali offrono un’eccellente qualità dell’immagine per il prezzo. Abbiamo scelto la Canon 6D in questa posizione perchè a nostro avviso ha un rapporto qualità/prezzo migliore rispetto alla controparte Nikon.

Quali sono i compromessi con la Canon 6D? Ha meno megapixels della maggior parte delle reflex full-frame con circa 20.2 MP, e l’autofocus non è esattamente il più avanzato se paragonato alla più costosa 5D mark IV. La 6D è anche piuttosto datata, è stata rilasciata nel 2013 ed ancora non si hanno notizie di un possibile successore. Ma abbiamo apprezzato parecchio la qualità dell’immagine per il prezzo, e la 6D offre il punto d’accesso più economico alla fotografia full-frame.

Vedi la Canon EOS 6D

5. Nikon D500 

Nikon D500 DSLR camera

Categoria: Appassionato
Megapixels: 20.9
Sensore: 369 sq. mm
Cosa ci piace: Velocissima e video 4K
Cosa non ci piace: Piuttosto costosa per una fotocamera DX.

Abbiamo volutamente omesso l’ultra-costosa Nikon D5 da questa lista, che costa circa 7000€ ed è progettata specificatamente per fotografi professionisti d’azione, sport e quant’altro. Ad ogni modo, possiamo ottenere velocità simili in un pacchetto molto più economico grazie alla nuova D500. Questa è la Nikon DX più veloce di sempre con i suoi 10 fps, rendendola un’opzione molto interessante per gli sport e la fotografia naturalistica. La D500 è dotata persino dello stesso sistema avanzato di autofocus della full-frame Nikon D5 e gira video in 4K. Il maggior difetto è il prezzo, che si aggira attorno a quello della full-frame D750 e sorpassa di gran lunga quello della Canon 6D. A meno che la fotografia d’azione sia la vostra priorità, o abbiate già una vasta collezione di lenti DX mi orienterei su altre reflex. Ma la Nikon D500 va a riempire una fetta di mercato per i fotografi d’azione che si “accontentano” di un sensore più piccolo.

Vedi la Nikon D500

 

6. Pentax K-1 

Pentax K-1 DSLR camera

Categoria: Full frame
Megapixels: 36.4
Sensore: 864 sq. mm
Cosa ci piace: Risoluzione impressionante e resistente alle intemperie.
Cosa non ci piace: Opzioni obiettivi limitate e video non dei migliori.

Per i fotografi di paesaggi e still life alla ricerca di un’alternativa full frame più economica rispetto a quanto offerto da Nikon e Canon, la K-1 può essere la scelta giusta se si scende a qualche compromesso. Pentax è stata a lungo conosciuta per i suoi sensori DX, che sono potenti sulla carta e a prezzi estremamente competitivi, e continua questo trend con la full-frame K-1. Rilasciata l’anno scorso, questa reflex ha 36.4 megapixels, stabilizzatore d’immagine integrato, e un telaio in alluminio resistente alle intemperie come tutti i modelli in questa lista.

La preoccupazione maggiore riguarda la scelta delle lenti. L’attacco Pentax K (o FA) è presente su pochissime lenti. Il classico 24-70mm f/2.8 è disponibile e venduto in kit col corpo macchina, anche se c’è da dire che questa e le altre lenti altro non sono che lenti Tamron ribrandizzate. Inoltre, la qualità video lascia molto a desiderare se paragonata alle controparti Nikon e Canon, ma per chi non è interessato al video e non vuole spendere un capitale, la K-1 può rivelarsi un’ottima scelta.

Vedi la Pentax K-1

 

7. Canon EOS 80D

Canon EOS 80D DSLR camera

Categoria: Appassionato
Megapixels: 24.6
Sensore: 337 sq. mm
Cosa ci piace: Il migliore sensore crop di Canon.
Cosa non ci piace: Velocità e autofocus non al livello della 7D Mark II.

Se siete alla ricerca di una Canon semi-professionale, è una dura scelta tra la 80D e la 7D Mark II. E’ vero che la 7D Mark II è superiore dal punto di vista prettamente tecnico: ha un autofocus con 65 punti a croce invece di 45. La 7D Mark II inoltre scatta oltre 10fps invece di 7. Ad ogni modo, la Canon 80D offre più megapixels, un LCD migliore, è più leggera e più economica. Se non avete in programma di scattare sport e azione in generale, pensiamo che l’80D offra un miglior rapporto qualità/prezzo. E’ in grado di fare tutto ciò che la maggior parte della gente deve fare ad un prezzo più basso.

Vedi la Canon 80D

 

8. Nikon D7200 

Nikon D7200 camera

Categoria: Appassionato
Megapixels: 24.2
Sensore: 366 sq. mm
Cosa ci piace: Resistente alle intemperie.
Cosa non ci piace: Funzionalità touchscreen assente.

Fino all’uscita della D500, la D7200 è stata la leader Nikon per quanto riguarda il formato DX. L’ultima versione include velocità di buffering aumentate, wi-fi e NFC, ed uno schermo LCD decisamente migliorato. La semi-pro D7200 è un grosso upgrade per chi viene dalle classiche entry-level Nikon come la D5500 e la D3300, è più veloce, ha un autofocus più avanzato ed è resistente alle intemperie. Se siete indecisi tra la D7200 e la Canon 80D, entrambe le fotocamere sono molto simili in quanto a statistiche, quindi la scelta va fatta in base alla preferenza di brand tra Canon e Nikon. La 80D ha uno schermo articolato touch ma la D7200 vince sotto altri punti di vista come l’ISO ed il numero di focus points. Entrambe sono reflex digitali eccellenti e qualunque sia la vostra scelta non potete sbagliare.

Vedi la Nikon D7200

 

9. Canon EOS 7D Mark II

Canon EOS 7D Mark II camera

Category: Appassionato
Megapixels: 20.2
Sensore: 336 sq. mm
Cosa ci piace: Il sensore crop più veloce di Canon con 10fps.
Cosa non ci piace: Piuttosto pesante e costosa.

La 7DMark II è la Canon APS-C più “accessoriata”, allora perchè non è più su nella lista? Semplice, questa fotocamera ha veramente senso solo per i fotografi di azione più navigati, ed in linea di massima la Canon 80D ha un miglior rapporto qualità-prezzo. In realtà, la vera competizione arriva dall’altra parte della barricata con la Nikon D500: entrambe reflex per appassionati più smaliziati progettate per la fotografia di azione. In un confronto testa a testa, la D500 vince grazie alla possibilità di girare video in 4K, è dotata di autofocus più avanzato ed è leggermente più leggera nonostante lo schermo girevole. La 7D mark II è circa 400€ più economica, e se preferite Canon in generale o siete già in possesso di un buon numero di obiettivi, la 7D mark II è comunque un’ottima fotocamera da scegliere.

