Canon EOS 700D Recensione

Canon 700D Considerazioni generali

La Canon 700D è stata a lungo una delle nostre fotocamere preferite, il marchio è da tempo diventato sinonimo di reflex digitali  e questo è uno dei suoi migliori modelli di fascia media di tutti i tempi.

Tuttavia, le fotocamere non sono romanzi o album musicali, quindi ad un certo punto deve farsi da parte per qualcosa di migliore.

In questo caso, stiamo parlando della Canon 750D e 760D, le due fotocamere sono tecnicamente identiche, ma la 760D è più adatta  agli appassionati (con un display LCD informazioni montato in alto e selettore di modalità extra), mentre la 750D è più di base, ha meno controlli e si rivolge a novizi che vogliono ancora una buona qualità dell’immagine.

Naturalmente con queste due fotocamere in uscita, vedrete alcuni prezzi stracciati sulla 700D, vale la pena quindi prenderne in considerazione l’acquisto?

 

Canon EOS 700D

Design e features

Canon produce senza dubbio reflex fantastiche, ma per i suoi modelli di consumo a tre cifre, abbiamo trovato in passato che questa reputazione non sempre è giustificata. Forse questo è dovuto al fatto che i rivali hanno dovuto faticare un po’ di più per competere. La Nikon D5200 dispone di un sensore autofocus 39 punti, rispetto ai nove punti della 700D. La Pentax K-30 dispone di un mirino significativamente più grande – caratteristiche che sono disponibili solo nei modelli EOS più costosi.

I VECCHI PROBLEMI DI AUTOFOCUS

La vecchia 600D ed i suoi predecessori hanno sofferto di vari problemi fastidiosi. L’autofocusera lento in modalità live view, e ancora peggio durante la registrazione video. Abbiamo anche notato che il sensore autofocus principale (quando si scatta con il mirino) spesso non restituiva risultati totalmente nitidi con la lente kit 18-55mm. Questa ha lasciato gli utenti con la sfortunata scelta di mettere a fuoco velocemente o in modo preciso – non il tipo di decisione che avrebbero voluto fare dopo aver speso più di 500 € su una macchina fotografica.

Canon EOS 700D

 

La 700D è stata tra gli aggiornamenti meno appariscenti della linea EOS durante la sua storia di otto anni. Rispetto alla vecchia Canon 650D, c’è una nuova lente kit EF-mount, un paio di modifiche estetiche minime e la possibilità di visualizzare in anteprima filtri creativi durante la composizione di scatti in modalità Live View.

Può essere stato un aggiornamento minimale, ma vale la pena pagare qualcosa in più per il nuovo obiettivo kit – ed i punti autofocus che sono integrati sul sensore principale, che sono stati introdotti nella 650D. Il nuovo obiettivo ha le stesse caratteristiche ottiche di quello vecchio, ma il suo suffisso STM  indica che è stato progettato per il funzionamento ottimale anche durante la registrazione video. La maggior parte delle lenti reflex sono progettate per passare rapidamente al focus richiesto. La 700D lo può fare quando si mette a fuoco per le foto. Ma in modalità video  scivola dolcemente e silenziosamente durante la registrazione. Il touchscreen – un’altra caratteristica che è stata introdotta per la 650D – gioca un ruolo importante anche in questo caso. Permettendo una funzione touch-per-spot-focus, completa di inseguimento del soggetto.

Canon EOS 700D

 

Il nuovo obiettivo performa un po ‘meglio di quello vecchio in modalità live view. Ci sono voluti circa un secondo dalla pressione del pulsante di scatto per scattare una foto, e un totale di 4,2 secondi da un solo scatto al successivo. Questi non sono assolutamente grandi risultati. Ma ci hanno permesso di catturare un paio di scatti con la fotocamera a livello della vita senza doverci mettere in ginocchio per guardare attraverso il mirino. E ‘un po’ più veloce rispetto alla 650D. Un enorme miglioramento invece è stato fatto rispetto alla 600D.

buy Divalproex online canada 700D vs 600D live view autofocus test

La parte migliore, è che non abbiamo avuto problemi di messa a fuoco con  il nuovo obiettivo scattando con il mirino. Con la vecchia lente kit, scattando due foto, una con il mirino, l’altra in modalità live view, la seconda era spesso un po ‘più nitida. Questa volta, non vi era alcuna differenza consistente tra le due.

Per il resto, la 700D è essenzialmente la stessa macchina fotografica rispetto alla 650D, che che è una buona cosa. I comandi sono ben disposti, con una quantitò generosa di pulsanti etichettati, a funzione singola. Premendo il pulsante Q trasforma lo schermo LCD in un pannello di controllo touch screen, dando un rapido accesso a una gamma più ampia di funzioni. Il touchscreen velocizza la navigazione del menu principale. Lo schermo da 3 pollici è estremamente nitido, e il suo design articolato è una grande risorsa per il video e le foto in live view. Si può capovolgere per l’auto-scatto o come riferimento durante le riprese, o angolare verso l’alto o il basso quando si riprendono soggetti ad angoli che sarebbero imbarazzanti per le reflex a schermo fisso. E ‘anche molto luminoso. Il che significa che si può facilmente vedere il soggetto quando si scatta all’aperto in una giornata luminosa.