Vedi la Canon EOS 7D Mark II

 

10. Pentax K-70 

Pentax K-70 DSLR camera

Categoria: Entry level +
Megapixels: 24.24
Sensore: 366 sq. mm
Cosa ci piace: Risoluzione impressionante e resistente alle intemperie.
Cosa non ci piace: Piuttosto pesante e scelta obiettivi molto limitata.

Pentax non gode della fama di Nikon o Canon, ma le sue reflex digitali sono comunque compretitive su tutta la linea. In aggiunta alla protezione della intemperie per cui è conosciuta Pentax, la K-70 è una reflex digitale di fascia media estremamente solida. E’ dotata di stabilizzatore dell’immagine integrato, di cui sono sprovviste la Canon T6i e la Nikon D5500, unite ad un impressionante performance in scarsa luminosità e ghiere personalizzabili per un’operatività in modalità manuale estremamente comoda.

Quali sono gli svantaggi della K-70? Prima di tutto, le lenti offerte da Pentax sono un numero molto più limitato rispetto a Canon e Nikon. La sigillatura contro le intemperie va ad aggiungere peso alla camera rendendola relativamente pesante, ed è sprovvista di funzionalità touch screen. In linea di massima, se per voi la resistenza alle condizioni meteo è una priorità e volete spendere poco la K-70 potrebbe essere la scelta giusta per voi.

Vedi la Pentax K-70

 

11. Nikon D5500 

Nikon D5500 Camera

Category: Entry level +
Megapixels: 24.2
Sensore: 366 sq. mm
Cosa ci piace: Molto ben equipaggiata.
Cosa non ci piace: Leggermente costosa.

Scendendo verso la categoria entry-level ci sono i best-sellers del mercato. La nostra preferita è la D5500, che è stata chiamata “advanced-beginner” e per un buon motivo. Comparata alle vere entry-level come la Nikon D3300, è dotata di un bel po’ di features come lo schermo LCD orientabile, wi-fi integrato e soprattutto, miglior autofocus. Ci piacciono entrambe le fotocamere e non ci sono grosse differenze in termini di qualità dell’immagine, quindi la scelta va fatta in base principalmente alla disponibilità economica e a quanto valore si da ai controlli extra presenti sulla D5500.

Vedi la Nikon D5500

 

12. Canon EOS Rebel T6i (750D)

Canon Rebel T6i DSLR camera

Category: Entry level +
Megapixels: 24.2
Sensore: 332 sq. mm
Cosa ci piace: Capacità di girare ottimi video, soprattutto con obiettivi STM
Cosa non ci piace: Per le foto, ancora un passo sotto a Nikon.

La Canon EOS 750D è l’ultima di una lunga serie di fotocamere entry-level di Nikon. In particolare, questo modello vede un miglioramento della risoluzione a 24.2 megapixels, che va a chiudere il gap con le Nikon D5500 e D3300. Canon inoltre ha migliorato l’autofocus ed aggiunto il sempre più importante Wi-Fi integrato.

Vedi la Canon EOS 750D

 

13. Sony Alpha a68 

Sony Alpha a68 DSLR camera

Category: Entry level +
Megapixels: 24.2
Sensore: 366 sq. mm
Cosa ci piace: Ottimo autofocus e velocità per una entry-level.
Cosa non ci piace: La qualità costruttiva potrebbe essere migliore.

Sony è meglio conosciuto per le sue fotocamere mirrorless e point-and-shoot di alto livello, ma ciò che offre per quanto riguarda le reflex digitali non è certo da meno. La Sony Alpha A68 è molto competitiva  come entry-level, è dotata di autofocus avanzato, stabilizzatore di immagine ed un sensore da 24.2 megapixels.

Due nei possono essere la costruzione quasi interamente in plastica e la mancanza di opzioni per gli obiettivi. A differenza delle concorrenti di Canon e Nikon, Sony non ha neanche lontanamente la stessa scelta di lenti. Ma per coloro che vogliono velocità e precisione senza spendere un capitale per un modello semi-pro, la Sony A68 può rivelarsi un’ottima scelta.

Vedi la Sony Alpha A68

 

14. Nikon D3400 

Nikon D3400 DSLR camera

Categoria: Entry level
Megapixels: 24.2
Sensore: 357 sq. mm
Cosa ci piace: Ottimo prezzo e qualità foto e video davvero buoni.
Cosa non ci piace: Flash scarso.

Quando qualcuno si avvicina alla fotografia e domanda quale reflex digitale acquistare, spesso viene raccomandata la Nikon D3400. Questo tipo di fotocamera entry-level offre un’eccezionale qualità di immagine, è semplice da usare e davvero economica per quello che in realtà offre. Più avanti si potrà sentire il bisogno di un upgrade ad una fotocamera semi-pro o full-frame, ma una reflex come la Nikon D3400 è un’ottimo punto di partenza.

La Nikon D3400 presenta solo alcuni piccoli miglioramenti rispetto alla precedente D3300. Il sensore e l’autofocus sono gli stessi, ma la D3400 è dotata di connettività Bluetooth ed una durata della batteria estremamente migliorata, a scapito del flash. Se siete tra i pochi che utilizzano spesso il flash integrato optate per la D3300, altrimenti, noi preferiamo la lunga durata della batteria della D3400.

Vedi la Nikon D3400

 

15. Canon EOS 1200D

Canon Rebel T5 DSLR camera

Categoria: Entry level
Megapixels: 18
Sensore: 332 sq. mm
Cosa ci piace: Prezzo incredibilmente basso per una reflex digitale Canon.
Cosa non ci piace: Autofocus non al top per i soggetti in movimento.

La Canon EOS 1200D è la prova che non sempre è necessario svuotare il conto in banca per avere accesso ad una buona reflex digitale. Questa fotocamera non avrà tutte le lucette e campanelline delle più recenti colleghe, ma è sicuramente una camera di tutto rispetto. Come mai è così economica? Canon ha utilizzato alcune tecniche costruttive pro-risparmio per rendere possibile tutto questo. Primo, l’LCD sul retro non è touch e nemmeno orientabile. Secondo, la 1200D ha una raffica più lenta sui 3fps. Infine, l’autofocus è dotato di un solo punto cross-type. Ma il prezzo è davvero eccezionale, comparabile a molte point-and-shoot che non offrono neanche lontanamente la stessa qualità di immagine.

Vedi la Canon EOS 1200D

 

10 Obiettivi Nikon DX da avere

Esiste una collezione impressionante di reflex Nikon formato DX sul mercato, l’ultima generazione include la entry-level D3300, la intermedia D5500 e la prosumer D7200. A prescindere dal vostro livello e la vostra esperienza fotografica, di seguito un elenco di 10 obiettivi Nikon DX che coprono lo spettro da grandangolo a teleobbiettivo. La maggior parte delle nuove camere Nikon hanno un correttore di distorsione incorporato, rendendo più semplice sistemare la distorsione comune tra le lenti zoom economiche. Grazie alla forza della lineup Nikon DX, solo due lenti di terze parti ce l’hanno fatta all’interno della nostra lista.

1. Nikon 16-85mm f/3.5-5.6

Nikon 16-85mm lens
Nikon 16-85mm lens

Categoria: Zoom da viaggio
Peso: 17.1 oz.
Cosa ci piace: Nitidezza e grandangolo superiori a qualsiasi lente kit.
Cosa non ci piace: Costoso.

Per la maggior parte delle fotocamere Nikon DX, il 16-85mm f/3.5-5.6 offre delle performance ottiche decisamente superiori a qualsiasi lente kit. Adoriamo il range focale che è equivalente a un 24-127.5mm su full frame. E’ anche sorprendentemente nitido per questo tipo di zoom. Infine, l’autofocus è più veloce e accurato di altri zoom come il 18-55mm, 18-105mm e 18-140mm. Se la qualità dell’immagine è una priorità per voi, e non siete soddisfatti con quello che la vostra lente kit vi offre, il Nikon 16-85mm è un ottima lente “da passeggio” per viaggi o utilizzo di tutti i giorni.

Quali sono le limitazioni di questo obiettivo? Con un’apertura massima di f/3.5-5.6, avrete migliori performance con luminosità scarsa e un bokeh più gradevole con una lente fissa o uno zoom più costoso come il 16-80mm f/2.8-3.5. E dal momento che questo obiettivo non è incluso come kit, la tentazione è di optare per una lente inferiore come il 18-140mm offerto come lente kit. Costi a parte comunque, questa rimane la nostra lente preferita da viaggio per DX.

Clicca qui per leggere le specifiche dettagliate del Nikon 16-85mm f/3.5-5.6 su Amazon.it

 

2. Nikon 35mm f/1.8

Nikon 35mm DX lens

Categoria: Ritratto
Peso: 7.1 oz.
Cosa ci piace: Nitido e ottimo in condizioni di scarsa luminosità.
Cosa non ci piace: Vorrete acquistare anche altri obiettivi.

Con tutti gli obiettivi zoom “lenti” in dotazione kit con le Nikon DX, è una mossa saggia aggiungere una lente fissa “veloce” per incrementare la qualità delle vostre foto. Il Nikon 35mm f/1.8 copre tutte le basi: è estremamente nitido, impressionante con luce scarsa, autofocus veloce, e rapporto qualità prezzo imbattibile a circa 200€. Per tutto ciò che va dai ritratti alla fotografia di viaggio, questo è un ottimo obiettivo da avere in borsa.

Come ovvio per qualsiasi lente a focale fissa, il Nikon 35mm f/1.8 non vi darà la versatilità di una lente zoom come il Nikon 16-85mm o il 18-140mm. E a parte l’attacco in metallo questa lente è quasi interamente in plastica. Ma questo non ci ha impedito di adorarla, raccomandiamo fortemente di aggiungere questo obiettivo o il 50mm f/1.8 alla vostra collezione. In poche parole, niente batte una buona lente a focale fissa.

Clicca qui per leggere le specifiche dettagliate del Nikon 35mm f/1.8 su Amazon.it

 

3. Sigma 17-50mm f/2.8

Sigma 17-50mm f2.8 lens
Sigma 17-50mm f2.8

Categoria: Zoom da viaggio
Peso: 19.9 oz.
Cosa ci piace: Veloce e ad un prezzo ragionevole.
Cosa non ci piace: La ghiera dello zoom funziona al contrario rispetto alle lenti Nikkor.

All’inizio può intimorire il passaggio da una lente nativa Nikon a una di terze parti come Sigma, ma ci sono alcune opzioni decisamente interessanti tra cui scegliere. Ad esempio il Sigma 17-50mm f/2.8, che vi da performance in scarsa luminosità eccezionali, e un ottimo range di zoom estremamente versatile ad un prezzo ragionevole. Come lente da passeggio è davvero un’opzione interessante per i sensori crop Nikon.

La caratteristica che distingue maggiormente il Sigma 17-50 è il diaframma f/2.8. Ad un equivalente di 25.5-75mm, avete una lente più grandangolare rispetto al 18mm. Due “difetti” del Sigma sono i materiali e la consistenza tra obiettivo e obiettivo. A parte questo, non troverete nulla di meglio in termini qualità-prezzo come zoon da viaggio per Nikon DX.

Clicca qui per leggere le caratteristiche dettagliate del Sigma 17-50mm f/2.8 su Amazon.it

 

4. Nikon 18-140mm f/3.5-5.6G VR

 Nikon 18-140mm DX lens

Categoria: Zoom da viaggio
Peso: 17.3 oz.
Cosa ci piace: Miglior zoom di range medio per Nikon DX.
Cosa non ci piace: Piuttosto pesante.

Gli “zoom da passeggio” sono cresciuti in popolarità per la loro comodità, e Nikon si è regolata di conseguenza producendone una discreta quantità. Pensiamo che il 18-140mm VR sia il migliore. Otticamente superiore al 18-105mm f/3.5-5.6, e più leggero ed economico del 16-85mm f/3.5-5.6. In termini di performance, vedrete un po’ di distorsione all’inizio e fine del range di zoom, ma la nitidezza rimane per tutto il range, ed è dotato anche di VR. Se riuscite a prendere questo obiettivo come lente kit della vostra reflex, ha un ottimo rapporto qualità prezzo e sarà migliore di qualsiasi lente kit 18-55.

Clicca qui per leggere le caratteristiche dettagliate del Nikon 18-140mm f/3.5-5.6 su Amazon.it

 

5. Nikon 50mm f/1.8G

Nikon 50mm f1.8 lens

Categoria: Ritratto
Peso: 6.6 oz.
Cosa ci piace: Bokeh eccellente ed ottime prestazioni in scarsa luminosità.
Cosa non ci piace: La lente è costruita principalmente in plastica.