Canon EOS 700D

 

L’HDR bracketing fa il suo ritorno dalla 650D. E il software gratuito Digital Photo Professional Canon fornisce un modo semplice per provare la propria abilità a creare immagini HDR. Purtroppo è ancora limitata a tre esposizioni; non c’è modo di optare per 5-scatti, senza passare ad un sistema più costoso che troviamo nelle reflex professionali.

go site AUTOFOCUS E PERFORMANCE

Il sensore autofocus principale ha nove punti AF, che sono tutti di tipo  croce per una maggiore sensibilità. Sono veloci a rispondere, ma noi avremmo preferito averne qualcuno in più. Non è un vero problema quando si riprendono paesaggi. Ma quando ci si concentra su una piccola area, come l’occhio del soggetto, abbiamo notato che la composizione della fotografia tendeva ad essere dettata dalla posizione del punto autofocus più vicino. La D5200 è più liberatoria. Con i suoi 39 punti, che consentono anche di utilizzare la modalità inseguimento soggetto.

Lo scatto a raffica è a 5 fps, e durante il salvataggio di file JPEG con una scheda veloce è continuato ad andare fino a quando la carta si è riempita. Tuttavia, attivando la correzione delle aberrazioni cromatiche ha preso un colpo abbastanza notevole, con prestazioni rallentate a 2.1fps dopo appena tre fotogrammi. E’ frustrante che questa correzione non possa essere disattivato automaticamente quando si seleziona la modalità continua. Lo scatto RAW era a 5 fps per sei fotogrammi, rallentando fino a 1.5fps nei nostri test.

how to purchase isotretinoin MODALITA’ VIDEO

La modalità video è stata trasformata dal nuovo obiettivo. Rendendo questa la prima fotocamera EOS che può essere utilizzato come una videocamera punta e scatta. Anche la messa a fuoco manuale e l’esposizione sono disponibili. Con tanti obiettivi tra cui scegliere, è un’opzione promettente per videomakerspiù seri. Ciò è rafforzato dal nuovo profilo video-X Picture Style (disponibile per il download per tutte le fotocamere EOS da http://web.canon.jp). Che fornisce una risposta colore piatta che dà più spazio di manovra in post-produzione.

QUALITA’ DELL’IMMAGINE

Le fotocamere Canon EOS raramente sorprendono per la qualità delle immagini. Con nessuna differenza distinguibile tra la 700D e l’uscita della 650D, questo è certamente vero anche qui. Infatti, la qualità di output del sensore non è cambiata molto da quando la 550D è stata lanciata nel 2010. Ma il più recente processore DIGIC 5 introdotto nella 650D gestisce il rumore ad ISO elevati leggermente meglio. C’erano un sacco di dettagli nitidi nelle sue foto da 18 megapixel. Le texture della pelle vengono gestite molto bene. Texture dense come il fogliame sembravano molto meglio nel RAW della fotocamera che in JPEG però.

Canon EOS 700D sample shot

 

Confronti diretti con la Nikon D5200 ci suggeriscono che in realtà è la Canon che offre dettagli più nitidi. Nonostante la sua risoluzione più bassa. I JPEG della Nikon sembravano leggermente più morbidi in confronto. Questo è dovuto a diversi approcci da parte dei due fabbricanti. Tuttavia – entrambe le telecamere consentono di regolare la quantità di nitidezza. Lo scatto in RAW ha rivelato un piccolo vantaggio da parte di Nikon per quanto riguarda i dettagli.

Canon EOS 700D sample shot

 

Canon EOS 700D sample shot

 

Canon EOS 700D sample shot

 

Canon EOS 700D sample shot

 

Canon EOS 700D sample shot

 

Canon EOS 700D sample shot

 

Canon EOS 700D sample shot

 

Canon EOS 700D sample shot

 

thuoc diclofenac 500 mg CONCLUSIONI

Abbiamo sempre apprezzato molto il design delle fotocamere della linea  EOS, e la 700D non fa eccezione. Per la prima volta, ecco una fotocamera consumer-oriented in grado di offrire qualità sublime senza svantaggi significativi. Le fotocamere rivali hanno una modalità video più sofisticata. Migliore autofocus o mirini più grandi, ma nient’altro a questo prezzo è così consistente. La qualità dell’immagine è quanto di meglio si possa trovare, e tutto il resto va da buona a eccellente. Con un’infinità di obiettivi compatibili disponibili, questa fotocamera è davvero una scommessa vincente.

 

Scopri il miglior prezzo per la Canon EOS 700D su Amazon.it