Anche se tecnicamente questa è una lente FX, il popolare Nikon 50mmf/1.8G è completamente compatibile con le reflex DX, e viene spesso utilizzato su questo tipo di fotocamera, ottenendo una lunghezza focale equivalente di circa 75mm. Come per il 35mm f/1.8, ci sono veramente pochi motivi per non acquistare una lente a focale fissa di buona qualità a questo prezzo. Il 50mm f/1.8G è nitido, luminoso, mette a fuoco in modo estremamente veloce e preciso, e pesa solo 6.6 once. Abbiamo gradito particolarmente il Bokeh che questa lente ci ha restituito, che può dare un look professionale ai vostri ritratti. Tutto sommato, il 50mm f/1.8G spazzerà via la vostra lente kit per quanto riguarda i ritratti e ad un prezzo assolutamente imbattibile.

Clicca qui per leggere le caratteristiche dettagliate del Nikon 50mm f/1.8G su Amazon.it

 

6. Nikon 10-24mm f/3.5-4.5

Nikon 10-24mm DX lens

Categoria: Grandangolo
Peso: 16.2 oz.
Cosa ci piace: Il miglior grandangolo Nikon.
Cosa non ci piace: Leggermente costoso e sprovvisto di VR.

Ci sono pochi grandangoli tra cui scegliere quando si parla di DX, ed il 10-24mm f/3.5-4.5 è il top gamma di Nikon. E’ più nitido di ogni altra lente comparabile ed è eccellente per la fotografia landscape e la fotografia di architettura. Simile alla maggior parte delle lenti grandangolari, potete attendervi un po’ di distorsione e le performance in low-light non sono le migliori. Ma adoriamo questo grandangolo, che è equivalente a 15-36mm su full-frame e copre virtualmente tutte le lunghezze utili da un’ultra-wide ad un angolo di visione normale. Per un’opzione più economica date un’occhiata al Tokina 16-28mm f/2.8 di seguito.

Clicca qui per leggere le caratteristiche dettagliate del Nikon 10-24mm f/3.5-4.5 su Amazon.it

 

7. Nikon 18-300mm f/3.5-6.3 VR

Nikon 18-300mm DX lens

Categoria: Tutto in uno
Peso: 19.4 oz.
Cosa ci piace: Estremamente Versatile.
Cosa non ci piace: Soffre di leggera distorsione soprattutto alle estremità della lunghezza focale.

Questo obiettivo “all in one” per DX vi permette di coprire virtualmente l’intero spettro delle lunghezze focali senza cambiare lente. Realizzato nel 2014, questa versione del 18-300mm è più leggera ed economica della vecchia versione, con l’unico vero compromesso che ora l’apertura massima a 300mm è f/6.3 invece di f/5.6. I cambiamenti, ad ogni modo, sono quasi tutti in positivo ed il 18-300mm è un’ottima opzione per coloro che vogliono la semplicità di trasportare un’unica lente. Un’altra opzione simile è il Nikon 18-200mm f/3.5-5.6, che è leggermente più pesante e non arriva a 300mm ma decisamente più economico.

Clicca qui per leggere le caratteristiche dettagliate del Nikon 18-300mm su Amazon.it

 

8. Nikon 55-200mm f/4-5.6 VR II

Nikon 55-200mm VR II lens

Categoria: Telephoto
Peso: 11.8 oz.
Cosa ci piace: Leggero ed economico per essere un tele-obiettivo.
Cosa non ci piace: Attacco in plastica.

Ci sono due teleobiettivi per corpi macchina DX che si accoppiano alla grande con la lente kit 18-55mm: questo ed il 55-300mm di seguito. Entrambi offrono una qualità ottica simile, ma il 55-200mm VR ha l’attacco in plastica, è più leggero ed infine più economico. Certo, non può eguagliare le caratteristiche del 50-300mm per usi come la fotografia naturalistica wildlife, ma è abbastanza buono per la maggior parte dei ritratti e usi di viaggio. Entrambi sono ottimi tele-obiettivi, quindi la scelta va fatta tenendo conto di quanto avete intenzione di utilizzare la lente e se avete bisogno dei 100mm extra di zoom.

Clicca qui per leggere le caratteristiche dettagliate del Nikon 50-300mm VR II su Amazon.it

 

9. Tokina 11-16mm f/2.8 DX II 

Tokina 11-16mm f:2.8 DX II lens

Categoria: Grandangolo
Peso: 19.8 oz.
Cosa ci piace: Un grandangolo veloce ad un prezzo ragionevole.
Cosa non ci piace: Peso e distorsione.

Il Tokina 11-16mm f/2.8 DX II è un’alternativa interessante al Nikon 10-24mm. Primo, è più wide andando a coprire un range equivalente di 16.5-24mm. Secondo, ha un’apertura di diaframma maggiore di 2/3 di stop. In termini di ottica, la lente è sorprendentemente nitida ed ottima per usi come matrimoni. Il maggiore “disappunto” viene dalla distorsione, che diventa abbastanza pesante a 11mm. Tuttavia la maggior parte dei corpi macchina Nikon moderni hanno una correzione di distorsione automatica, è sempre possibile utilizzare Photoshop o Lightroom per correggere il problema.

Clicca qui per leggere le caratteristiche dettagliate del Tokina 11-16mm f/2.8 DX II su Amazon.it

10. Nikon 85mm f/3.5G DX Micro

Nikon 85mm f3.5G DX lens

Categoria: Macro
Peso: 12.5 oz.
Cosa ci piace: Estremamente nitido.
Cosa non ci piace: Abbastanza costoso.

Per quelli che scattano fotografie macro all’aperto (insetti, animali, fiori), l’85mm f/3.5 è la lente Nikon da scegliere per soggetti che richiedono un po’ di distanza. La lente è più lenta del 40mm f/2.8, ma è dotata di VR per coprire il gap. E’ anche estremamente nitida e la messa a fuoco è velocissima, anche se otticamente è leggermente inferiore al 40mm f/2.8 e costa circa il doppio. Avremmo sperato che questo obiettivo fosse più economico, ma se siete appassionati di fotografia macro, questa è la vostra miglior opzione per DX Nikon.

Clicca qui per leggere le caratteristiche dettagliate del Nikon 85mm f/3.5 Micro su Amazon.it

 

 

Canon 70D – Recensione

La Canon 70D è la fotocamera Canon destinata ai fotoamatori più appassionati. Va a sostituire la Canon 60D, ed è dotata di svariati miglioramenti che la distinguono dalle sue colleghe come la Canon EOS 700D. Il mirino è decisamente più grande, ci sono un sacco di pulsanti a funzione singola, uno schermo LCD sulla parte superiore della fotocamera e la doppia manopola per regolare l’esposizione manualmente. E’ più veloce sia della 700D che della 60D, con uno scatto continuo a 7fps in grado di scattare 108 Jpegs o 16 RAW prima di andare in buffering.

Canon EOS 70D
Canon EOS 70D
Non abbiamo fatto una recensione della 80D, ma a grandi linee, aggiunge un nuovo sensore a risoluzione più alta con un autofocus leggermente migliorato, e canon ha aggiunto l’abilità di usare l’autofocus continuo durante il live view ed una modalità 60fps per il video. Si sente ancora la mancanza di caratteristiche video professionali e del 4K. Vale la pena di spendere i soldi extra per la 80D? Solo se avete DAVVERO bisogno dell’autofocus in modalità live view, altrimenti prendete la 70D.
Allo stesso modo, ora che la 7D è stata sostituita dalla 7D MKII, potete acquistare l’originale per meno del costo del corpo 70D in alcuni casi. Mentre la 70D ha più pixels, uno schermo articolato ed è più nuova, la 7D ha controlli più professionali, display LCD sulla parte superiore del corpo macchina ed un prezzo più basso. Ad ogni modo a nostro avviso la 70D rimane la scelta migliore per la maggior parte delle persone.
La risoluzione da 20 megapixel è la più alta ad oggi per un sensore APS-C, e il design del sensore è radicalmente differente rispetto a tutto cià che abbiamo visto prima. Ogni pixel non solo misura l’intensità della luce, ma anche la direzione. Ciò aiuta il sensore a performare la funzione del comparatore di fase (phase detect), che va non solo a capire se l’immagine è messa a fuoco, ma anche se non lo è, quanto è sbagliato. Ciò significa che la camera è in grado di andare direttamente al fuoco giusto invece di andare avanti e indietro alla ricerca della messa a fuoco.
Abbiamo già visto questa funzione prima, ad esempio sulla EOS 700D. Comunque, le implementazioni precedenti erano limitate ad alcuni punti di autofocus sparsi sul sensore. Ciò che rende speciale la 70D è che ogni singolo pixel contribuisce alla comparazione di fase. Canon dichiara che l’80% del frame è coperto da questa funzione.
Canon EOS 70D

 

Testandola con il 18-135 STM, i benefici si sono fatti immediatamente notare. Ci abbiamo messo circa mezzo secondo per mettere a fuoco e scattare una foto in live view, che è diventato circa un secondo con scarsa illuminazione. Il doppio più veloce rispetto alla 700D, e circa 5 volte più veloce della 60D.

E’ un risultato eccezionale, ma ci chiediamo se sarebbe potuto essere anche più veloce. Solitamente si impiegava meno di 0.2 secondi tra quando abbiamo premuto il pulsante di scatto e sentito il doppio bip di conferma della messa a fuoco, ma poi ci sono voluti circa 0.3 secondi perchè si azionasse effettivamente il meccanismo di scatto. Premere a metà lo shutter per mettere a fuoco e scattare successivamente premendo completamente rimuove questo tempo morto di attesa. Abbiamo calcolato 2.1 secondi tra uno scatto e l’altro in live view, che è significamente più lento rispetto ai 0.4 secondi ottenuti utilizzando il mirino.

Il morale della favola è che la modalità live view si è rivelata molto più utile sulla 70D che rispetto a qualsiasi reflex digitale Canon (o Nikon o Pentax). Complice anche il fatto che lo schermo è articolare, ed è possibile muoverlo in tutte le direzioni, una feature purtroppo assente sulla Nikon D7100 e le reflex full frame Canon e Nikon.

Canon EOS 70D

Il touch dello schermo è discretamente sensibile, risultando estremamente semplice spostare il punto di messa a fuoco sullo schermo, proprio come fareste sul vostro smartphone. Il touch migliora anche la navigazione all’interno dei menu.

La Canon 70D da il massimo in termini di velocità utilizzando il mirino. Andiamo quindi a vedere se ci sono stati miglioramenti anche da questo punto di vista. I 9 punti autofocus della 60D sono stati sostutuiti dai 19 punti già visti in precedenza sulla EOS 7D. Tutti i 19 punti sono a croce per una sensibilità maggiore, e sono estremamente veloci e precisi anche in situazioni di scarsa luminosità. C’è un nuovo pulsante vicino alla manopola per espandere l’area attiva.

STA SUCCEDENDO ADESSO

 

Il Wi-Fi è integrato, con le stesse funzioni già viste sulla Canon EOS 6D. Includono scatto da remoto tramite smartphone, con l’accesso alle regolazioni dell’esposizione e la possibilità di spostare l’autofocus. L’app è anche in grado di accedere alla card all’interno della fotocamera per vedere le preiew in full screen delle foto complete di dati EXIF, è possibile inoltre classificarle tramite stelle fi valutazione.

Canon EOS 70D

Abbiamo apprezzato come la modalità di scatto in remoto ed il browsing delle immagini sono accessibili senza bloccare i controlli della camera. Le foto sono comparse all’interno dell’app circa 2 secondi dopo lo scatto, permettendoci di utilizzare un iPad per riguardare gli scatti in dettaglio.

Canon EOS 70D

 

CONCLUSIONI

La Canon 70D è una reflex decisamente impressionante, e la nuova tecnologia basata sul sensore dell’autofocus è un grosso passo in avanti. La sua rivale più vicina è la Nikon D7100, ma abbiamo preferito la Canon per la sua performance maggiore in modalità continua, il touchscreen articolare, live view superiore, autofocus in video e wi-fi integrato.

La sorella full-frame EOS 6D e Nikon D600 non sono molto pià costose, ma mentre le loro performance in scarsa luce sono in un’altro mondo, i loro sistemi di autofocus sono in qualche modo sotto-performanti, più lenti in modalità continua e non hanno l’LCD articolato.

La Panasonic GH3 batte la 70D per l’utilizzo serio del video, ma la 70D vince per quanto riguarda la qualità delle foto. Nessuna delle due rimane particolarmente indietro rispetto all’altra comunque, è semplicemente una questione di priorità. Se la tua priorità è scattare foto , tra tutte queste fotocamere la scelta migliore a nostro avviso è decisamente la 70D.

Clicca qui per leggere le specifiche dettagliate della Canon EOS 7D su Amazon.it

 

 

Le 10 migliori fotocamere compatte

Le fotocamere compatte ed il mercato di questo tipo di fotocamera è cambiato parecchio in questi ultimi anni. Gli smartphone hanno decimato il range entry-level delle point-and-shoot un tempo molto popolari, e come risposta le case produttrici si sono concentrate sui modelli più avanzati che fanno presa sui fotografi più “esperti”.

Oltre all’avanzata di sensori di dimensioni sempre più generose, alcune fotocamere compatte ora sono dotate di obiettivi con range di zoom lunghi e diaframmi aperti, e sono dotate di controlli migliori per la regolazione dell’esposizione. La connettività wi-fi è anch’essa ormai routine, in modo da poter trasferire gli scatti velocemente sul telefono.

Molti appassionati di fotografia un tempo erano molto scettici riguardo le fotocamere compatte digitali, ma al giorno d’oggi ci sono molte valide alternative alle reflex digitali e le fotocamere mirrorless.

1. Panasonic Lumix LX100

Panasonic Lumix LX100
Panasonic Lumix LX100

Un classico delle compatte, con un sensore grande, controlli classici e dotata di viewfinder.

Sensore: Micro 4/3, 12.8MP | Obiettivo: 24-75mm, f/1.7-2.8 | Monitor: 3.0-inch, 921,000 dots | Viewfinder: EVF | Scatto continuo: 11fps | Video: 4K | Livello utente: Intermedio/esperto

I fotografi esperti solitamente optano per una Reflex digitale, ma vogliono anche qualcosa da poter infilare in tasca per i giorni in cui la reflex deve rimanere a casa. Solitamente, questo significa scendere a patti con un sensore più piccolo – ma non questa volta. In qualche modo, Panasonic è riuscita ad infilare un sensore CSC micro 4/3 nel corpo macchina di una compatta. E non solo, ha aggiunto un anello del diaframma, una manopola per la regolazione dell’otturatore ED un viewfinder elettronico.  La LX100 era piuttosto costosa quando è uscita, ma il prezzo ha continuato a calare da allora, e rimane ancora adesso una fotocamera eccezionale.

Clicca qui per leggere le specifiche dettagliate della Panasonic Lumix LX100 su Amazon.it

 

2. Fuji X70

Fujifilm X70
Fujifilm X70

Ottima per coloro che vogliono un sensore più grande della media e controlli tradizionali.

Sensore: APS-C, 16.3MP | Obiettivo: 28mm, f/2.8 | Monitor: 3.0-inch touchscreen, 1,040,000 dots | Viewfinder: No | Scatto continuo: 10fps | Video: 1080p | Livello utente: Intermedio/esperto

Fuji ha avuto un enorme successo con le sue fotocamere compatte della serie X, e la X70 sembra essere una scelta popolare tra i fotografi che necessitano di una camera piccola con tutte le caratteristiche che offre Fuji per le sue serie X. Il sensore è in formato APS-C, più grande quindi della LX100, e restituisce immagini di qualità superba. L’obiettivo fisso 28mm f/2.8 non è adatto a tutti però, e purtroppo la fotocamera non è dotata di viewfinder. In compenso è presente un touch-screen ruotabile, e controlli manuali estremamente veloci e funzionali.

Clicca qui per leggere le specifiche dettagliate della Fujifilm X70 su Amazon.it

3. Panasonic Lumix LX15

Panasonic Lumix LX15
Panasonic Lumix LX15

Sensore: 1-inch type, 20.1MP | Obiettivo: 24-72mm, f/1.4-2.8 | Monitor: 3.0-inch touchscreen, 1,040,000 dots | Viewfinder: No | Scatto Continuo: 6fps | Video: 4K | Livello Utente: Principiante/Intermedio

Panasonic si è fatta strada nel mondo dei sensori cosidetti “1-inch” con la fantastica LX15, il perfetto bilanciamento di performance, caratteristiche e prezzo. Prima, le cattive notizie – non è dotata di viewfinder elettronico, ma l’obiettivo è uno dei più veloci sul mercato con un’apertura diaframma massima di f/1.4. Aggiungete un design estremamente curato, doppi controlli e touchscreen, AF preciso e video in 4K, ed avrete una delle migliori fotocamere compatte presenti sul mercato.

Clicca qui per leggere le specifiche dettagliate della Panasonic Lumix LX15 su Amazon.it

4. Panasonic TZ100

Panasonic Lumix TZ100
Panasonic Lumix TZ100

 Sensore: 1-inch type, 20.1MP | Obiettivo: 25-250mm, f/2.8-5.9 | Monitor: 3.0-inch touchscreen, 1,040,000 dots | Viewfinder: EVF | Scatto continuo: 10fps | Video: 4K | Livello utente: principiante/intermedio

Panasonic ha praticamente inventato il genere fotocamera-da-viaggio-comptta-zoom. Ad ogni modo i tempi cambiano, e per restare al passo, Panasonic ha deciso di produrre una fotocamera con le stesse dimensioni delle TZ precedenti, ma di infilarci un sensore più grande. Questo permette ai pixel di essere circa 2.4x più grandi rispetto agli altri modelli, e di conseguenza di ottenere immagini migliori.

Clicca qui per leggere le specifiche dettagliate della Panasonic TZ100 su Amazon.it

5. Canon PowerShot G7 X II

Canon PowerShot G7 X MARK II
Canon PowerShot G7 X MARK II

Con un nuovo processore, la G7 X II è una delle migliori fotocamere compatte in commercio.

Sensore: 1-inch, 20.1MP | Obiettivo: 24-100mm, f/1.8-2.8 | Monitor: 3.0-inch tilt-angle touchscreen, 1,040,000 dots | Viewfinder: No | Scatto continuo: 8fps | Video: 1080p | Livello utente: Principiante/Intermedio

L’aggiunta dell’ultimo processore DIGIC 7 porta un bel po’ di miglioramenti per quanto riguarda le performance rispetto al modello originale. Lo zoom ottico 4.2x è più lungo di camere come la Sony RX100 IV o la Panasonic LX15, e l’apertura diaframma variabile veloce rende la G7X II una fotocamera estremamente versatile anche quando i livelli di luce si abbassano.

 

Clicca qui per leggere le specifiche dettagliate della Canon PowerShot G7X II su Amazon.itFuji X100T

6. Fuji X100T

Fujifilm X100T
Fujifilm X100T

Sensore: APS-C X-Trans, 16.3MP | Obiettivo: 35mm, f/2 | Monitor: 3.0-inch, 1,040,000 dots | Viewfinder: Hybrid optical/EVF | Scatto continuo: 6fps | Video: 1080p | Livello utente: Esperto

La X100T è un piacere per gli occhi e all’utilizzo, ma non è per tutti! E’ relativamente grande, ha uno stile retro e una lunghezza focale fissa equivalente di 35mm f/2.0. E’ progettata per i fotografi che amano la sensazione di “pesantezza” ed i controlli esterni manuali di un rangefinder tradizionale 35mm. E’ una camera relativamente specializzata che va utilizzata per un certo tipo di fotografia (street ad esempio).

Clicca qui per leggere le specifiche dettagliate della Fujifilm X100T su Amazon.it

7. Sony RX100 IV

Sony RX100 IV
Sony RX100 IV

Sensore: 1-inch, 20.1MP | Obiettivo: 24-70mm, f/1.8-2.8 | Monitor: 3.0-inch tilt-angle display, 1,228,800 dots | Viewfinder: EVF | Scatto continuo: 16fps | Video: 4K | Livello utente: Intermedio/Esperto

La RX100 originale di Sony è stata una fotocamera di bandiera che ha unito un sensore 1-inch in un corpo macchina in metallo compatto, dotato di controlli e qualità di immagine che richiedono i veri appassionati. La RX100 IV va un passo oltre, con un nuovo sensore progettato per la cattura di dati ad alta velocità. Questo significa che è possibile girare video in 4K, slow motion 40x e 16fps in modalità scatto continuo. E non dimentichiamo l’ottimo viewfinder elettronico di cui molte rivali sono sprovviste. E’ sicuramente un’opzione costosa, ma se state cercando una camera vesatile, tascabile e con un obiettivo zoom di qualità, non rimarrete delusi.

Clicca qui per leggere le specifiche dettagliate della Sony RX100 IV su Amazon.itPanasonic FZ1000

8. Panasonic Lumix FZ1000

Panasonic Lumix FZ1000
Panasonic Lumix FZ1000

Sensore: 1-inch, 20.1MP | Obiettivo: 25-400mm, f/2.8-4 | Monitor: 3.0-inch articulating display, 921,000 dots | Viewfinder: EVF | Scatto Continuo: 12fps | Video: 4K | Livello utente: Intermedio

Il trend dell’adozione di sensori sempre più grandi si fa notare anche nella Panasonic FZ1000. Le fotocamere Bridge sono estremamente popolari perchè offrono un enorme range di zoom ad un costo molto contenuto. Per progettare un grosso zoom però, i produttori devono utilizzare un sensore più piccolo – ed è qui che Panasonic ha optato di sacrificare un po di zoom per mantenere elevata la qualità dell’immagine.

Clicca qui per leggere le specifiche dettagliate della Panasonic Lumix FZ1000 su Amazon.it

9. Sony RX10 III

Sony RX10 III
Sony RX10 III

Sensore: 1-inch CMOS, 20.2MP | Obiettivo: 24-600mm, f/2.4-4 | Monitor: 3.0-inch tilt-angle display, 1.23m dots | Viewfinder: EVF | Scatto continuo: 14fps | Video: 4K | Livello utente: Intermedio/Esperto

Sony ha preso il 24-200mm della RX10 II e l’ha messo sotto steroidi, con la nuova lente che copre un range assurdi di 24-600mm. L’apertura di diaframma è di f/2.4-4. Il sensore è in grado di restituire immagini estremamente dettagliate, mentre le performance a ISO elevati sono decisamente degne di nota. Il feeling è quello di una reflex digitale. Non dimentichiamo la capacità di registrare video in 4K. L’unico difetto forse è il prezzo leggermente elevato anche paragonato con alcune reflex digitali e mirrorless decisamente allettanti.

Clicca qui per leggere le specifiche dettagliate della Sony RX10 III su Amazon.it

Leica Q10. Leica Q

Leica Q
Leica Q

Sensore: Full-frame, 24.2MP | Obiettivo: 28mm f/1.7 | Monitor: 3.0-inch touchscreen, 1,040,000 dots | Viewfinder: EVF | Scatto Continuo: 10fps | Video: 1080p | Livello Utente: Esperto

Quando la fotografia era principalmente analogica, la maggior parte delle fotocamere utilizzavano rullini da 35mm, le stesse dimensioni del sensore di una reflex digitale professionale. Questo significava che ogni fotocamera dotata di un obiettivo decente era in grado di produrre ottime immagini. La fotografia digitale ha cambiato questo aspetto e molte fotocamere compatte con sensori più piccoli hanno reso più difficile ottenere buone foto. Leica e Sony sono le uniche compagnie che producono una fotocamera compatta con sensore full-frame, e mentre le Sony RX1 sono fantastiche, la Leica Q (Typ 116) ci hanno completamente fatto innamorare. Il più grosso difetto è il prezzo, inutile girarci intorno. Ma per una grossa fetta del vostro conto in banca avrete una camera con un obiettivo Leica Summilux 28mm f/1.7 ASPH, un viewfinder elettronico stupendo con 3,680,000 dots, un display 3 pollici touch da 1,040,000-dot, autofocus da livelli professionali e controlli manuali. Nonostante il prezzo, Leica non riesce a produrre abbastanza modelli da soddisfare tutta la domanda per questo gioiello.

Quale Instax scegliere – La guida definitiva

Le Fuji Instax sono indubbiamente un divertimento da utilizzare – utilizzano pellicole istantanee, permettendovi di avere immediatamente tra le mani una foto stampata che potete condividere o tenere per voi.

Ma la linea completa di Instax nella sua vastezza mi ha confuso non poco all’inizio! Ci sono molti modelli differenti, con caratteristiche differenti, e può risultare difficile capire quale fa al caso nostro.

Instax Mini vs. Wide

Prima di tutto, ci sono due differenti tipi di Pellicola Instax.

  • Instax Mini: questa pellicola ha le dimensioni di una carta di credito, e ogni pacchetto permette di scattare un totale di 10 foto. Naturalmente acuistando più pacchetti alla volta è possibile risparmiare qualche soldo.
  • Instax Wide: La versione Wide ha le dimensioni di due Instax Mini affiancate. Sono leggermente più costose delle Mini.

Entrambe le tipologie hanno dei tempi di sviluppo veramente veloci, impiegano circa un minuto per essere completamente sviluppate, impressionante!

Andiamo ora a coprire 3 modelli di fotocamera ed una stampante che utilizza pellicole Instax Mini, e due fotocamere che utilizzano pellicole Instax Wide!

 

Fotocamere Instax Mini

instax-mini-8

INSTAX MINI 8

Questa è la camera entry level della linea Instax. E’ disponibile in 7 colori differenti, bello no? Questo prodotto è piuttosto basic. C’è un flash automatico che si aziona ad ogni scatto, l’otturatore scatta sempre a 1/60s, ed è possibile compensare l’esposizione per differenti scene utilizzando una manopola sulla parte frontale. Utilizza 2 batterie AA.

La cosa che ci piace di questa fotocamera è la sua assoluta facilità di utilizzo. Abbiamo provato a darla in mano ad un bambino di 3 anni, ed è stato in grado di capirne il funzionamento in un minuto, compreso accenderla e spegnerla da solo. E’ riuscito ad inquadrare facilmente e scattare grazie al pulsante sul fronte della fotocamera.

Adatta per:

  • Provare la linea Instax per la prima volta
  • Bambini

Clicca qui per leggere le specifiche dettagliate della Instax Mini 8 su Amazon.it

 

instax-mini-70

INSTAX MINI 70

Questo è il nuovo prodotto della linea Instax, ed è dotata di qualche caratteristica extra rispetto alla Mini 8. Da notare: ha un nuovo design molto meno “bambinesco” rispetto alla Mini 8, e tre opzioni di colore: giallo, bianco e blue.

Prima di tutto, questa fotocamera è ideale per i selfies. Ha perfino una modalità selfie che assicurerà che la vostra bellissima faccia sia messa a fuoco correttamente, oltre ad un bottone frontale a specchio per inquadrare correttamente.

Altre caratteristiche includono la modalità macro e landscape, controllo della luminosità, fill flash, possibilità di attaccare ad un treppiede, modalità high-key e controllo automatico dell’esposizione. quest’ultima modalità farà un controllo dell’illuminazione di una determinata scena, e bilancerà l’esposizione ed il flash per un’illuminazione uniforme su tutta l’inquadratura. La Mini 8 tende a rendere gli sfondi neri al chiuso, mentre questa modalità andrà a sistemare questo inconveniente.

Ideale per:

  • Selfies

Clicca qui per leggere le specifiche dettagliate della Instax Mini 70 su Amazon.it

 

instax-mini-90

INSTAX MINI 90 NEO CLASSIC

Eccoci arrivati al top della linea Istax Mini – la 90 Neo Classic. Ha uno stile retrò inspirato alle Fujifilm Serie-X, ed è disponibile nei colori marrone e nero. Ed è dotata di ogni tipo di feature.

Come la Mini 70 è dotata di modalità Macro e Landscape, controllo della luminosità e mount per il treppiede, più qualche feature extra.

Prima di tutto, la mia preferita, la modalità doppia esposizione. Con questa modalità potrete scattare due immagini sulla stessa pellicola, per risultati estremamente creativi ed inaspettati! Estremamente divertente.

C’è anche la modalità BULB, fino a 10 secondi, la modalità bambini (che assicura che non escano foto mosse dei vostri bambini, adatta anche per gli animali domestici), un timer per l’autoscatto, due pulsanti di scatto per lo scatto orizzontale o verticale, batteria al litio ricaricabile e caricabatterie inclusi.

Il Flash è sorprendentemente potente e potrete anche spegnerlo! Proprio così, questa è l’unica fotocamera instax in cui è possibile spegnere il flash, e lo adoriamo!

Ora per cambiare modalità su questa camera è necessario premere un pulsante, e ruotare la manopola frontale per scorrere tra le varie modalità guardandole sul display LCD.

Adatta per:

  • Fotografia istantanea creativa
  • Amanti della linea Instax

Clicca qui per leggere le specifiche dettagliate della Instax Mini 90 Neo Classic su Amazon.it

 

instax-share

INSTAX SHARE STAMPANTE PER SMARTPHONE

Adorate il look ed il divertimento della fotografia istantanea ma non volete utilizzare una camera Instax? E’ qui che vi viene in aiuto la stampante Instax SHARE! Potrete stampare qualsiasi foto presente sul vostro smartphone (comprese quelle che avete trasferito da un’altra fotocamera) su una pellicola instax Mini. Potrete perfino connettere più telefoni sulla stessa stampante per permettere ai vostri amici di stampare le loro foto!

Adatta per:

  • Fotografia istantanea senza fotocamera Instax

Clicca qui per leggere le specifiche dettagliate della Stampante Instax Share su Amazon.it

 

Fotocamere Instax Wide

instax-210

INSTAX 210

Questa è la entry level della linea Instax Wide, e quella che ci ha fatto provare per la prima volta questo tipo di Instax. L’abbiamo portata in svariati viaggi e condiviso le foto con le persone che abbiamo incontrato e fotografato.

Detto questo, questa fotocamera è piuttosto semplice. C’è una funzione schiarisci e scurisci, due distanze di messa a fuoco (ritratto e paesaggio) ed un accessorio per i close-ups che ci da la possibilità di scattare fotografie macro.

Questa camera è grossa, pesante ed estremamente divertente. Il formato Instax Wide è il nostro preferito per quanto riguarda la fotografia finale in se.

Adatta per:

  • Avvicinarsi al formato Instax Wide
  • Fotografie di viaggio

Clicca qui per leggere le specifiche dettagliate della Instax Wide 210 su Amazon.it

 

instax-300

INSTAX WIDE 300

Questa è la versione più nuova della Instax Wide. Ha un design più curato rispetto alla 210, il pulsante di accensione sul finger grip, un’viewfinder ottico avanzato, un mount per il tripod e la ghiera sull’obiettivo per la messa a fuoco. Ha anche la modalità Fill Flash.

Come la 210, include una lente per gli scatti macro, e la compensazione dell’esposizione.

Onestamente pensiamo che questa camera sia molto più bella da un punto di vista estetico rispetto alla 210, è leggermente più sottile, ma a parte questo non siamo particolarmente stupefatti dall’upgrade rispetto alla 210.

Adatta per:

  • Instax Wide con qualche feature in più

Clicca qui per leggere le specifiche dettagliate della Instax Wide 300 su Amazon.it

 

Conclusioni

Speriamo di avervi chiarito le idee con questa carrellata! Se volete approcciare alla fotografia istantanea, c’è davvero l’imbarazzo della scelta e l’opzione adatta a tutti. Mini o Wide, semplice o piena di funzioni, la morale della favola è che la fotografia istantanea è fatta per divertirsi. Provatela!

P.S. C’è un’altra fabbrica di pellicole “instant” chiamata The Impossible Project, che produce pellicole per Polaroid. Sfortunatamente, a differenza delle pellicole Instax queste impiegano circa 45 minuti per svilupparsi, non poi così instant no?